Piante

Thymus zygis (salsa al timo): caratteristiche e cura

Il suo nome scientifico ( Thymus zygis) ci rivela già che appartiene al genere Thymus,  a cui appartiene il timo comune ( Thymus vulgaris). Ritroviamo però nella salsa o timo d’oliva (così è noto) diversi notabili che ne fanno una specie unica.

In questo articolo vogliamo analizzarne le principali caratteristiche, proprietà e cure per una pianta molto interessante da avere in giardino o anche in vaso. Con scarse risorse idriche, rusticità e adattamento a tutti i tipi di ambienti, Thymus zygis offre un aroma molto interessante di cui possiamo sfruttare se lo abbiamo nel nostro giardino o sappiamo abbinarlo alle piante orticole.

Principali caratteristiche del Thymus zygis

Il timo Salsero è una pianta originaria del Mediterraneo, adattata a climi sempre più caldi, scarse precipitazioni e inverni miti. Offre grande rusticità e adattabilità, crescendo in ambienti inospitali, bordi stradali, zone rocciose e terreni praticamente sterili.

Data la sua abbondanza in questo clima e le sue potenzialità come pianta medicinale, è conosciuta con molti nomi (timo basto, timo ansero, santoreggia, romanica, timo salao, ecc.). Tuttavia, la principale e più nascosta è la salsa, che la distingue dal timo comune.

Visivamente non ha molta distinzione, dal momento che è considerata una pianta rampicante, che di solito non supera i 20 cm di altezza, molta produzione di fusti aromatici e piccole foglie.

A livello gastronomico è uno degli ingredienti principali quando si tratta di produrre olive in salamoia (da cui il nome popolare). Offre una maggiore esaltazione del sapore, più aromatico e con una maggiore concentrazione di oli essenziali.

Tassonomia della salsa al timo

  • Famiglia: Lamiaceae
  • Genere: Timo
  • Specie: Thymus zygis

La fioritura avviene da maggio a luglio, ed è nella tarda primavera e all’inizio dell’estate quando questa pianta aromatica contiene il maggior accumulo di oli essenziali.

cura principale

Climatologia

Il Thymus zygis  è una specie adattata al clima mediterraneo. Sopporta un range di temperature abbastanza ampio, ma per le sue abitudini di crescita è necessario proteggerlo dalle forti gelate invernali.

La sua sopravvivenza gli permette di crescere in ambienti asciutti e con bassa umidità, tanto da accumulare una maggiore concentrazione di oli essenziali e sostanze biologicamente attive (molte delle quali aromatiche).

Terra

Cresce in ambienti inospitali, con suoli sabbiosi, sassosi, con pH alcalino ed elevata presenza di calcio e gesso. La maggior parte di loro ha una bassa percentuale di fertilità (<1% in materia organica).

Coltivato in vaso, possiamo utilizzare un substrato universale che contenga torba e una miscela di sabbia o perlite, con un buon drenaggio.

Il principale fattore condizionante per la sua coltivazione è l’assenza di ristagni idrici o di elevata ritenzione di umidità, poiché necessita di un fabbisogno idrico molto basso.

Irrigazione e concimazione

L’irrigazione in giardino sarà limitata a 1 o 2 apporti di acqua a basso dosaggio a settimana, nei periodi di massima temperatura, e praticamente nulla in inverno.

Coltivato in vaso, il Thymus zygis  richiederà applicazioni più frequenti (3 annaffiature a settimana in estate) e 1 irrigazione in inverno.

La concimazione è praticamente inesistente, anche se possiamo applicare un concime granulare ricco di azoto durante il germogliamento primaverile. Un fertilizzante particolarmente consigliato per le piante da produzione vegetativa, come questa pianta aromatica, è la miscela NPK 12-8-16 con magnesio e micronutrienti.

Moltiplicazione

La moltiplicazione più semplice del Thymus zygis  avviene attraverso talee di gambo, come anche il rosmarino. Per fare questo, dobbiamo scegliere giovani germogli dall’aspetto sano. Uno stelo lungo da 10 a 15 cm è la dimensione ideale per forzare la produzione di nuove radici.

Il terzo inferiore dello stelo deve essere privo di foglie, in modo che sia presente solo lo stelo nudo, dove si formeranno le gemme radicali.

Per ottenere una nuova pianta da questo stelo, possiamo metterla in acqua per 3-5 giorni, stimolando la formazione di nuovi peli assorbenti, dopodiché la trapianteremo in un vaso con una miscela di torba e fibra di cocco.

È fondamentale mantenere il substrato ben idratato per favorire la radicazione del gambo della salsa di timo. Quando vedrai che iniziano a formarsi nuovi germogli nella parte aerea, sarà un segno che la pianta ha prodotto abbastanza radice per nutrirsi adeguatamente.

Il tasso di sopravvivenza per formare una nuova pianta identica a quella della madre è piuttosto alto nel caso del Thymus zygis  (non così alto in altre specie). Tuttavia, puoi usare gli ormoni radicanti per semplificare il compito.

Raccolto

Quando si raccoglie la salsa al timo?

La raccolta per l’utilizzo immediato degli steli e delle foglie di Thymus zygis  può essere effettuata praticamente tutto l’anno. Tuttavia, c’è un momento in cui la conservazione è maggiore, e questo accade in primavera.

La raccolta delle parti del timo va fatta come prima cosa al mattino, con bassa umidità e senza rugiada sulle foglie. Gli steli più lunghi e meglio sviluppati vengono selezionati e tagliati a metà, in modo che lo stelo tagliato rimanga della stessa lunghezza della pianta (per favorire la rigenerazione).

Prodotti consigliati per il tuo raccolto

Proprietà della salsa al timo

A livello medicinale e gastronomico, sono molti gli usi che si possono dare al Thymus zygis. Sebbene sia considerata più una pianta aromatica che medicinale, la presenza di un’ampia varietà di composti nei suoi oli significa che ha applicazioni medicinali scientificamente supportate.

Oli essenziali:  olio di timolo (0,8-2,8%), carvacrolo, borneolo, gamma-terpinene, linalolo, anetolo e alfa-terpineolo, tra gli altri.

Flavonoidi: è stata rilevata la presenza di luteolina, quercetina, rutina, erodictol, narnigenina, timonina e cirsilineolo, con attività antiossidante.

Aminoacidi: presenza di aminoacidi come cistina, glicina, valina e isoleucina, tra i principali.

Acidi organici: acido  caffeico, oleanoico, rosmarinico, nicotico e ursolico.

Minerali:  calcio, magnesio, cobalto e ferro.

Tannini

Alcune delle sue applicazioni nella medicina tradizionale sono le seguenti:

Potenziale cancerogeno:  è stato dimostrato che il carvacrolo riduce il numero di cellule di melanoma murino (B16F10) del 25-35% e ha proprietà antimutagene .

attività estrogenica: protegge l’organismo da malattie come l’osteoporosi.

Attività protettiva del fegato: riduzione dei marker epatici degli animali colpiti.

Azione espettorante:  presenza di saponosidi con attività di solubilizzazione del muco.

Riduce l’alitosi:  componente principale di collutori e dentifrici.

Effetto antinfiammatorio:  il carvacrolo agisce inibendo il rilascio di elastasi dai neutrofili, correlato ai processi infiammatori.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.