Piante

Quercia gallica (Quercus faginea): caratteristiche e coltivazione

Il clima mediterraneo offre un ambiente ideale per lo sviluppo del genere Quercus, tra i quali spicca la varietà nota come quercia da gallina o quercia valenciana ( Quercus faginea). Molte specie di questo genere producono le famose ghiande e sono alberi ad alto fusto con un altissimo tasso di sopravvivenza e rusticità.

Questi alberi sono molto apprezzati nella penisola iberica sia per la produzione di ghiande per l’alimentazione dei maiali che per l’uso del legname, poiché è considerato un legno di altissima qualità.

In questo articolo parliamo delle principali caratteristiche della quercia gallica o della quercia valenciana.

Caratteristiche della Quercia ( Quercus faginea)

Potremmo dire che tra le varietà più conosciute di alberi da ghianda ci sono la quercia, la quercia comune e la quercia da sughero, anche se la quercia è anche tra le più conosciute.

Il Quercus faginea è originario delle foreste mediterranee, cresce lentamente e ha una vita secolare. Le specie possono essere trovate anche in Nord Africa, poiché praticamente condividiamo un clima. Questo albero raggiunge i 20 metri di altezza nella sua fase adulta, con dimensioni molto grandi e chioma che offre una magnifica ombra.

Fisicamente è molto simile al leccio ( Quercus ilex) anche se nel caso del querceto ( Quercus faginea) la fioritura avviene un po’ prima. Ha una dimensione leggermente più piccola, così come la densità del fogliame ed è decidua in condizioni invernali molto fredde.

Nomi comuni:  quercia portoghese, quercia d’Aleppo, quercia valenciana.

  • Legno: ampiamente accettato per l’edilizia grazie alla sua alta densità. Viene anche utilizzato per carbone e legna da ardere di lunga durata.
  • Foglie:  verdi nella pagina superiore e spente nella pagina inferiore. Ha bordi frastagliati, anche se poco profondi. La punta termina in un becco. In situazioni di basse temperature hanno un comportamento deciduo o semideciduo.
  • Fiori: di aspetto semplice, raggruppati in infiorescenze e senza pregio ornamentale. La fioritura avviene in primavera, da aprile a maggio.
  • Frutti: a forma di ghianda la cui base è ricoperta da una buccia a forma di squame. La fruttificazione e la produzione delle ghiande nei mesi da settembre a dicembre. Ogni 3 o 4 anni può presentare portamento alternato, influenzato dalle condizioni di fertilità del suolo e dagli agenti atmosferici.

La crescita di questa specie di Quercus è lenta, anche se leggermente più veloce della varietà più simile, la precedente. In condizioni ideali di sviluppo cresce in verticale intorno ai 50 cm. Sono specie molto longeve, con una media compresa tra 200 e 300 anni. Tuttavia, il quejido è l’albero con la minor longevità del genere.

Specie Quercus che producono ghiande

  • Quercus faginea  (Quejigo)
  • Quercus robur  (quercia comune)
  • Quercus ilex  (quercia)
  • Quercus ilex subsp. ballota  (quercia)
  • Quercus canariensis  (quercia andalusa)
  • Quercus coccifera  (piccolo)
  • Quercus humilis  (quercia pubescente)
  • Quercus petraea  (quercia sessili)
  • Quercus pyrenaica  (melojo o quercia nera)
  • Quercus suber  (quercia da sughero mediterranea)

Condizioni di sviluppo della quercia gallica

Posizione e tempo

Il clima abituale della quercia biliare o quercia valenciana è quello mediterraneo, con più popolazioni nella parte occidentale rispetto alla parte orientale. Man mano che ci dirigiamo verso nord, con inverni più freddi, le popolazioni iniziano a diminuire.

Pertanto, è abituata a climi con estati molto calde (spesso con temperature superiori ai 40ºC) e inverni miti.

Terra

La quercia valenciana cresce in qualsiasi tipo di terreno, comprese le condizioni acide tipiche di alcune parti di Huelva o anche le aree alcaline ricche di minerali calcarei come Malaga o Jaén, tra gli altri.

Rispetto al leccio predilige ambienti con maggiore umidità (pioggia), più profondi e più freschi. Il suo apparato radicale è profondo, sviluppando radici con tendenza alla verticalità rispetto alle radici superficiali.

I terreni profondi, condizione ottimale per questo albero, sono in grado di conservare meglio l’umidità rispetto ai terreni superficiali, cosa che la quercia bianca apprezza molto bene quando viene piantata in zone molto calde con temperature elevate in estate.

bisogni di acqua

La quercia gallica è uno dei Quercus più resistenti alla siccità del genere. Per questo motivo sono presenti anche alcune popolazioni isolate in zone particolarmente aride della Penisola Iberica, come nel caso della Regione di Murcia, con precipitazioni che a volte non superano i 300 mm. Tuttavia, le popolazioni sono molto basse a causa delle condizioni estremamente siccitose.

In condizioni ideali necessita di un certo periodo di pioggia e umidità per instaurare un buon germogliamento, tra i mesi di maggio e agosto,

Moltiplicazione

Dalle ghiande prodotte nei mesi di settembre e ottobre si possono ottenere nuove specie ibride facilmente dispersi. Per fare questo, quando hai ghiande di quercia valenciana in tuo possesso, immergile per 48 ore in acqua. Da qui, piantali in un vaso mix di substrato universale o torba e fibra di cocco. Conserva la pentola in un luogo caldo e leggero, ma al riparo dalla luce solare diretta.

La semina è normale all’inizio della primavera, anche se nelle zone con inverni miti si può piantare all’inizio dell’autunno, non appena si raccoglie la ghianda.

Ricorda: la punta incastrata nel supporto e la base è quella che apparirà in superficie.

Abbonato

Si consiglia di applicare fertilizzanti ricchi di azoto e fosforo per le piantine che hanno germogliato e hanno sviluppato le prime foglie vere. In questo modo ne miglioreremo lo sviluppo e l’emissione delle prime radici pivotanti.

Trattandosi di piante molto piccole, si consiglia l’applicazione di fertilizzanti liquidi, fornendo una quantità massima di 1 ml/L di acqua di irrigazione. Puoi anche usare l’humus liquido per promuovere lo sviluppo delle radici.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.