Piante

Ficus benjamina: guida alla cura e alla manutenzione

La coltivazione del Ficus benjamina è simbolo di maestosità, viste le grandi dimensioni e lo splendore che questo albero regala quando viene piantato nel giardino. Infatti è l’albero che rappresenta la capitale della Thailandia, Bangkok. Tuttavia, sebbene si parli di una zona molto tropicale con temperature elevate, oggi si è adattata in molti paesi, tra cui la Spagna, dove fa parte di molti giardini nelle principali città.

La sua grande altezza e lo sviluppo delle foglie offre un’ombra perfetta per parchi e giardini. Nei primi anni di crescita, dobbiamo dargli affetto con le cure principali, oltre a un continuo apporto di concime e un’irrigazione perfetta affinché sviluppi al massimo le sue grandi radici.

In breve, ti offriamo una guida completa su come prendersi cura e mantenere un Ficus benjamina in modo che sia il re del tuo giardino.

Caratteristiche del Ficus benjamina

Il nome scientifico di questo tipo di Ficus è Ficus benjamina,  anche se in alcune zone del Sud America è conosciuto come bosso, alloro indiano o matapalo. La sua area di sviluppo iniziale era il sud-est asiatico, sebbene le specie apparissero anche in Australia.

Oggi possiamo vederlo crescere in modo spettacolare in aree diverse come Tenerife (Spagna), tutti i paesi del Sud America, Bangkok (Thailandia), ecc. Per avere un’idea della sua capacità di crescita e adattamento.

Questo albero del genere Ficus può raggiungere i 20 metri di altezza, anche se a crescita lenta. Ogni stelo emette un gran numero di foglie, generando così molta ombra. Ben potati, lasciare abbastanza spazio per attività e pedonabilità nei primi 5 metri da terra.

Il Ficus benjamina non ha una fioritura spettacolare e non è un albero che si distingue per il suo aspetto decorativo ornamentale. Piuttosto, è una grande risorsa del giardino per l’importanza delle sue dimensioni e l’aspetto sorprendente del suo tronco e delle sue radici, molte delle quali superficiali.

cura principale

Come si dice, il Ficus benjamina può crescere molti metri ed è praticamente autosufficiente (sviluppa radici gigantesche che coprono molti metri). Tuttavia, nei primi anni possiamo aiutarti a promuovere la crescita e ad accelerare lo sviluppo.

Allo stesso modo la sua coltivazione può essere adattata anche in vaso, quindi se avrà bisogno di qualche piccola manutenzione.

Per fare questo, vedremo le cure principali, le più importanti saranno quelle dedicate all’approvvigionamento di acqua e fertilizzanti.

Climatologia

Uno dei vantaggi offerti da questo Ficus è la sua capacità di adattarsi ad un ampio intervallo di temperature, un fatto già contemplato sin dai suoi primi anni. Predilige i climi caldi (si pensi al Centro America, alla Thailandia, alle zone aride dell’Australia, ecc.)

Tuttavia, allo stato adulto, è in grado di resistere a gelate intense. Inoltre, non produce grandi fiori, che è la parte di una pianta più sensibile alle basse temperature.

Per quanto riguarda l’umidità, predilige le zone dove non c’è molta siccità ambientale, anche se si adatta perfettamente alle zone asciutte con scarse precipitazioni, e anche in prossimità delle zone costiere (con venti salini).

Come pianta da interno in vaso, posizionatela nella zona più luminosa e lontana da aria condizionata o termosifoni, che seccano molto le sue foglie.

quale terreno scegliere

Qualsiasi tipo di terreno è adatto per piantare Ficus Benjamina. Quando si effettua il trapianto, nei mesi primaverili e autunnali, si consiglia di aggiungere nella buca di impianto un po’ di sostanza organica o compost decomposto.

Questa tattica lo aiuterà a generare le prime radici e ad adattarsi più rapidamente all’ambiente.

Non avere problemi a cambiare il tuo terreno se è più sabbioso, argilloso o argilloso o ha un pH alto o basso. Dopotutto, lo sviluppo di questo albero sarà praticamente lo stesso, anche se dovrai giocare con la quantità di acqua e fertilizzanti per apportare le dovute correzioni.

Irrigazione e concimazione

Una delle condizioni più importanti da rispettare nei primi anni di vita del Ficus Benjamina  è il mantenimento di una buona idratazione del suolo, nota come capacità di campo. Insomma, evitate lunghi periodi di siccità e, successivamente, momenti di elevata umidità che ne indeboliscono e marciscono le radici.

  • In estate, forniremo da 2 a 3 annaffiature settimanali intense che impregnano bene il terreno e incoraggiano le radici a spostarsi in altre aree per cercare più umidità.
  • In inverno, 1 annaffiatura a settimana nelle zone con scarse precipitazioni, e nessuna nei periodi di pioggia (superiore a 5 mm a settimana).

È importante, per favorirne la crescita, fornire fertilizzante nei primi anni di vita. Incoraggeremo un tronco principale più spesso e più forte e una maggiore produzione di rami frondosi, con una maggiore copertura e ombreggiatura.

I fertilizzanti granulari a lenta cessione sono perfetti per il suo sviluppo. Si forniscono alla fine dell’inverno (quando le radici iniziano a muoversi) e si solubilizzano con l’acqua di irrigazione fornita o attraverso la pioggia.

Un fertilizzante consigliato per questa coltura è, ad esempio, un NPK 12-6-17 con magnesio, zolfo e micronutrienti. Questo rapporto di azoto, fosforo e potassio garantisce una buona produzione di gemme legnose (futuri steli e foglie), aumenta la produzione di nuove radici e mantiene la pianta resistente.

I micronutrienti prevengono la formazione di clorosi o pallore delle foglie, come la comune clorosi ferrica in questo tipo di coltura.

Per gli esemplari giovani (di altezza inferiore a 2 metri), applicare da 1 a 1,5 kg intorno al tronco da marzo. Pian piano verrà rilasciata con l’umidità generata dall’irrigazione fornita o dalla pioggia.

Moltiplicazione

Uno dei metodi più pratici e che offre i migliori risultati nella moltiplicazione del  Ficus benjamina è tagliare il germoglio terminale.

Questo processo consiste nella selezione di un gambo giovane (ma perfettamente formato) di circa 20 cm, che introduciamo in un mezzo con acqua (e se possibile, ormoni radicanti) fino a quando si formeranno le prime radichette bianche.

Da qui, viene trapiantato in un substrato umido (preferibilmente fibra di cocco o perlite, per la sua capacità di immagazzinare l’umidità con un ottimo drenaggio). favorire lo sviluppo di queste radici.

Consiglio: In questa operazione è importante che il supporto sia sempre umido, quindi dovremo aggiungere acqua ogni 2 o 3 giorni e fare in modo che non sia mai asciutto. 

Piaghe e malattie

È molto comune nel Ficus benjamina  vedere parassiti che sfruttano i succhi cellulari dei nuovi germogli, come gli afidi (specie che attacca praticamente tutte le piante) e la cocciniglia.

Noterai foglie appiccicose sul tuo Ficus Benjamina,  segno che questi insetti stanno estraendo i succhi zuccherini e indebolendo lentamente la pianta. Da qui, questi zuccheri attirano i funghi che si depositano facilmente, come il grassetto.

L’eccesso di umidità può causare indebolimento e marciume radicale. Sono numerosi i funghi descritti che agiscono quando c’è carenza di ossigeno nel terreno a causa di problemi di drenaggio e un’elevata presenza di acqua, noti come malattie del collo, come la Phytophthora.

Altri alberi del genere ficus

Il genere ficus è molto ampio. Sebbene in questo caso abbiamo parlato di Ficus benjamina, troviamo altre specie di dimensioni e crescita simili. Inoltre, molti di loro sono molto diversi tra loro, sia nella forma e disposizione delle foglie, sia nel tronco e persino nella crescita.

C’è un mondo da descrivere, dove non finisce nemmeno nella specie Ficus benjamina.

  • ficus lyrata
  • ficus ginseng
  • ficus elastica
  • ficus carica
  • Ficus microcarpo
  • ficus rubiginosa
  • ficus pumilla
  • ficus allii
  • ficus racemosa
  • Ficus cyathistipula
  • ficus petolaris
  • ficus altissima
  • Ficus umbellata
  • ficus americano
  • ficus danielle
  • ficus auriculata
  • ficus obliquo
  • ficus virus
  • ficus insipida
  • ficus massimo
  • ficus drupacea
  • ficus salicifolia
  • Ficus obtusifolia
  • ficus ingens
  • ficus religioso
  • ficus amstel
  • ficus hawaiano
  • ficus diversifolia
  • ficus maclellandi
  • ficus palmeri
  • ficus grezzo
  • ficus natalensis
  • ficus aurea
  • panda ficus

Alcuni esempi nelle immagini (anche se ce ne sono molti di più).

Ficus benjamina nei bonsai

Il ficus, per il suo aspetto e la disposizione delle foglie, è un albero che si presta alle cure sotto forma di bonsai. Sia il Ficus benjamina che il Ficus ginseng offrono buoni risultati per gli amanti di questa cultura bonsai.

Controllando la sua crescita, si ottengono vere meraviglie da questo albero che può essere coltivato indoor. In questo caso è importante controllare la potatura per regolare il bilancio energetico della pianta ed evitare che cresca troppo in verticale.

Allo stesso modo, il Ficus benjamina è perfetto per una pianta da interno, poiché limitando lo sviluppo delle sue radici e con poca manutenzione, diventa una pianta ideale per uffici e ambienti di lavoro.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.