Piante

Lactuca serriola, una pianta resistente spesso usata in cucina

Lactuca serriola detta anche lattuga spinosa, lattuga selvatica, ginestra, lingua di mucca, zampa d’uccello o cicoria . Appartiene alla famiglia Compositae ed è originaria dell’Europa e dell’Asia occidentale, anche se è stata introdotta in tutto il mondo.

Dal latino “Lago” che significa latte, dovuto alla linfa lattiginosa degli steli. Così come “Serro” che significa “sega” per la forma delle sue foglie che sembrano denti.

Caratteristiche di Lactuca serriola

Erba xerofila, eliofila e resistente, annuale o biennale, che raggiunge i 5-20 cm di altezza. Il gambo è cilindrico, appena ramificato, di colore verde latteo, con poche spine.

Le foglie sono spinose, rigide, i bordi sono irregolarmente dentati, i nervi sono reticolati, verde scuro. Quelli inferiori sono di forma ovale allungata, mentre quelli superiori sono meno lobati.

I fiori appaiono a gruppi in capitoli giallo pallido. Fiorisce in estate.

Il frutto è un acquenio sottile, di colore da marrone a grigio-marrone, monoseme, con peli bianchi che cadono facilmente.

Cura della Lactuca serriola

È una specie che si trova nei campi abbandonati, nei fossati, nelle rogge o nelle strade. Ma in alcune aree è anche considerata un’erbaccia ambientale.

Ha bisogno di essere in pieno sole per svilupparsi positivamente.

Per quanto riguarda il suolo, deve essere ricco di azoto, profondo e un po’ umido.

L’irrigazione deve essere moderata senza saturazione d’acqua.

Si diffonde attraverso gli acheni, con dispersione anemica, o attraverso i semi.

Utilizzi

Le foglie vengono mangiate in un’insalata. Hanno un sapore amaro, ma possono essere mangiati crudi o cotti.

Il lattice è considerato un sostituto dell’oppio, anche se non è un prodotto che crea dipendenza.

La conoscete? Se lo fai, non smettere di parlarci di lei.

credito d’immagine: John Tann

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *