Piante

7 consigli per coltivare il mastice nel tuo giardino

Tra le specie tipiche mediterranee, una delle più notevoli è il lentisco ( Pistacia lentiscus). Un cespuglio che è stato utilizzato nel corso della sua storia per le sue proprietà medicinali e per la produzione di una gomma aromatica simile alla gomma da masticare odierna.

Nell’abbellimento urbano, questa pianta è usata frequentemente per creare giardini perché è un’alternativa a basso consumo idrico per gli spazi xerofiti e ha una grande resistenza all’inquinamento, all’escursione climatica e alle esigenze nutrizionali.

Inoltre, ornamentalmente offre un aspetto attraente, con foglie verdastre indurite e fiori di colore viola. Viene frequentemente utilizzato piantato da solo o per fare siepi, con l’unione di più specie e una potatura annuale di mantenimento.

In questo articolo vogliamo conoscere a fondo l’ arbusto sempreverde noto come lentisco. Tutti i dettagli sulla sua cura, caratteristiche e gestione in giardino.

Il lentisco come una pianta

La pianta del lentisco è considerata dai botanici come un arbusto, che in genere supera facilmente il metro di altezza e, se si omette la potatura, può arrivare fino a 5 metri.

Geograficamente si trova in tutto il bacino del Mediterraneo (comprese le Isole Baleari) e le Isole Canarie. Si parla quindi di specie adattata agli sbalzi termici, con estati molto calde e secche ed inverni secchi e miti.

Come curiosità, c’è il lentisco maschio e femmina e, quindi, è considerato una specie dioica. È una specie sempreverde che non perde le foglie in inverno, quindi è ideale in urbanistica per delimitare zone con siepi, in quanto tollera molto bene la potatura.

A livello di coltivazione hanno molta resistenza e si adattano a diversi tipi di terreno, intemperie e tipi di stress, quindi è una pianta molto apprezzata da inserire nel catalogo del giardino.

Presenta foglie di colore verde intenso, alquanto grigiastre ai raggi solari e molto dure al tatto (segno di buona resistenza allo stress idrico). Sia la specie maschile che quella femminile producono fiori. Nel caso del maschio, con 5 stami, e nel caso della femmina, con stilo.

I frutti che produce, una specie di piccola bacca, non sono commestibili per l’uomo, ma alcuni uccelli con lo stomaco più preparato lo notano.

tassonomia del mastice

  • Ordine:  Sapindales
  • Famiglia: Anacardiaceae
  • Genere:  pistacchio
  • Specie: Pistacia lentiscus

Cura principale del mastice

1. Climatologia

temperature

Il lentisco, come il suo congenere cornicabra ( Pistacia terebinthus), sono specie considerate rustiche, tipiche dell’area mediterranea con estati molto calde e lunghi periodi di siccità.

La forza dei suoi germogli e la morfologia delle sue foglie garantiscono un’elevata resistenza alle alte e alle basse temperature, comprese le gelate sporadiche. Infatti ha sempre foglie ed è una specie perenne.

illuminazione

Può essere coltivata all’aperto in qualsiasi disposizione soleggiata con una buona illuminazione. Non importa se è esposto alla luce solare diretta, poiché le sue foglie sono molto resistenti e indurite.

Umidità

Non richiede elevata umidità ambientale, anche se lo ammette, come si può vedere nelle zone costiere con brezze marine.

Parliamo, quindi, di un impianto fuoristrada.

2. piano

Le condizioni pedologiche ideali per lo sviluppo ottimale del lentisco sono i tipici terreni leggeri, calcarei a pH alcalino dell’area mediterranea. Si possono infatti osservare specie che crescono in ambienti totalmente rocciosi e in zone saline tipiche delle zone costiere e molto vicine al mare.

Offre grande rusticità e può essere coltivata in quasi tutti i terreni. Dobbiamo evitare quelli a tessitura pesante, come l’argilla, o offrire alternative come un impasto con sabbia per migliorare il drenaggio ed evitare le pozzanghere.

3. Irrigazione

I rischi del mastice devono essere scarsi ed opportuni. La conservazione della pianta, il potenziamento della fioritura e il maggior sviluppo delle sue radici si ottengono con un moderato apporto idrico.

  • Irrigazione in primavera e in estate:  da 2 a 3 annaffiature a settimana. Contributo da 4 a 6 litri per irrigazione e pianta.
  • Irrigazione in autunno e inverno: 1 irrigazione a settimana. Contributo da 2 a 4 litri per irrigazione e pianta.

Sebbene rispettiamo questa frequenza di applicazione dell’acqua, aumenteremo o abbasseremo il flusso d’acqua per l’irrigazione a seconda di come vediamo la conservazione dell’umidità nel terreno. I terreni molto rocciosi e sabbiosi produrranno un rapido dilavamento dell’umidità, quindi sarà necessario aumentare il numero delle irrigazioni.

D’altra parte, i terreni più pesanti avranno bisogno di meno frequenza e un po’ più di acqua per irrigazione.

4. Abbonato

Il lentisco è una specie che non necessita di un apporto continuo di fertilizzanti. Un terreno fertile dove applichiamo periodicamente materia organica garantirà il costante approvvigionamento del fabbisogno di questa pianta.

Nelle zone dove si vuole un maggiore sviluppo della pianta, sia per ricoprire un’area con maggiore densità o per potare successivamente per una siepe, possiamo applicare in primavera del concime granulato di facile utilizzo.

Un fertilizzante granulare con un buon rapporto ed equilibrio nutrizionale è NPK 12-8-16 con magnesio, zolfo e micronutrienti (boro, ferro e zinco). Si usa in piccole quantità e si diluisce lentamente per azione dell’umidità ambientale e delle periodiche annaffiature.

Quantità da utilizzare:  50 grammi per le piante piccole e 100 grammi per le specie più grandi. Distribuire bene attorno allo stelo e coprire l’intera zona della radice.

5. Moltiplicazione

Il modo più pratico per moltiplicare il lentisco, sebbene anche il meno rapido, è la riproduzione per mezzo dei semi. Ciò è dovuto al fatto che, attraverso il taglio, ha difficoltà a produrre semi e necessita di condizioni specifiche per farlo, anche se non è impossibile.

La germinazione dei semi può essere effettuata, in vaso al chiuso, nei mesi primaverili. È possibile utilizzare una miscela di fibra di cocco e substrato di terriccio per garantire la conservazione dell’umidità, poiché è un requisito che richiede che il seme si ammorbidisca e ne faciliti la germinazione.

Sii paziente, poiché la germinazione è alquanto lenta, ma ripagherà. Come raccomandazione, pianta diversi semi nel caso in cui uno di essi non sia fattibile.

6. Potatura

Quando si tratta di formare siepi, una specie molto adatta a questo è il lentisco, data la facilità di potatura e il suo successivo recupero. Questa specie è in grado di dare forme circolari, rettangolari anche per adattarsi alla coltivazione in vaso.

I suoi germogli sono abbastanza resistenti ai tagli e guariscono molto bene. Inoltre, offre un buon germogliamento nei mesi primaverili.

Il lentisco infatti può essere utilizzato anche nella coltura bonsai, producendo legno di alta qualità che ben si adatta a questa gestione molto particolare.

7. Parassiti e malattie

afide

Il lentisco può visitare i tipici parassiti polifagi che attaccano quasi tutte le specie vegetali. Infatti un parassita molto diffuso in questa specie è l’ afide lentisco, il cui nome scientifico è Aploneura lentisci.

Attacca giovani germogli e frutti (bacche) e si trova in tutto il bacino del Mediterraneo e in Portogallo.

Pidocchio

La cocciniglia si trova solitamente nelle foglie e nei piccoli steli lignificati. Di solito ha aspetti diversi, anche se il più comune è la cocciniglia bianca. Esiste un altro tipo di cocciniglia, dall’aspetto duro, circolare e dai colori scuri (nero e marrone) che colpisce anche altre specie con foglie della stessa consistenza, come l’alloro (lauro cocciniglia o Protopulvinaria pyriformis).

Entrambi producono melata (foglie dall’aspetto appiccicoso) e attirano afidi e funghi come il grassetto, che si nutrono del succo cellulare o della melata prodotta dalla pianta.

Proprietà e usi del mastice

Oltre al suo uso ornamentale, al lentisco sono stati attribuiti anche alcuni usi che risalgono all’epoca classica. Ad esempio, in un’area mediterranea così tipica del paese greco, esistono gomme da masticare a base di lattice prodotto dal legno di questa pianta.

A sua volta viene utilizzato anche come condimento per la produzione di liquori in altri paesi dell’area mediterranea.

Tuttavia, l’uso principale attualmente è quello ornamentale, dove diversi paesi, come il Messico, lo hanno introdotto naturalmente e oggi si è completamente adattato. Sempre più spesso si cerca per lo sviluppo di parchi e giardini pubblici di utilizzare piante a basso consumo idrico, poco curate e molto resistenti alle intemperie, come nel caso del lentisco.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.