Piante

Guida alla cura della dimorfoteca

Amiamo le piante da fiore tappezzanti che si riproducono facilmente e coprono grandi distese del giardino durante la primavera e l’estate. Tutte queste caratteristiche sono tipiche delle piante dimorphotheca (genere Dimorphotheca), che offrono grande resistenza e rusticità per non avere molti mal di testa.

Queste piante da fiore possono essere coltivate sia nel giardino mediterraneo che in vaso, coltivate all’aperto in pieno sole.La loro coltivazione presenta pochissimi fattori condizionanti, come il freddo intenso.

Per il resto si adattano perfettamente a molti ambienti ed emettono una spettacolare fioritura di varie sfumature nel periodo primaverile ed estivo.

In questo articolo vi forniamo una guida completa sulla coltivazione e le principali caratteristiche del genere delle piante dimorphotheca.

Caratteristiche della pianta dimorfoteca

Il genere delle piante dimorphotheca è rappresentato dalla famiglia delle Asteraceae (asteraceae), che comprende un gran numero di piante erbacee da fiore, molte delle quali perenni poiché crescono in zone con temperature calde.

È il caso della dimorphotheca o margherita del Capo ( Dimorphotheca ecklonis), come è anche conosciuta. La sua origine è africana, dove si trovano le popolazioni più numerose in Sud Africa. Portamento rustico, grande fioritura e specie resistente perfettamente adattata alle zone calde dell’Europa.

Una delle cose che più attira l’attenzione delle dimorfoteche è che si possono realizzare raggruppamenti di diverse sfumature, ottenendo colori viola, biancastri o rosa.

La sua altezza è bassa, non supera i 50 cm di altezza, quindi può essere abbinata ad alberi o arbusti più grandi. Si adattano molto bene ai giardini rocciosi, ai bordi delle strade e a qualsiasi copertura paesaggistica.

Alcune delle caratteristiche fisiche di questa pianta erbacea sono le seguenti:

  • Foglie:  piccole, ovali, di tipo carnoso e bordi irregolari.
  • Fiori: emette fiori composti, grandi e molto simili alle margherite. Tonalità diverse a seconda della cultivar, con i colori principali viola, rosa, lilla e fucsia. La fioritura avviene durante la primavera e l’estate, anche se nelle zone calde può farlo quasi tutto l’anno, ad eccezione dei mesi freddi.

Nomi comuni:  il nome più comune è quello che fa riferimento al genere, dimorfoteca, anche se ve ne sono anche altri conosciuti come Cape margherita, Cape calendula, matacabra o stella polare.

Origine

Molte asteraceae hanno origine nelle zone calde del continente africano. In questo caso le dimorfoteche provengono dall’Africa, dove hanno un comportamento perenne e fioriscono per più di 8 mesi all’anno.

Questa fascia climatica può essere esportata nel sud della Spagna, con temperature molto calde durante l’estate e inverni miti. Inoltre si adatta molto bene ai giardini costieri, dove le temperature sono ancora più miti.

varietà

All’interno del genere  Dimorphotheca, troviamo 49 specie descritte di dimorphothecae. Tuttavia, attualmente sono state accettate solo 21 specie.

  • Dimorphotheca acutifolia  Hutch.
  • Dimorphotheca Barberae  Harv.
  • Dimorphotheca caulescens  Harv.
  • Dimorphotheca chrysanthemifolia  (Vent.) DC.
  • Dimorphotheca cuneata  (Thunb.) DC.
  • Dimorphotheca dregei  DC.
  • Dimorphotheca ecklonis  DC.
  • Dimorphotheca fruticosa  (L.) DC.
  • Dimorphotheca jucunda  E. Phillips
  • Dimorphotheca montana  Norl.
  • Dimorphotheca nudicaulis  (L.) DC.
  • Dimorphotheca pluvialis  (L.) Moench
  • Dimorphotheca polyptera  DC.
  • Dimorphotheca pulvinalis
  • Dimorphotheca sinuata  DC.
  • Dimorphotheca spectabilis  Schltr.
  • Dimorphotheca tragus  (Aiton) B. Nord.
  • Dimorphotheca turicensis  Thell.
  • Dimorphotheca venusta  (Norl.) Norl.
  • Dimorphotheca walliana  (Norl.) B. Nord.
  • Dimorphotheca zeyheri  Sond.

Consigli per la cura della dimorfoteca

Commenteremo i punti principali per prenderci cura di queste piante tappezzanti ad alta fioritura. In sostanza possiamo riassumere che hanno un comportamento rustico e la loro cura è molto semplice.

cura in vaso

Le Dimorphothecae possono essere coltivate sia in giardino che in vaso. Per quest’ultimo caso le condizioni non cambiano molto rispetto al giardino, ma forniamo il seguente riassunto:

  • Ubicazione: zone soleggiate, ben illuminate, anche sole diretto, e al riparo dal freddo.
  • Irrigazione: 3 annaffiature a settimana (1/3 di volume del vaso) in estate e 1 irrigazione in inverno.
  • Substrato: metà torba o substrato universale e l’altra metà materiali porosi come la fibra di cocco per garantire un buon drenaggio.
  • Abbonato: segui lo stesso programma del giardino.

posizione e temperatura

Le dimorfoteche necessitano di temperature calde per la maggior parte dell’anno. Sono comunque considerate specie rustiche, quindi resistono al freddo mite e anche alle piccole gelate, purché non abbiano la parte più sensibile della pianta, i fiori.

Il clima ideale in Spagna è quello mediterraneo, con inverni miti ed estati calde e umide. In queste condizioni si comporta come una specie perenne, emettendo grandi germogli e fioriture per tutta la primavera e l’estate.

Possono essere coltivate in giardino in pieno sole, necessitando di un’ottima illuminazione e più luce è, meglio è. Questo produrrà più fiori.

Zone estremamente calde con estati molto calde, puoi cercare aree più protette senza sole diretto, ma con una buona illuminazione.

caratteristiche del suolo

Piante rustiche che possono svilupparsi in tutti i tipi di terreno. Hanno bisogno di un adeguato drenaggio e il loro sviluppo è migliorato se aggiungiamo materia organica o compost al terreno. Daremo questo contributo prima del suo trapianto o germinazione, apportando più quantità (2-3 kg/m2) a fine inverno.

Preferibilmente sono perfetti i terreni leggeri con un contenuto di sabbia più elevato, con un pH vicino al neutro (6,0-7,5).

Come annaffiare le dimorfoteche

L’irrigazione è una delle parti più importanti quando si tratta di prendersi cura delle dimorfoteche. In generale, non necessitano di condizioni particolarmente diverse da qualsiasi altra tappezzante floreale.

Un programma consigliato per praticamente tutte le zone calde sarebbe il seguente, valido anche per la coltivazione in vaso:

  • Irrigazione in primavera e in estate:  3 volte a settimana.
  • Irrigazione in autunno e inverno:  1 volta a settimana

Aumenteremo o ridurremo la quantità a seconda dello stato del supporto. Coltivate in giardino, possono essere irrigate per aspersione, garantendo una buona copertura irrigua, oppure per gocciolamento, non separando i gocciolatori di oltre 30 cm per creare un bulbo umido costante su tutta la superficie.

Abbonato

Le specie terrestri come la dimorfoteca hanno bisogno di recuperare i nutrienti durante il periodo di germogliamento, a partire dalla primavera.

Personalmente consigliamo di giocare con fertilizzanti minerali e fertilizzanti organici, compresa la materia organica.

Il compost è un apporto ideale alla fine dell’inverno, poiché oltre a fornire nutrienti migliora le condizioni del suolo e migliora la biologia del suolo (cosa che è sempre più importante).

Per quanto riguarda i fertilizzanti minerali, abbiamo la possibilità di iniettarli insieme all’irrigazione automatica (a goccia o a pioggia). Cercheremo una formula bilanciata ricca di azoto e con micronutrienti.

Se non disponiamo di un dispositivo di iniezione del fertilizzante, utilizzeremo fertilizzanti solidi granulari di facile applicazione. Una miscela NPK 12-8-16 con micronutrienti è una formula generale perfetta per le specie macinate.

Moltiplicazione

La moltiplicazione delle dimorfoteche è assicurata dai semi. Si ottiene facilmente dai fiori morti a fine estate. Sono piccoli ovali e hanno un grande potere di germinazione.

L’ideale è piantarli a fine inverno, in modo che avvenga una buona germinazione. Per fare questo, possiamo seminarli direttamente nell’orto precedentemente annaffiato, oppure far avanzare la loro coltivazione in vaso, effettuando il trapianto in seguito.

Se manteniamo l’umidità costante (e non esageriamo), impiegano tra 1 e 2 settimane per germogliare. Per creare un perfetto giardino tappezzante, i semi possono essere distanziati di 10-15 cm l’uno dall’altro.

Potatura e manutenzione

La potatura o la manutenzione generale di queste piante perenni si basa sulla rimozione dei fiori appassiti. Con le forbici o anche con le mani pizzichiamo i gambi, in modo tale da favorire il germogliamento di nuovi.

Gambi e fiori secchi e danneggiati nella loro fase finale verranno rimossi durante il periodo estivo.

Se abbiamo una pianta invecchiata o di aspetto brutto, è meglio fare una potatura drastica dove tagliamo tutti gli steli. La rigenerazione dello stelo è garantita.

Piaghe e malattie

I parassiti e le malattie delle dimorfoteche sono quelli usuali per le piante perenni di tipo erbaceo. Sebbene non sia comune, può soffrire di attacchi di afidi sui nuovi germogli, e nei periodi di caldo e di siccità ambientale può essere colpito dal ragnetto rosso, che provoca macchie gialle e clorosi generale delle foglie.

Per curare questi parassiti possiamo usare il sapone di potassio come formula universale, ma ci vorrà pazienza e ripetere i trattamenti ogni 3-5 giorni fino all’eliminazione degli insetti.

Per quanto riguarda le malattie, può soffrire di muffe grigie e funghi che colpiscono la base o il collo della pianta, soprattutto in condizioni di scarso drenaggio e ristagni idrici.

Se colpiti, possiamo ricorrere a formule di rame ecologiche, come l’ossicloruro di rame o l’ idrossido di rame.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.