Piante

Piante di asparagi

Piante di asparagi. Asparagi

Genere: Asparagi

Specie: A. officinalis

Famiglia: Liliaceae

Origine: Europa centrale e meridionale
Caratteristiche: ha steli o giovani germogli che sono ampiamente utilizzati in medicina e in gastronomia.
Moltiplicazione: per semi e artigli

L’asparago è la più famosa delle piante di asparagi, cresce meglio nelle zone sabbiose e nei letti dei fiumi. Può essere coltivata come pianta orticola: l’asparago.

È una pianta con una base spessa e un fusto diritto che può misurare 1,50 metri di altezza, quando si tratta di piante coltivate. Le foglie di asparagi sono piccole e di colore biancastro. Hanno un piccolo sperone alla loro base.

Oltre ad avere foglie vere e proprie, hanno altri tipi di “foglie” che non sono proprio “foglie”, ma sono steli malformati.

Questi steli malformati sono caratterizzati dalla loro forma aciculare e sono lunghi 2 centimetri, raggruppati in numeri che vanno da 3 a 6.

I fiori degli Asparagi sono piccoli e campanulati, di colore bianco grigiastro, nascono alla base dei rami nei mesi prima del caldo.

All’interno di questa specie, ci sono piante maschili e femminili. Il frutto è una bacca rotonda e rossa.

I giovani germogli (steli) sono in realtà asparagi e sono ampiamente consumati in gastronomia. Contengono anche un principio attivo molto importante, l’asparagina e la tirosina. Tra le sue proprietà medicinali è senza dubbio un magnifico diuretico.

Acquista artigli di asparagi

La coltivazione dell’asparago è originaria dell’Europa , e abbiamo già detto che è molto apprezzato per le sue sostanze nutritive e gli usi culinari. Viene acquistato per essere piantato tra gennaio e aprile. È un raccolto facile, quindi basta seguire alcuni consigli per ottenerne uno.

La Navarra e la Valle dell’Ebro sono state tradizionalmente una zona di grandi piantagioni perché il terreno è sabbioso e leggero e intorno a questa coltura si è già sviluppata un’intera industria. Negli ultimi anni il suo declino è stato significativo, è quasi un’avventura trovare asparagi locali su vaste aree, tutti provenienti dalla Cina o dal Perù.

Per trovare gli asparagi locali della Navarra, bisogna recarsi in gastronomia o in luoghi di livello superiore. Fortunatamente la situazione sta cambiando e c’è una domanda di asparagi di qualità, lavorati e coltivati in condizioni di sicurezza.

La produzione di asparagi può durare fino a 10 anni, motivo per cui è considerata una coltura molto redditizia. Così , il modo più appropriato è quello di piantare gli artigli degli asparagi (radice della pianta), in quanto questo permette di anticipare il raccolto e garantisce che la pianta possa germogliare in modo sicuro.

Piantare artigli di asparagi

Il terreno dovrebbe essere sabbioso, ma se non è disponibile, si dovrebbe preparare una miscela di sabbia e terreno locale. E anche se questa pianta non è affatto delicata, potrebbe aver bisogno di un apporto di sostanze nutritive. Prima di piantare gli artigli, è quindi necessario assicurarsi che sia disponibile un qualche tipo di fertilizzante o compost per migliorare la materia organica nel terreno, poiché le piante di asparagi sono più produttive nei terreni che contengono grandi quantità di materia organica. Il periodo migliore per piantare gli artigli è tra febbraio e aprile.

Una volta che il terreno è pronto, posizionare gli artigli e lasciare uno spazio di 30-45 cm tra di loro. Poi ricoprire gli artigli con terra in modo che siano completamente sepolti e annaffiarli bene.

Quando vedete uscire i primi artigli, è meglio lasciare che la pianta acquisti forza per raccoglierla. La stagione del raccolto è in primavera e in estate. Fare attenzione a non tagliare gli steli in modo che le radici non muoiano e possano ottenere sostanze nutritive. Per poter raccogliere, è necessario utilizzare un coltello e tagliare all’interno e per ogni raccolto annuale, aggiungere materia organica in modo che la pianta sia grata.

In questo caso, la pianta ha due nemici principali come la mosca degli asparagi, che può distruggere le lance fino a renderle immangiabili. E il coleottero degli asparagi, che divora la pianta, comprese le foglie e i gambi. Ci sono anche funghi che causano marciume e macchie grigiastre sulle lance. Si consiglia quindi di prestare attenzione alla loro presenza.

Anche se sono la stessa pianta, i tipi di asparagi sono generalmente divisi in bianchi e verdi.

Asparagi bianchi

L’asparago bianco ha un sapore molto particolare, aromatico e un po’ amaro. La sua consistenza è tenera e si trova in varie varietà, cipresso, darzilla, ecc.

L’asparago bianco viene coltivato senza luce e viene sottoposto ad un procedimento di aporcado, cioè viene ricoperto di terra in modo che la luce del sole non lo colpisca e può continuare a rimanere bianco fino alla raccolta.

Clima e posizione degli asparagi bianchi

Gli asparagi sono adattati ai climi tropicali, temperati e subtropicali . Preferiscono siti chiari e privi di correnti d’aria. Temperature diurne inferiori a 15°C o notturne inferiori a 10°C bloccano la crescita degli asparagi, che quindi crescono meglio tra i 18 e i 25°C e con un’umidità dell’aria dal 60 al 70%.

Terreno e concimazione degli asparagi bianchi

Gli asparagi amano il terreno fresco, profondo e ben drenato e odiano l’acqua stagnante. Il pH corretto è compreso tra 6,5 e 7,8 e si comportano bene con i terreni che si trovano all’aperto.

Arrada la terra e aggiunge il letame, al ritmo di 300 chili per 100 m2. Dovrete anche aggiungere 90g di fosforo e 2,5 chili e mezzo di potassio. È inoltre necessario aggiungere 1,5 k di azoto, suddiviso in 3 applicazioni nel primo anno.

Nel secondo, aggiunge 150 chili di concime ogni anno, 90 grammi di fosforo e 1,5 chili di potassio per ogni 100m2 di fertilizzazione del fondo. Poi, nel fertilizzante di copertura, dovrete aggiungere da 1 a 2 chili di azoto, da 0,5 a 1 chilo di fosforo e da 1,5 a 2,5 chili di potassio per ogni 100m2.

Dal terzo, verranno aggiunti da 1 a 2 kg di azoto, da 0,5 a 1 kg di fosforo e da 1,5 a 2,5 kg di potassio per 100 m2 come fertilizzante inferiore; e, come fertilizzante superiore, 1 kg di azoto.

Irrigazione e riproduzione di asparagi bianchi

Annaffiate abbondantemente dopo la semina, poi dovrete annaffiare durante il periodo di crescita vegetativa e di raccolta. Cercate di mantenere il terreno sempre umido, ma evitate i ristagni d’acqua.

Evitare anche l’irrigazione a pioggia durante la stagione di crescita della pianta, poiché questo sistema bagna troppo gli asparagi e può causare malattie fungine. Alla fine dell’estate, interrompere l’irrigazione per evitare germogli inutili.

Se volete moltiplicare gli asparagi , potete farlo anche con i semi. Questi vengono seminati in un semenzaio e i rizomi vengono poi trapiantati nel sito finale. La semina deve essere effettuata a fine inverno o all’inizio della primavera ad una profondità di due dita.

Per la germinazione dei semi è necessaria una temperatura da 6 a 8°C, la temperatura migliore è compresa tra 0 e 25°C. La pianta cresce per tutta la stagione estiva fino all’arrivo dell’autunno, quando si asciuga.

In questa fase, si dovrebbe tagliare l’esterno della pianta e lasciare solo il rizoma sotto il terreno, che rimarrà attivo per tutto l’inverno. Quando arriva la primavera, tirate fuori i rizomi e piantateli sul sedile.

Se avete intenzione di acquistare gli artigli degli asparagi , dovete piantarli aprendo delle trincee profonde 30 cm, distanziate di 2,3 metri l’una dall’altra. Questi sono piantati a 10 cm di profondità, a 40 cm di distanza l’uno dall’altro.

Ricordate che gli asparagi bianchi impiegheranno almeno 3 stagioni per produrre germogli per la vendita o il consumo. Possono quindi essere raccolti a partire dal terzo anno.

Asparagi selvatici

L’asparago selvatico appartiene alla famiglia delle Asparagaceae acutifolius o Asparragus aphyllus , con un sapore simile all’asparago bianco, ma si consuma regolarmente sui turioni. Quindi cerchiamo di conoscere le loro cure.

Caratteristiche degli asparagi selvatici

La forma di uno stelo principale, modificato in rizoma, si sviluppa orizzontalmente sottoterra. Le radici sono cilindriche e crescono direttamente dal fusto sotterraneo, spesse e carnose. Le gemme sono gli organi dove crescono i germogli (parte commestibile della specie). I fiori sono piccoli, di solito solitari, a campana e con corolla verde giallastra. Il frutto è una bacca rotonda di 0,5 cm di diametro, verde all’inizio e rossa a maturazione. Ogni frutto ha 1-2 semi marrone scuro o neri, che sono poliedrici e rotondi.

Cura degli asparagi selvatici

Questa pianta può essere coltivata in un clima simile a quello della penisola iberica (18 e 25˚C). È resistente al gelo, sia esso forte o leggero. Tuttavia, è una specie sensibile alle fluttuazioni di temperatura, così come ai venti.

Ma vale la pena ricordare che è un po’ impegnativo in termini di qualità del suolo. Il terreno ideale ha un pH compreso tra 7,5 e 8, ma ammette quelli di pH 6,5, ben drenati, con tessitura sabbiosa. Anche se cresce anche in terreni un po’ argillosi. Inoltre, viene piantato ad una profondità minore, in quanto non richiede lo sviluppo del torrone.

L’umidità ottimale per la crescita è compresa tra il 60 e il 70%. È quindi importante che il terreno non sia saturo d’acqua per evitare problemi di malattie fungine.

L’irrigazione deve essere fatta ai piedi della pianta, evitando di bagnarla. È quindi preferibile utilizzare l’irrigazione a goccia o il manicotto che trasuda.

A differenza di altre verdure, l’asparago selvatico non richiede la luce diretta del sole e cresce meglio nelle zone d’ombra.

Per la raccolta, si raccoglie durante i mesi primaverili ed estivi. È anche molto facile, basta lasciare due steli non tagliati e raccogliere il più tenero. È quindi necessario tagliarli a livello del suolo.

L’asparago selvatico è una pianta fantastica anche come pianta ornamentale, può essere usato come siepe, in gruppi isolati, la sua forma piumata lo rende molto piacevole da guardare

Cosa ne pensi? Vi piace l’idea di adottare una nuova pianta nel vostro giardino? Allora se siete pronti a coltivare quell’ortaggio, tanto vale che ne valga la pena.

  • Quando le piante iniziano a produrre fiori, si può distinguere tra maschi (fiori grandi) e femmine (fiori piccoli), allora è il momento di rimuovere le femmine e usarle come concime.
  • Le piante devono poi poter completare il loro ciclo di crescita in vivaio in inverno. In modo che l’anno successivo, dopo la germinazione, siano maturi e pronti per essere trapiantati nel letto permanente.
  • Coltivazione di asparagi

    Questo è il modo migliore per garantire un raccolto efficiente, acquistare le chele di asparagi da siti di qualità, come tutto il resto, nell’acquisto di chele di asparagi ci sono anche qualità, generalmente la qualità delle chele è legata al peso delle chele, più alto è il peso, migliore è l’asparago e in meno tempo.

    1. Per preparare il luogo, le erbe e l’erba devono essere rimosse. Quindi sciogliere il terreno e aggiungere concime, compost o farina d’ossa ad una profondità di 38 cm. Scavare trincee per la semina. Le trincee devono avere una profondità compresa tra 0,5 e 0,8 metri. Quindi mescolare il terreno rimosso con compost organico o una miscela di fosfato di roccia con polvere minerale e spalmarlo al centro.
    2. Mettete gli artigli in un secchio con acqua calda o con del tè di compost per 15 minuti prima di piantare.
    3. Posizionare le radici nei solchi ad una distanza di 45 cm, quindi coprire le radici ai lati dei solchi ad una distanza di circa 7 cm. Annaffiate bene tutta l’area quando avrete finito di piantare.
    4. Quando la pianta di asparagi inizia a crescere e il terreno si assesta, è indispensabile aggiungere del terriccio, circa 5 cm ogni due settimane.
    5. Concimare la pianta per mantenere le erbacce a un livello minimo e un’umidità ottimale.

    Tenete presente che migliore è l’insediamento dell’asparago, più a lungo vivrà e più abbondante sarà il raccolto .

    Deja una respuesta

    Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *