Piante

Dichondra, un perfetto sostituto dell’erba

Piantare la principale varietà di erba e coprire l’intero giardino sta limitando tutto il potenziale che potremmo estrarne. Con l’arrivo dell’estate, possiamo sfruttare al meglio questo spazio unico e, per questo, abbiamo una moltitudine di opzioni e configurazioni nel nostro giardino.

Ebbene, la stessa cosa accade con l’erba, visto che oggi abbiamo alternative molto valide e con meno cura per ottenere uno spazio verde, ma con caratteristiche totalmente diverse da quelle offerte dalle specie di tappeto erboso.

In effetti, la principale differenza che possiamo trovare tra Dichondra repens e l’erba è un problema fisico. Il solo vedere la configurazione delle ante segna un elemento totalmente differenziante e distinguibile.

La sua capacità di sviluppo è vertiginosa e ha molta meno cura del prato. Per questo e per tanti altri motivi si presenta come una vera alternativa per ricoprire con poca manutenzione grandi spazi del nostro giardino.

Conosceremo a fondo la pianta di dichondra e ne vedremo le caratteristiche principali.

caratteristiche principali

Il suo nome scientifico è Dichondra repens,  anche se è comunemente noto anche come centavito (per la moneta) o orecchio di topo, per la sua particolare forma.

Guarda le opzioni che hai con la dicondra per fare zolle nel tuo giardino

Appartiene alla famiglia delle campanule, poco conosciuta nel campo dell’ornamentazione, il cui nome scientifico è Convolvulaceae.

La particolarità che ha Dichodra è che non è un’erba e, tuttavia, ha un comportamento o un’utilità molto simili.

Si sviluppa attraverso stoloni e rizomi, quindi la sua espansione a coprire vaste aree è diretta purché siano soddisfatte le condizioni per il suo sviluppo.

In generale, l’elevata umidità fa sì che le sue radici inizino a esplorare e vi è una rapida riproduzione da parte degli stoloni per coprire un’area più ampia, diventando una pianta invasiva.

Origine

La sua origine e habitat è molto diffuso, potendo essere coltivato nelle zone calde degli Stati Uniti fino alla parte meridionale del continente americano (Cile e Argentina, tra gli altri).

La stessa cosa accade in Europa, potendo coltivarla in zone dove le temperature gelide non la influiscono eccessivamente.

La pianta ha il nome di Dichondra dal greco dei  = due e  chondros = grani. Questo perché i suoi frutti hanno 2 semi.

Dichondra repens  è strisciante, non raggiungendo più di 10 cm di altezza. Le sue foglie sono arrotondate e di colore verde brillante, piccioli relativamente corti e cilindrici. La sua fioritura avviene in primavera, con piccoli fiori.

Cura principale di Dichondra repens

Climatologia

La pianta dell’orecchio di topo è abituata alle zone d’ombra, dove l’umidità è ben conservata. Ha quindi un’attitudine più vicina alle specie tropicali che a quelle mediterranee.

Uno dei principali fattori condizionanti è l’umidità del terreno, poiché gli permette di riprodursi facilmente e velocemente estendendo la superficie che ricopre.

Nutrizione e irrigazione

Queste condizioni di umidità sono spesso associate a suoli con un’elevata percentuale di sostanza organica, che permetteranno uno sviluppo molto più notevole e una migliore copertura del terreno, se andremo a piantarlo con l’interesse di sostituire qualsiasi specie di erba.

Il suo fabbisogno idrico è molto inferiore a quello dell’erba, poiché le sue foglie resistono molto meglio alla conservazione dell’umidità e hanno un maggiore sviluppo delle radici.

Si tratta di annaffiature ogni 4 o 5 giorni, a seconda delle condizioni di umidità e temperatura ambientale.

In generale, il problema principale che ha la dicondra è che non resiste al calpestio così come all’erba, poiché le sue foglie si spezzano e i suoi piccioli si rompono.

Pertanto, quando si pianta l’orecchio di topo, l’ambiente migliore sarà quella parte del giardino in cui non vogliamo annaffiare così tanto e non ha un’alta frequenza di passaggio.

pianta dicondra

Il modo migliore per coltivare questo dicotiledone è per seme. la data di semina è tarda primavera o dopo l’estate, inizio autunno.

In ogni grammo di semi ne troviamo 700, con il vantaggio che la sua densità di impianto è relativamente bassa, con circa 6000 piante/mq.

Dose di semina consigliata: 10-15 grammi per metro quadrato.

La scatola contiene 500 grammi, che ci permette di coprire una superficie di circa 50 m2. Tieni presente che la pianta in seguito si diffonderà da sola, purché ci siano aree di umidità nel terreno.


La crescita del dicondra una volta che i semi sono stati distribuiti nell’area da ricoprire è rapida. Germina in media in meno di 2 settimane e il suo sviluppo, in buone condizioni di temperatura e umidità, è praticamente vertiginoso.

In generale, prima di piantare è bene fornire un piccolo letto di sostanza organica e mescolarlo molto bene con il terreno. Soprattutto per l’azoto che può fornire e che torna utile nelle prime fasi di sviluppo (compresa la produzione di radici).

Una volta che la pianta si è sviluppata, può essere concimata con concime granulare con le stesse caratteristiche per i prati.

Per saperne di più: acquista semi di dichondra

prodotti correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.