Piante

Potare un ciliegio: quando e come farlo

I Cerasus, comunemente chiamati ciliegi o ciliegie, sono un intero sottogenere di alberi da frutto appartenenti al genere Prunus. Questi alberi sono molto apprezzati sia per i loro frutti gustosi, le ciliegie, sia per i loro graziosi fiori nei toni del rosa o del bianco. Tanto che in Giappone, il sakura, che è quello che chiamano i loro fiori di ciliegio, è un simbolo nazionale che gode di una propria festa.

In questo articolo di EcologíaVerde vedremo quando e come potare un ciliegio per ottenere il massimo dai suoi frutti e dalla sua bellezza.

Quando potare un ciliegio

Come la stragrande maggioranza degli alberi, il ciliegio non dovrebbe essere potato in inverno. La scarsa attività della pianta in questo momento fa sì che la linfa circoli meno e, quindi, i tagli impiegano più tempo a guarire, rendendo l’albero più suscettibile ad attacchi fungini o infezioni. Tenendo presente questo, dobbiamo distinguere tra due tipi di potatura in ciliegio.

  • La potatura formativa va effettuata tra febbraio e marzo per conferire al ciliegio una struttura adeguata, e ciò avviene soprattutto durante i primi 4 anni di vita dell’albero.
  • La potatura produttiva viene effettuata su alberi che abbiano almeno 3 o 4 anni, ai quali abbiamo già dato la struttura desiderata e nei quali si cerca di stimolare una maggiore produzione di frutti. Il momento migliore per effettuare la potatura produttiva è l’inizio dell’autunno, quando l’albero ha già portato tutte le sue ciliegie.

Come potare un ciliegio in base alla sua forma

Quando si tratta di potare un ciliegio, ci sono molti schemi possibili da seguire, anche se le forme più comuni sono la piramide e il volume.

Come potare un ciliegio piramidale

Per la forma piramidale, lasciare circa 80 cm di tronco principale nella prima potatura, e strutturare i rami laterali a piani, lasciando tra 3 e 4 piani con circa 5 rami secondari per piano. Si consiglia di lasciare un dislivello di circa 80 cm tra i piani. Questa struttura è molto apprezzata perché forma alberi alti non più di 3 metri con molti frutti, facili da raccogliere.

Come potare un ciliegio per dargli volume

La forma del volume differenzia due diverse tecniche. La tecnica del vetro ridotto produce tronchi molto piccoli di non più di 25 cm, ma con un massimo di 20 rami ascendenti che possono crescere fino a una lunghezza di 1,5 metri, determinando così una grande capacità di fruttificazione. La tecnica del vaso regolare, invece, produce steli principali più lunghi fino a 60 cm, con rami ascendenti che non smussano fino a 60 cm.

Come potare un ciliegio per la produzione

La potatura produttiva è molto semplice, e con essa cerchiamo semplicemente di mantenere l’albero nella migliore salute e stato di produzione possibile. Devi solo rifilare i rami che crescono eccessivamente alti per non ostacolare la raccolta, oltre ad eliminare i polloni che compaiono sul tronco. Come sempre potare anche i rami che ostacolano la crescita di quelli principali, così come quelli che sembrano deboli o malati.

Consigli per la potatura del ciliegio

Ci sono alcuni consigli generali da seguire quando si pota il ciliegio:

  • Indipendentemente dall’opzione che hai scelto per modellare il tuo ciliegio, i rami ascendenti che ti interessa sviluppare sono quelli che crescono con un’inclinazione di circa 60 gradi. I rami di questa inclinazione consentono una struttura adeguata che non copra eccessivamente la luce a quelle inferiori.
  • Se vuoi che il tuo ciliegio produca frutti più grandi, puoi rimuovere alcuni rami laterali con boccioli fioriti. Questo farà sì che il tuo ciliegio produca meno frutti, ma saranno più grandi.
  • Infine, ricorda che è molto importante sterilizzare le tue forbici o pinze da potatura, altrimenti l’albero è a rischio di infezione per le ferite riportate.

Come fare le talee di ciliegie e piantarle

I ciliegi possono essere propagati per talea. Per prelevare le talee di ciliegie e piantarle, segui queste istruzioni:

  1. Le talee di ciliegio vanno tagliate in inverno, quando l’albero mantiene un’attività minore, ma bisogna fare attenzione a far guarire la lesione, ad esempio applicando un antimicotico naturale come la cannella. Qui puoi saperne di più fungicidi fatti in casa per alberi da frutto.
  2. Tagliare le talee in sezioni di circa 20 cm o 25 cm, con forbici da potatura o un coltello affilato adeguatamente disinfettato.
  3. Immergere le talee nell’agente radicante per circa 10-15 minuti. Puoi acquistarlo in qualsiasi negozio di giardinaggio o crearne uno tuo.
  4. Preparare un contenitore abbastanza grande con un substrato di terriccio e torba. Fai dei buchi profondi circa 6 cm e piantaci le talee. Assicurarsi che il contenitore offra un buon drenaggio e annaffiarlo in modo che sia umido, sempre senza intasarsi.
  5. Tieni la pentola o il contenitore in una zona luminosa ma al riparo dal sole diretto e mantienilo umido mentre si sviluppano le talee.

In questo altro post di EcologíaVerde ti diciamo di più su Come fare le talee.

Se desideri leggere altri articoli simili a Potare un ciliegio: quando e come farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.