Piante

Erinacea anthyllis, arbusto a cuscino con rami spinosi

Erinacea anthyllis detto anche cuscino della suora, raschietto, riccio a fiori blu, scrooge, Piorno blu o sedile del pastore . Appartiene alla famiglia delle Leguminose, distribuita nel Mediterraneo occidentale.

Caratteristiche di Erinacea anthyllis

Cespuglio strisciante dall’aspetto elastico che può raggiungere un’altezza di 60-70 cm.

Forma un fitto arbusto con una moltitudine di rami intrecciati che terminano in una spina appuntita.

Le foglie sono piccole e caudate, opposte, composte, con foglioline da oblunghe a lanceolate, argentee.

I fiori sono papilonacei e compaiono in gruppi di 2 o 3 esemplari, di colore blu o viola, con il calice tubolare gonfio in tono viola. Fiorisce da aprile a giugno.

Il frutto è un legume oblungo con 3-6 semi da verde a marrone.

Cura di Erinacea anthyllis

È una specie che non è generalmente utilizzata nel giardinaggio, ma può essere associata a cespugli spinosi.

Il cuscino e i suoi complessi, rigidi e spinosi rami sono un adattamento all’ambiente in cui vivono, in quanto permettono non solo di resistere ai forti venti, ma anche di lasciare le parti ricche meno esposte agli erbivori.

Richiede l’esposizione al pieno sole per svilupparsi normalmente.

Per quanto riguarda il suolo, preferisce i terreni calcarei e dolomitici, ma poco profondi, e su terreni scheletrici, sassosi o sabbiosi, tra gli 800 e i 2.000 metri sul livello del mare.

La stagione della semina è all’inizio e alla fine della primavera.

L’irrigazione dovrebbe essere moderata per uno sviluppo ottimale.

Questa specie non ha un uso farmacologico conosciuto, il suo unico uso etnobotanico è come decorazione e pianta da giardino di montagna.

Deve essere maneggiato con cura, in quanto può causare punture molto dolorose.

Lo ami? L’avete visto? Può non essere una pianta famosa perché il suo comportamento non è così spettacolare rispetto ad altre specie, ma vale la pena di conoscerla e di conoscerne il comportamento.

Ora, se decidete di diventarlo, sentitevi liberi di dirci come ve la state cavando con questo bellissimo cespuglio, in modo che più persone saranno incoraggiate ad averlo in questo spazio verde. Vale la pena di valorizzare ogni specie che la natura ci fornisce.

Immagine per gentile concessione di : Por los caminos de Málaga, Por los caminos…

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.