Piante

Gli alberi più antichi della penisola iberica

Abbiamo tutti sentito dire che, in passato, la penisola iberica era così piena di alberiche uno scoiattolo avrebbe potuto attraversarlo senza calpestare il suolo. La massa forestale in altri tempi era incredibile in Spagna, ma sfortunatamente non è più così. Le possibilità che il legno degli alberi offre nella costruzione di mobili e in molti altri usi hanno causato abbattimenti indiscriminati. Se c’era un tempo in cui c’era il 90% della massa della foresta, ora raggiunge a malapena il 35%. Tuttavia, ci sono ancora alcuni alberi in Spagna che sono stati sul terreno per più di mille anni; ad esempio, in comunità come l’Andalusia o la Castilla y León. Per evidenziarne solo alcuni, nomineremo l’olivo di circa 2000 anni nel Parco di Cabo de Gata, oi tassi della Sierra de Cazorla. Anche nelle Asturie c’è una quercia millenaria ea Chamartín de la Sierra, Ávila, puoi trovare un leccio che ha più di mille anni.

In genere le specie più longeve nel nostro paese sono: il tasso, l’olivo, la quercia, il leccio, il castagno e il pino. Sono lì da molti anni, sono presenti nel Paese e hanno subito ogni tipo di abuso e sfruttamento.

Il tasso, l’eternità e la durezza

È uno degli alberi più tipici della Penisola e si trova solitamente nelle zone montuose. È considerato l’albero più longevo d’Europa, essendo in grado di vivere 4.000 anni. Come aneddoto, i popoli celtici tenevano in grande considerazione questo albero e intorno ad esso eseguivano molti rituali, proprio per la sua capacità di vivere per tanti anni, lo associavano a idee come l’ esperienza.o l’immortalità. Non è un albero che attira fisicamente l’attenzione, è piccolo, il suo tronco è lungo appena 15 metri, conifere e molto normale, e di solito non forma boschi. Nonostante il suo legno sia molto apprezzato, perché duro e resistente, in Spagna oggi il tasso è una specie protetta. Gli alberi di tasso subirono grandi persecuzioni proprio per il loro alto valore in ebanisteria e di quelli che esistevano un tempo ne rimane solo una piccola parte.

L’olivo, gioiello castigliano

Conosciamo tutti l’importanza in Spagna delle olive e dell’olio d’oliva. Proprio grazie allo sfruttamento dei suoi frutti, è l’albero più pregiato del nostro Paese. La Spagna è il più grande produttore mondiale di olive da tavola e uno dei maggiori produttori di olio d’oliva. Possiamo trovare grandi uliveti in province come Jaén e Córdoba. È un albero frondoso, ma non molto lungo, il suo tronco è di circa 10 metri. Come il tasso, può vivere per molti anni.

Questo albero piace per la sua funzione (il suo legno è duro e molto richiesto in ebanisteria, i suoi frutti e le sue foglie sono usati anche per usi medicinali) e anche per la sua bellezza. Come molte altre specie, ha subito enormi abbattimenti, sebbene sia uno degli alberi più pregiati e coltivati. Attualmente ci sono 282 milioni di ulivi in ​​Spagna.

La quercia, l’albero delle ghiande

È anche un albero molto castigliano, con foglie sempreverdi, un lungo tronco e tipico del clima mediterraneo. Il suo frutto (la ghianda) non è apprezzato come l’olivo come cibo. La Spagna è uno dei paesi dove attualmente ci sono più querce, anche al centro del paese, nonostante il loro grande sterminio. Si trovano anche in Francia e al largo delle coste italiane. È uno degli alberi tipici della dehesa iberica, perché resiste molto bene al freddo e al caldo.

La quercia è usata per produrre carbone e legna da ardere, il suo legno è anche un legno molto duro e resistente, ma poiché cresce così lentamente non è uno degli alberi più utilizzati in questo settore.

Le estrazioni nei boschi di querce con macchinari specializzati hanno portato molte associazioni e pagine web a denunciare questa pratica.

La castagna, molto iberica

È un albero molto lungo che può raggiungere i 35 metri di altezza, ha un apparato molto robusto, come altri alberi come le querce. Cresce inoltre velocemente, più di un metro all’anno ed è, come abbiamo detto, uno degli alberi più longevi che abbiamo nella Penisola. La Spagna è uno dei paesi dove attualmente sono presenti più castagneti, albero tipico del clima mediterraneo, sia nel sud che nel nord del paese. È un albero di montagna. Oggi in Spagna occupa un’area di 1.260 milioni di metri quadrati e l’1% dell’intera massa boschiva del paese. Il suo legno è molto apprezzato per la costruzione di mobili, che ha portato ad estesi abbattimenti.

Il pino, sempreverde e alto

È un albero molto lungo (il suo tronco può raggiungere i 20 metri) e sempreverde, tipico delle zone fredde. Il suo frutto, il piñon, è molto apprezzato per il cibo. Molte delle piantagioni di pini sono sfruttate per la produzione di legno, il che porta anche all’organizzazione di molte proteste contro questo abuso. Una delle sue varietà, l’abete, viene anche abbattuta per essere utilizzata come decorazione natalizia in molti paesi del mondo. Per questo oggi sempre più persone ne usano uno di plastica per lo stesso scopo, poiché dicembre è il mese in cui gli abeti soffrono di più a causa di questa tradizione.

Se desideri leggere altri articoli simili a Gli alberi più longevi della penisola iberica, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.