Piante

Guida alla coltivazione e usi della paniculata

La Paniculata è attualmente uno dei fiori più utilizzati per feste e matrimoni. I suoi piccoli fiori di colore bianco intenso e la sua composizione floreale lo rendono adatto a bouquet, centrotavola e qualsiasi decorazione in genere.

In questo articolo andiamo a raccontarvi alcune curiosità su questa pianta, per conoscerla un po’ più a fondo, oltre a come viene coltivata e perché viene utilizzata tanto come pianta o fiore ornamentale.

Gipsofila paniculata

Questo è proprio il suo nome scientifico, appartenente al genere  Gypsophila.  All’interno di questo gruppo troviamo molti tipi di ornamentali, la paniculata è quella che spicca di più.

È conosciuto anche con altri nomi, come velo da sposa, definizione molto appropriata per la composizione dei suoi fiori e per gli usi di questa pianta.

Gypsophila paniculata ha steli molto ramificati dall’aspetto legnoso. È formato da un massimo di 8 rami da cui hanno origine le infiorescenze.

I riferimenti alla Gypsophila  e ai matrimoni sono continui. Oltre al nome del velo da sposa, è anche caratterizzato in alcune zone dell’America Latina come pillanovios.

Il fiore bianco paniculata

Uno dei fiori più apprezzati, per il suo prezzo e per il suo aspetto nell’attuale mondo dell’ornamentazione. Soprattutto per matrimoni e creazione di bouquet o centri floreali. La Paniculata fiorisce durante i mesi estivi, anche se oggigiorno la sua coltivazione e conservazione può essere estesa per diversi mesi.

Per la sua coltivazione sono necessarie buone condizioni di luce e climi non umidi, trattandosi di piante abituate ad ambienti asciutti, terreni alcalini e ad alto contenuto di calcare.

Infatti il ​​termine Gypsophila che definisce il genere ha un significato simile a «amante del gesso», riferito alle caratteristiche del terreno dove cresce abitualmente.

Nei climi tropicali dove c’è una buona escursione termica quasi tutto l’anno, la paniculata è in grado di fiorire continuamente. Ad esempio, il Perù è un paese che produce e commercializza questa pianta, poiché è in grado di coltivarla quasi tutti i mesi dell’anno (tranne nelle zone fredde).

Il fiore più comune della paniculata, anche se ne esistono altre diverse varietà, è bianco. Quindi, è anche conosciuto in alcune aree come paniculata bianca.

La fioritura, nell’area mediterranea, può durare dalle 6 alle 8 settimane, anche se dipenderà dall’andamento del tempo.

Come prendersi cura della paniculata

Di seguito, vi lasciamo alcuni consigli di coltivazione, che di solito si fanno in condizioni controllate e in vaso o in giardini soleggiati e con una buona disposizione al sole.

Questa pianta può crescere oltre 0,5 metri, fino ad un massimo di poco più di 1 metro.

L’inizio della coltura avviene mediante riproduzione per talea. La cosa più pratica è cercare un vaso con la pianta in un qualsiasi vivaio specializzato, per poi effettuare il trapianto.

Tieni presente che quando arriva l’inverno, la pianta muore e deve essere rinnovata.

Gli ambienti migliori sono quelli asciutti (umidità relativa inferiore al 65%) e con buona disposizione alla luce. Il sole diretto, nei mesi più caldi della stagione estiva, può danneggiare i fiori, che sono abbastanza sensibili, anche se in continua produzione.

Le annaffiature devono essere moderate, con un contributo di 3 annaffiature settimanali nei mesi più caldi.

La semina può essere effettuata tra i mesi primaverili ed estivi. Semina in vaso o direttamente in giardino, fornendo preventivamente sufficiente umidità per garantirne la germinazione.

Quando si piantano i semi, di solito si fa con una separazione di 0,5 metri tra le piante.

La potatura richiesta consiste nell’eliminare i fiori oi boccioli che si stanno seccando, in modo che con questo stimoliamo la nascita di nuovi fiori.

Piaghe e malattie

Tutti i tipi di piante ornamentali che emettono teneri germogli e fiori, di solito ricevono l’attività di succhiare i parassiti degli insetti.

All’interno di questo gruppo troviamo mosche bianche, acari (il più famoso è il ragno rosso), afidi e cocciniglie. All’interno dei fiori possiamo vedere i famosi tripidi, che danneggiano anche i tessuti vegetali.

Per quanto riguarda le malattie, l’abuso dell’irrigazione e l’elevata umidità ambientale attirano i funghi che si trovano nel collo della pianta (sezione tra il fusto principale e la radice) e i giovani germogli nella parte aerea.

Stiamo parlando di malattie del collo come Pythium, Phytophthora o Rhizoctonia .   

Nella parte aerea, come accade al cespuglio di rose o al garofano, può presentare sulle foglie una polvere grigiastra detta oidio.

paniculata conservata 

In molti casi è comune utilizzare la paniculata conservata. Cioè allo stato di conservazione asciutto ideale per bouquet, spille, cerchietti o qualsiasi altro disegno floreale.

In genere i fiori disposti in bouquet da sposa, addobbi per chiese o centrotavola vengono solitamente mantenuti freschi, lasciando la paniculata conservata per altri tipi di decorazioni floreali che durano nel tempo.

Hai diverse opzioni per acquistare la paniculata secca e non necessariamente bianca. Molto accattivante anche il colore rosa o salmone, che si abbina perfettamente a quello bianco.

prezzo di acquisto paniculata 

La produzione della paniculata non è eccessivamente costosa, e non può essere paragonata, ad esempio, all’ammodernamento necessario per coltivare rose o ortensie.

Per questo motivo è considerata una pianta economica come pianta ornamentale basata sulla produzione di fiori.

Il problema è che nella quasi totalità dei casi i loro fiori sono destinati al settore del matrimonio e della decorazione, motivo per cui i prezzi sono notevolmente gonfiati.

I bouquet composti da 5 o 6 corsetti hanno generalmente un prezzo compreso tra 5 e 8 €. I bouquet completi possono costare tra i 20 e i 30 €.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.