Piante

Juniperus sabina: cespuglio di grande resistenza

Le conifere come Juniperus sabina sono un’ottima alternativa in tutti i tipi di giardini in cui cerchiamo di avere spazi differenziati, coprire le lacune nel giardino e cercare di ottimizzare l’acqua di irrigazione.

Questa pianta, nota anche come ginepro strisciante, ha un portamento cespuglioso, dove raramente supera i 2 metri di altezza e accetta fantasticamente potature e potature. La sua manutenzione è molto semplice ed è abbastanza resistente ad un’ampia gamma di temperature e diverse zone climatiche.

Per questo motivo e per tutto quello che andremo a raccontarvi di seguito, Juniperus sabina diventa una fantastica pianta ornamentale che si abbina molto bene ad altre piante da fiore e alberi da frutto. In questo articolo vi raccontiamo le principali caratteristiche del ginepro strisciante e una guida alle sue principali cure.

Caratteristiche dell’arbusto Juniperus sabina (ginepro strisciante)

Juniperus sabina è una conifera a crescita bassa, di aspetto basso e con una geometria più ampia che alta, nella maggior parte dei casi non supera il metro di altezza.

La sua crescita è lenta, formando rami orizzontali dalla forma arrotondata che accettano molto bene la potatura. La corteccia dell’albero è di aspetto marrone, con sfumature grigiastre. Come di consueto nelle conifere, le sue foglie sono sempreverdi, dal colore verde intenso e con una fioritura che avviene alla fine dell’estate e si protrae fino alla primavera successiva.

Per la sua bassa manutenzione e la ridotta necessità di irrigazione, questa conifera si adatta perfettamente a un giardino xerofitico o con condizioni idriche basse.

tassonomia

  • Ordine:  Pinales
  • Famiglia: Cupressaceae
  • Genere:  Ginepri
  • Specie:  Juniperus sabina

Leggi tutto: Genere Picea: le conifere più longeve per il tuo giardino

Juniperus sabina guida alla cura

Successivamente, conosceremo la cura principale di questa conifera per coltivarla in qualsiasi luogo del giardino, poiché le sue condizioni di mantenimento sono molto basse ed è considerata un arbusto resistente.

D’altra parte, dato che la sua crescita è lenta, puoi piantarla per molti anni in vaso, ma pensando sempre all’esposizione all’esterno.

Dove trovare il nostro ginepro strisciante

Pianteremo il nostro Juniperus sabina all’aperto, in una zona ben illuminata e anche in pieno sole.Questa conifera sopporta ogni tipo di escursione climatica e resiste molto bene alle temperature gelide (anche gelate) e temperature molto elevate in estate.

A livello di localizzazione, l’ ambiente mediterraneo favorisce le migliori condizioni di sviluppo per Juniperus sabina. Se in estate di solito ci sono temperature molto elevate, che superano facilmente i 40ºC, è meglio posizionarlo in una zona semiombreggiata.

tipo di suolo

La Sabina rampicante si adatta molto bene a tutti i tipi di terreno, indipendentemente dalla sua consistenza e dal range di pH. Cresce solitamente in terreni calcarei con elevata presenza di calcio e magnesio. Non importa se il terreno è più o meno sassoso, ma è richiesto un minimo di drenaggio, quindi la sua coltivazione in terreni argillosi o sabbiosi è migliore di quella argillosa.

Evitare l’accumulo di umidità nel terreno, particolarmente comune nelle strutture argillose. Per migliorare il drenaggio, si consiglia di aggiungere sabbia grossolana alla buca insieme a sostanza organica e controllare la quantità di acqua fornita.

Caratteristiche di irrigazione

Il ristagno idrico è una delle condizioni peggiori per questo arbusto strisciante abituato alle condizioni di siccità, causando marciume radicale e avvizzimento dello stelo. Pertanto, dobbiamo tenere conto della consistenza del nostro terreno prima di definire il tempo dei gocciolatori.

In generale, irrigazioni di 30 minuti con una frequenza da 2 a 3 volte a settimana in primavera e in estate sono più che sufficienti per mantenere Juniperus sabina in perfette condizioni. 

Come concimare Juniperus sabina

In generale, l’apporto di fertilizzanti non è necessario e riforniamo annualmente di materia organica attorno al tronco principale. Se vediamo che fisicamente ha bisogno di uno stimolo, possiamo ricorrere a fertilizzanti granulari. Alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera, possiamo aggiungere un fertilizzante NPK ad alto contenuto di azoto in ragione di 50 grammi per pianta, riapplicando la stessa quantità a metà estate.

Infine, dopo l’estate, è bene aggiungere materia organica sotto forma di letame o compost, in ragione di 2 kg per cespuglio, che si decomporrà lentamente per migliorare la struttura del terreno e rilasciare sostanze nutritive nei mesi in cui il cespuglio è meno sviluppato.

Moltiplicazione del ginepro strisciante

Il ginepro strisciante si moltiplica dai suoi semi, processo che avviene normalmente in primavera o alla fine dell’estate se il clima è mediterraneo. Questi semi si trovano all’interno dei frutti, ad una velocità di 2 o 3 per bacca.

Questa pianta richiede però la stratificazione del seme, in un processo che può richiedere più tempo di quanto la nostra pazienza consenta, e molti ricorreranno all’acquisto di un nuovo esemplare in vivaio.

Per la semina dei tuoi semi, rimuoveremo lo strato esterno indurito che impedisce alla piantina di emergere. Normalmente, l’umidità o gli acidi vengono utilizzati per rimuovere la cuticola. Se non abbiamo acido, il processo rallenta ma può essere ugualmente praticabile. Naturalmente, è consigliabile utilizzare più semi nel caso in cui uno fallisca.

Successivamente necessitano di un periodo di 4 mesi di stratificazione a 4 ºC, quindi conservarli nel nostro frigorifero in condizioni semi-umide (in un contenitore con carta assorbente) può funzionare. Trascorso questo tempo, i semi vengono seminati in una pentola con un substrato poroso ben idratato.

In generale si stima che il potere germinativo non sia eccessivamente elevato, intorno al 50%.

Potatura e manutenzione generale

Juniperus sabina è una specie a bassa manutenzione. Nel caso in cui si cercherà di dare una forma particolare, effettueremo la potatura a fine inverno, prima dell’arrivo del germogliamento.

Per quanto riguarda parassiti e malattie, prestare molta attenzione agli ambienti allagati, poiché può proliferare il fungo Phytophthora, che provoca quello che è noto come «imbrunimento delle conifere» e che si risolve con l’applicazione di rame e alluminio fosetil.

In termini di insetti, il parassita più comune di questo tipo di pianta è la cocciniglia cotonosa, situata sui nuovi fusti e dal colore bianco che risalta sul verde della pianta. Di solito viene trattato con insetticidi o sapone di potassio, sebbene richieda diverse applicazioni fogliari per controllare il parassita.

Schede vegetali correlate

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.