Piante

Tipi di gigli

Se quello che stai cercando è conoscere i diversi tipi di gigli che hai a disposizione perché stai pensando di averne alcuni a casa o semplicemente per curiosità, questo articolo di EcologíaVerde ti sarà di grande aiuto. Abbiamo stilato un elenco di alcune delle varietà di gigli più conosciute e sorprendenti in modo che tu possa scegliere tra di loro e aggiungere un tocco di colore alla tua casa. Inoltre, saprai quali sono i colori dei gigli e quali sono le cure necessarie e di base per queste spettacolari piante da fiore. Quindi, se vuoi scoprire 10 tipi di gigli, continua a leggere e guarda le foto per saperne di più su di loro.

Alstroemeria aurantiaca

Conosciuta come giglio degli Incas, per via della sua origine in Perù, questa pianta dalle foglie lanceolate ha varie sfumature che vanno dal giallo all’arancione, e anche al rosa. Il suo periodo di fioritura è in estate e predilige terreni ben drenati e profondi.

Lilium bulbiferum

Anche con fiori arancioni e grandi, questo tipo di giglio può raggiungere quasi un metro di altezza. È originario dell’Europa centrale e necessita di terreni con pH acido, neutro o alcalino per una crescita ottimale. Necessita di diverse dosi di irrigazione quotidiana per mantenere l’umidità necessaria per una maggiore fioritura.

Lilium candidum

Questo tipo di giglio è anche conosciuto come giglio. Di tipo perenne, è uno dei gigli bianchi più conosciuti per la bellezza dei suoi fiori. Raggiunge un’altezza fino a 70 centimetri, quindi possiamo coltivarla sia in vaso che in giardino. Inoltre, ha un aroma molto caratteristico, motivo per cui viene solitamente utilizzato nei bouquet. Cresce in ogni stagione, a patto di cambiare il terreno con i nuovi bulbi prodotti ogni anno.

Lilium lancifoglio

Il nome comune di questo giglio con fiori d’arancio con estremità nere è giglio di tigre. Questa pianta è molto apprezzata per la sua bellezza esotica e può raggiungere i 2 m di altezza. È originario dell’Asia orientale e fiorisce durante l’estate.

Lilium longiflorum

È un altro dei gigli bianchi più conosciuti ed è originario del Giappone, in particolare delle isole Ryukyu. Comunemente chiamato giglio bianco o giglio pasquale, non solo produce fiori grandi e spettacolari, ma raggiunge anche oltre un metro di altezza. Hai solo bisogno che riceva la luce solare diretta e un terreno ben drenato in modo che durante l’estate abbia una fioritura spettacolare.

lilium martagone

Uno dei gigli viola più utilizzati per il suo valore ornamentale è quello noto come giglio piangente. Nonostante le sue piccole dimensioni, non più di 50 cm di altezza, produce bellissimi grappoli di fiori pendenti che vanno dal viola al rosa al viola.

Lilium pyrenaicum

Conosciuta anche come giglio dei Pirenei, questa pianta erbacea raggiunge più di un metro di altezza e produce un gran numero di fiori che sono raggruppati in mazzi fino a dodici fiori e hanno un’ampia gamma cromatica di toni caldi. Lo troveremo in tonalità come il giallo, l’arancione e persino il rosso. Curiosamente sprigiona un aroma non molto gradevole, quindi la sconsigliamo come pianta da interno.

Lilium regale

Originario del sud-ovest della Cina, è uno dei tipi di gigli che meglio si adattano a climi e suoli diversi, motivo per cui è coltivato in tutto il mondo. I suoi fiori sono a forma di campana e bianchi con linee rosa e un centro giallo. Cresce bene in pieno sole, purché il terreno sia umido e ben drenato.

Lilium orientalis

Il giglio di Acapulco è un giglio che si distingue per il gradevole colore rosato dei suoi fiori dovuto al suo gradevole profumo. Questa pianta necessita di terreni leggermente acidi per raggiungere la sua massima altezza; tra 90 e 120 cm circa.

Zantedeschia aethiopica

Le calle, così è comunemente noto questo tipo di ninfea, sono una delle piante più utilizzate per creare ambienti in aree paesaggistiche dove l’acqua è l’elemento principale. Originaria dell’Africa australe, è una pianta coltivata per il suo valore ornamentale in quanto molto utilizzata nei bouquet per l’eleganza e la forma dei suoi fiori bianchi.

Qui puoi conoscere la Cura delle calette.

Cura di base del giglio

Le cose più importanti da sapere quando ti prendi cura dei gigli sono i seguenti suggerimenti:

  • Hanno bisogno della luce solare diretta o indiretta per ottenere una buona fioritura.
  • Allo stesso modo, sebbene possa essere tenuta in giardino o in vaso, predilige terreni fertili e ben drenati. Oltre al substrato universale, ti consigliamo di utilizzare la perlite per arricchire il terreno.
  • Per quanto riguarda l’ irrigazione di piante di questo tipo, deve essere abbondante e continua, poiché hanno bisogno di umidità per crescere.
  • Durante la primavera e l’estate si consiglia di concimarlo almeno una volta al mese per favorirne la crescita.
  • Puoi rimuovere le foglie secche con attenzione e assicurandoti di non lasciare ferite aperte per evitare futuri parassiti o malattie. L’afide nero o botrite (Botrytis) può essere evitato se seguiamo questi semplici consigli per prenderci cura del nostro giglio.

In questa breve guida imparerai di più sulla cura dei gigli.

Se desideri leggere altri articoli simili a Tipi di gigli, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.