Piante

Guida alla cura delle piante di camelia

Il genere Camellia  potrebbe non venire in mente finché non confermeremo che queste specie appartengono a ciò che è noto come l’albero del tè. Il genere Camelia è il grande rappresentante delle varietà originarie dell’Asia e utilizzate per la produzione di diverse varietà di tè.

Tra questi, la specie Camellia sinensis  è quella che è al centro della scena in quanto è la varietà principale quando si tratta di sfruttare le sue foglie e gli steli per fare il tè.

In questa guida sul genere Camellia vogliamo farvi conoscere tutte le varietà e le principali cure che hanno tutti gli esemplari che ne fanno parte. Non tutto, però, ha a che fare con gli infusi, dal momento che alcune varietà, come la camelia comune ( Camellia japonica) sono utilizzate come pianta ornamentale per la coltivazione in vaso, per la sua spettacolare fioritura.

Principali caratteristiche delle camelie

A livello ornamentale, la specie più conosciuta, lontana dal mondo degli infusi, è la camelia comune ( Camellia japonica). È considerato un arbusto o sub-arbusto che può essere piantato in vaso nei suoi primi anni di vita, con foglie sempreverdi e una fioritura spettacolare.

La sua origine è asiatica, come la maggior parte delle specie rappresentate dalla famiglia delle theaceae ( Theaceae). I principali paesi dove si coltivano le camelie sono il Giappone, la Corea e la Cina. Tuttavia, non è esclusivo poiché può essere coltivato in qualsiasi parte del mondo.

Crescendo naturalmente, può raggiungere con relativa facilità oltre 3 metri di altezza. Fu introdotto in Europa attraverso i Gesuiti diversi secoli fa.

Fioritura:  una delle opzioni più interessanti per le camelie è la loro fioritura precoce, molto prima delle piante che iniziano a germogliare e fiorire all’inizio della primavera. La camelia può mostrare i suoi primi fiori prima della fine dell’inverno, a seconda dell’escursione termica in cui la piantiamo. In questa pianta e nelle sue sottovarietà possiamo trovare fiori di tutti i tipi, come il bianco, il rosa, il tipo semplice, il doppio, ecc.

varietà tra cui scegliere

Camelia assimilis camelia granthamiana camelia reticolata
Camelia brevistila Camelia grijsii camelia rosa
camelia caudata camelia hongkongensis camelia rustica
camelia changii camelia honkongensis camelia salicifolia
camelia chekiangoleosa Camelia irrawadiensis camelia saluenensis
crisantemo camelia camelia giapponese camelia sasanqua
camelia connata camelia kissii camelia semiseghettata
camelia crapnelliana camelia lutchuensis camelia sinensis
camelia cuspidata camelia nokoensis camelia taliensis
Camelia euryoides camelia oleifera Camelia transnokoensis
Camelia Forrestii camelia parviflora camelia tsaii
camelia fraterna camelia pitardi camelia vietnamita
Camelia furfuracea Camelia poliodonta camelia yunnanensis 

Tassonomia delle camelie

  • Ordine: Ericales
  • Famiglia: Teacee
  • Genere: Camelia
  • Specie: Camellia japonica

Guida alla cura della camelia ( Camellia japonica)

Climatologia

Temperatura

Questo tipo di arbusto si adatta molto bene a tutti i tipi di clima, anche se beneficia di temperature che non superano i 30-35 ºC. Per questo motivo viene generalmente coltivato nella parte settentrionale della Spagna e nei paesi un po’ più freddi.

illuminazione

La situazione ideale per la camelia in termini di illuminazione è raggiungere una buona intensità luminosa ma senza accesso diretto alla luce solare, almeno nei primi anni di vita. Il sole diretto fa

Umidità

La sua origine è stabilita nei paesi subtropicali con un’elevata gamma di umidità. Per uno sviluppo ottimale della camelia, l’umidità relativa dovrebbe essere in media superiore al 60%. È possibile controllare l’umidità utilizzando igrometri da giardino.

In zone particolarmente secche si consigliano applicazioni fogliari o l’uso di nebulizzatori per aumentare l’umidità relativa ed evitare che le foglie si secchino eccessivamente.

Terreno e substrato

Uno dei principali requisiti richiesti dalle camelie è un terreno con buon drenaggio e carattere acido, per avere tutti i nutrienti solubili. Pertanto, la domanda di materia organica e torba è un buon modo per raggiungere le condizioni del suolo di cui questa pianta ha bisogno.

In terreni calcarei o con pH elevato, noteremo una perdita del verde originale nelle foglie e possibile carenza di ferro, poiché questo elemento è praticamente insolubile quando il pH sale sopra 7.

Le camelie, invece, non amano i terreni con un’eccessiva concentrazione di conducibilità, quindi si consigliano terreni senza accumulo di sale.

irrigazione della camelia

La camelia è una pianta che ama mantenere un regime di umidità costante durante tutto il periodo di produzione e fioritura. Pertanto, adatteremo la frequenza di irrigazione per evitare che il terreno si asciughi tra l’irrigazione e l’irrigazione.

Un piano generale di irrigazione per la camelia, che dovremo adattare in base alle condizioni di temperatura del nostro ambiente e alla tessitura del suolo, è il seguente:

  • Irrigazione in primavera ed estate:  da 2 a 3 irrigazioni a settimana, da 4 a 8 L/pianta.
  • Annaffiature in autunno e inverno:  da 1 a 2 annaffiature a settimana, da 4 a 8 L/pianta, riducendo la quantità e la frequenza in base alle precipitazioni.

Abbonato

Si consiglia di nutrire le piante con germogli primaverili, perché la loro richiesta di nutrienti è moderata. Per fare questo, possiamo applicare i primi fertilizzanti (liquidi o solidi) quando vediamo i boccioli dei fiori gonfiarsi, segno della futura fioritura.

Per fare questo, possiamo iniettare il fertilizzante attraverso il sistema di irrigazione o aggiungerlo tramite fertilizzante granulato, attorno al tronco, 2 o 3 volte l’anno dall’inizio della primavera. Nella scelta del fertilizzante ne cercheremo uno speciale equilibrato per piante da fiore, come la camelia.

Abbiamo le seguenti alternative:

Nel caso di fertilizzante granulare, applicheremo 100 g attorno al tronco principale prima della comparsa del primo fiore, effettuando un’altra applicazione con la stessa quantità a metà estate.

Tieni presente che è consigliabile utilizzare anche il chelato di ferro, soprattutto in terreni poco acidi, poiché la camelia lo richiede con grande richiesta e la sua assenza può causare clorosi ferrica e ingiallimento delle foglie.

Moltiplicazione delle camelie

Il metodo di propagazione più utilizzato è per talea, che rappresentano circa il 70% delle piante di camelia riprodotte. In questo modo possiamo preservare le caratteristiche originarie della pianta madre.

Per lelo selezioniamo talee semilegnose da 10 a 15 cm, lasciandole in acqua per 48 ore per attivare la produzione di radici bianche. Successivamente piantiamo in un contenitore fatto di fibra di cocco e torba, ben inumidito, mantenendo costante l’umidità fino a quando vediamo che c’è movimento nelle gemme della parte aerea, segno che la talea ha attecchito bene.

Potatura

La potatura della camelia dovrebbe seguire lo schema di altre piante da fiore. Consisterà nell’effettuare, dopo la fioritura, una pulizia dei rami secchi, danneggiati o colpiti da parassiti e malattie, nonché rimuovere foglie e fiori secchi.

Possono anche comparire, attaccati alla base del tronco, germogli che dovrebbero essere rimossi poiché sottraggono energia alla pianta. A sua volta, devi anche eliminare rami incrociati o rami diretti verso l’interno. In questo modo miglioriamo la ventilazione all’interno e preveniamo la proliferazione di funghi.

Questo tipo di potatura viene effettuata o dopo la fioritura o prima dell’emergere dei nuovi germogli, altrimenti si corre il rischio di danneggiare la fioritura futura.

Piaghe e malattie

Il genere Camellia non è esente dall’essere attaccato da diversi gruppi di insetti e aracnidi, oltre che da funghi e batteri. Vedremo un elenco di possibili invasori e come rimediare al danno.

parassiti

Le specie più comuni sono gli insetti succhiatori, che assorbono la linfa e indeboliscono la pianta. Attacchi molto gravi possono causare la morte della pianta, generalmente per una somma di disturbi e per la presenza di malattie.

  • Afidi:  Esistono diversi tipi di afidi che colpiscono le camelie. Si trovano nei nuovi germogli che iniziano a formarsi all’inizio dell’estate.
  • Cocciniglie: insetti dal corpo morbido, cotonoso, di colore bianco e praticamente immobili, che si depositano sui nuovi steli e assorbono la linfa della pianta.

malattie della camelia

Esiste un gran numero di funghi che possono colpire la pianta, suddividendoli in quelli che attaccano la parte aerea (fiori e foglie) e quelli che sono considerati malattie del collo e delle radici.

La presenza di melassa (zuccheri della linfa) estratta dagli insetti succhiatori fa apparire i funghi fogliari audaci, il che provoca anche l’indebolimento della pianta.

  • Cancri della corteccia:  produce un rapido appassimento dei rami, dovuto all’ostruzione dei canali della linfa, seccando completamente interi rami senza intaccare altre parti della camelia. Questo fungo compare solitamente in condizioni di elevata umidità e allagamento delle radici, che provoca indebolimento dovuto al soffocamento delle radici e alla mancanza di ossigeno nel mezzo.
  • Macchia del petalo:  sono presenti alcuni funghi responsabili della creazione di macchie sui petali dei fiori, come Sclerotinia sclerotiorum Ovullini azaleae. In genere sono funghi che si manifestano con condizioni di elevata umidità ambientale, e si possono prevenire con l’applicazione fogliare del rame nelle sue diverse forme, come la miscela bordolese.
  • Marciume radicale:  con terreni impregnati d’acqua e scarsa ossigenazione, le radici iniziano a marcire e ad attirare funghi anaerobici, come la Phytophthora.

Inoltre sono presenti anche alcune fitiopatie che provocano la caduta precipitosa dei fiori o le gemme gonfie. La causa potrebbe essere la mancanza di luce o sostanze nutritive. In quest’ultimo caso osserveremmo le piccole foglie gialle e una dimensione ridotta della pianta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.