Piante

Guida completa alla coltivazione delle fragole

La coltivazione delle fragole è una delle tante che ha elevate esigenze e molte persone vi resistono. Le speciali condizioni di germinazione aggiunte alla sensibilità di questa coltura la rendono una coltura con un enorme potenziale di apprendimento quando vogliamo far evolvere il nostro frutteto.

In questo articolo vogliamo affrontare le caratteristiche principali della coltivazione delle fragole, nonché raccomandazioni generali adatte a tutto il pubblico.

Se la coltivazione delle fragole ti resiste, commenteremo passo dopo passo come conoscere questa magnifica pianta dal raccolto sfalsato.

Principali caratteristiche della fragola

Nonostante come abbiamo iniziato l’articolo, la fragola non è un raccolto complicato. Devi solo prendere la mano e il tempo è importante. Non possiamo però paragonarlo in termini di facilità alla coltivazione di peperoni o pomodori, poiché in estate tutto funziona molto meglio e per via delle dimensioni della pianta i problemi sono minori.

La cosa migliore di piantare fragole nel nostro giardino o frutteto è la possibilità di raccogliere il frutto al suo punto di maturazione ottimale. Questo è esattamente l’opposto di quando acquistiamo al supermercato, poiché, sebbene sia un frutto molto climaterico, viene sempre raccolto un punto prima della sua maturazione ideale per preparare il trasporto e la conservazione prima della commercializzazione.

Nel tuo giardino potrai raccogliere su richiesta, sempre alla ricerca del colore rosso brillante che anticipa un sapore totalmente dolce e un aroma perfetto.

Per la sua piantagione, il modo più semplice è seminarlo per mezzo di semi. Nei principali negozi di giardinaggio (fisici o online) troverete diverse varietà, anche se la più diffusa è la fragola 4 stagioni.

Queste fragole sono più simili alle fragole che possiamo acquistare al supermercato e che vengono prodotte a Huelva.

D’altra parte, hai anche la possibilità di cercare varietà con frutti più piccoli, ma con una maggiore concentrazione di zuccheri. Sono conosciuti come fragoline di bosco.

Non rimanere solo in queste 2 varietà, poiché ce ne sono molte di più. Per la produzione professionale esistono centinaia di varietà diverse, con differenze di adattamento al clima, al tipo di suolo o alla resistenza a parassiti e malattie.

Maggiori informazioni: vedi tutti i semi disponibili di piante orticole

Coltivazione di fragole nel frutteto

Una volta che avremo optato per la sua coltivazione, ci accingiamo a darvi alcuni consigli sulla sua messa a dimora, cura e mantenimento della fragola in giardino.

Quando piantare la fragola

La fragola, a differenza di molte verdure come le Solanacee (pepe, pomodoro, melanzana, ecc.), necessita di un certo freddo, ma non molto freddo.

Per questo motivo, divideremo il calendario della semina in 2 fasi, a seconda delle temperature minime o del rigido inverno nella tua zona.

  • Zone fredde invernali:  la sua coltivazione è riservata al tardo inverno o all’inizio della primavera.
  • Zone invernali miti:  si può piantare dopo l’estate, all’inizio dell’autunno.

Normalmente,  le colture professionali  utilizzano creste o creste per la semina, in modo da ottimizzare l’accesso dell’umidità alle radici. L’apparato radicale della fragola è potente e produce molte radici fascicolate (come i capelli) che si rinnovano continuamente durante la campagna.

Nel nostro caso, possiamo piantarlo in terreno naturale, incurvando la pianta per migliorare il drenaggio quando aggiungiamo acqua.

germinare i semi di fragola

Esistono diversi modi per ottenere nuove piante, anche se quello consueto nel giardinaggio domestico è attraverso i semi. Possiamo ottenere piante attraverso i figli di un altro, ma non è consueto poiché non è una coltura a produzione continua. Commenteremo i passaggi principali per ottenere la pianta dai semi.

Una volta che abbiamo i semi e ci troviamo nel programma di impianto ideale per la nostra zona:

  1. Usiamo un vassoio di germinazione o un vaso per la semina
  2. Utilizziamo torba mista a sabbia fino ad ottenere una buona spugnosità. Non schiacceremo molto il substrato in modo che non perda l’ossigenazione.
  3. Innaffiamo il substrato fino a quando non notiamo che ha abbastanza umidità, ma senza acqua di pozzanghera.
  4. Introduciamo i semi 0,5-1 cm di profondità. Possiamo piantare diversi semi per buca o vaso e successivamente trapiantarli o fare la puntura.
  5. Copriamo accuratamente i semi per evitare che si muovano.
  6. Lo posizioniamo all’esterno, al riparo dai raggi solari e ricoperto di plastica per mantenere un’elevata umidità relativa.

La pazienza è necessaria per la germinazione delle fragole. È un seme che necessita di molti più giorni rispetto a molte altre piante orticole. In media si parla di 2-6 settimane di germinazione, a seconda della qualità del seme e del clima.

Pazienza. Molta pazienza.

Clima ideale per la sua coltivazione e calendario di impianto

intervallo di temperatura

La coltivazione della fragola, come abbiamo accennato prima, necessita di un po’ di freddo, ma non in eccesso. La temperatura ideale è tra 15-20 ºC.

Pertanto, la sua piantagione è riservata all’autunno-inverno nelle zone calde o protette, o alla primavera-estate nelle zone fredde.

Se la temperatura scende sotto i 12 ºC, ci sono problemi con la fioritura e l’allegagione. Se andiamo dalla parte opposta, temperature superiori ai 25 ºC causano problemi di maturazione, poiché è un frutto molto climaterico.

Nelle prime fasi di sviluppo necessita di notevoli variazioni notturne e diurne, con temperature all’alba che possono essere inferiori ai 10 ºC. Questa differenza all’inizio della coltura consente una maggiore vegetazione e germogli.

umidità ideale

Si tratta di una coltura con un normale intervallo di umidità compreso tra il 60 e il 70%, cosa abbastanza comune nella maggior parte delle piante da orticoltura, ad eccezione delle cucurbitacee, che necessitano di un po’ di più.

L’eccesso di umidità favorisce la proliferazione di malattie e il raccolto di fragole è abbastanza sensibile alla putrefazione e ai funghi dell’umidità, in particolare la botrite.

condizioni di luce

Nella fase di produzione della frutta, dobbiamo garantire il maggior accesso possibile alla luce, con range da 8 a 10 ore di luce giornaliera, o anche più. Questo perché è una pianta che mobilita continuamente gli zuccheri, e ha bisogno di luce per avviare l’intero complesso meccanismo della fotosintesi.

caratteristiche del suolo

La coltivazione della fragola è piuttosto impegnativa in termini  di tessitura  del suolo e  fertilità. In altre parole, è importante mantenere un perfetto drenaggio per tenere lontano il principale nemico delle fragole, i funghi dal collo e dalla radice, e dall’altro, un continuo apporto di nutrienti, con terreni fertili e buoni livelli di sostanza organica.

Di solito è piantato in terreni sabbiosi. Se ne avremo l’opportunità, prepareremo il nostro perfetto «substrato» per la piantagione di fragole.

  1. 50% sabbia
  2. 20% di sostanza organica, torba o humus
  3. 30% limo o calcare.

È importante evitare i terreni argillosi. Trattengono eccessivamente l’umidità, soprattutto con le piogge, e le radici di fragola marciscono facilmente, che devono essere sempre ben ossigenate.

Il pH ideale è leggermente acido, compreso tra 6 e 7. Ciò garantisce la massima disponibilità di macronutrienti e microelementi.

Evita i terreni salini,  poiché è una coltura abbastanza sensibile alla conduttività eccessiva.

Contributo di sostanza organica

È molto importante avere un terreno con una buona sostanza organica per produrre frutti di buona qualità e che la fragola cresca vigorosamente nelle fasi iniziali.

In media, per frutteto, aggiungeremo 3 kg per metro quadrato (3kg/m 2), ben mescolati al terreno e fino a una profondità di 20 cm, dove si sviluppa la maggior parte delle radici di questa pianta.

Cornice della piantagione

Le fragole possono essere coltivate in vaso, per cui per ogni pianta è sufficiente un vaso con un diametro di 10 cm e un’altezza di 10 cm.

In giardino possiamo posizionare da 6 a 9 piante per metro quadrato. Stiamo parlando di 20-30 cm di separazione tra le piante.

Come annaffiare la fragola

Per mantenere una produzione costante nella coltivazione delle fragole, è necessario garantire un approvvigionamento idrico continuo.

I maggiori problemi con l’assunzione di acqua sono legati all’eccesso, non alla frequenza.

  • Nei mesi freddi si annaffia 1 o 2 volte a settimana, a seconda del drenaggio del terreno.
  • Nei mesi caldi, si annaffia un minimo di 4 volte a settimana.

Il più comune è utilizzare sistemi di fertirrigazione, in particolare irrigazione a goccia. Si applica mediante nastri di irrigazione che rilasciano circa 2,4-3,8 L/h.

Per la coltivazione professionale si parla delle seguenti quantità di irrigazione, ma divise per litri/pianta, possiamo calcolare ciò di cui abbiamo bisogno in base al mese di impianto e sviluppo.

Sapendo cosa consuma per ogni mese e dividendo per la frequenza delle irrigazioni settimanali sopra proposte, l’irrigazione può essere ottimizzata.

Da qui, le decisioni fisiche dovranno essere prese in base al tempo del suolo, alla temperatura, ecc.

Mese m3/ha L/pianta e mese L/pianta e settimana
ottobre 200 3.3 0.8
novembre 350 5.8 1.5
dicembre 250 4.2 1.0
gennaio 250 4.2 1.0
febbraio 300 5.0 1.3
marzo 500 8.3 2.1
aprile 800 13.3 3.3
Maggio 1000 16.7 4.2

Questi consumi precedenti sono approssimativi. Se hai bisogno di alcuni dati, usa questi e controlla il livello di umidità del substrato appena prima di ricevere la prossima irrigazione.

Questo le consentirà di sapere se la dose e la frequenza sono corrette. Nella coltivazione delle fragole, un substrato asciutto è preferibile a uno impregnato d’acqua, quindi inizia a non essere all’altezza di fronte a un’irrigazione generosa.

Guida alla concimazione nella coltivazione della fragola

Nel nostro giardino, il principale fertilizzante che possiamo scegliere di utilizzare è la materia organica. Sebbene abbiamo bisogno di volumi elevati per mantenere una produzione adeguata, è meglio consumare prodotti biologici se li produrremo noi stessi.

Concimazione convenzionale

Le produzioni più elevate si ottengono con l’alimentazione convenzionale. Una coltura intensiva di fragole (da cui si ottengono 1 kg di fragola per pianta o più), necessita delle seguenti quantità di nutrienti.

E l’abbonato di fondo o incorporato per mezzo di sostanza organica deve già contribuire con un minimo del 20% del fabbisogno totale della coltura.

D’altra parte, a seconda dello stadio di sviluppo della coltura, vengono forniti più o meno nutrienti. In generale si stabiliscono 3 fasi di crescita: fase vegetativa, produzione di fiori e frutti e piena produzione.

In ogni caso non è mai consigliabile apportare più azoto di quanto consigliato, poiché riduce notevolmente la compattezza e la maturazione del frutto, oltre a favorire l’azione degli insetti succhiatori (ragni o afidi).

concimazione organica

Con le raccomandazioni iniziali di fornire 3 kg/m2 di sostanza organica nel nostro frutteto, è sufficiente fornire tutto il fabbisogno nutritivo della coltura di fragole.

Da qui, possiamo apportare contributi specifici di fertilizzanti organici (NPK, aminoacidi , acidi umici, ecc.)

Piaghe e malattie

La fragola è una coltura che produce molti zuccheri e produce continuamente nuove foglie e fiori. Pertanto, attira molti insetti e funghi.

principali parassiti

  • Nematode ricciolo di fragole
  • bruchi di fragole
  • ragno bianco e ragno rosso
  • tripidi
  • afide
  • mosca dell’aceto

Per curare questi parassiti e tenere a bada quelli che potrebbero venire, è necessario effettuare dei trattamenti periodici.

Principali malattie

La maggior parte delle malattie che compaiono nelle colture di fragole sono dovute a condizioni di eccessiva umidità, sia ambientale (incontrollabile) sia nel terreno (moderatamente controllabile).

I principali funghi e batteri che colpiscono le fragole sono i seguenti:

  • Corona e marciume della frutta
  • antracnosi
  • avvizzimento verticillium
  • marciume carbonioso
  • macchia viola
  • muffa in polvere
  • marciume grigio
  • macchia zonale
  • macchia oleosa

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.