Piante

Raccomandazioni essenziali per la coltivazione del pomodoro

La coltivazione del pomodoro è una delle più diffuse al mondo. Ci offre buone possibilità di adattamento a diversi terreni e anche coltivato sul nostro terrazzo attraverso vasi o tavoli di coltivazione. Quando si avvicina il bel tempo, primavera ed estate, non dobbiamo perdere l’occasione di coltivarlo in nessuno dei diversi modi descritti.

Con il bel tempo e le giuste condizioni meteorologiche, hai già gran parte del lavoro svolto. Adesso non ti resta che prestare attenzione ai compiti della coltivazione del pomodoro e ad alcuni consigli che andremo a raccontarti.

Stadi fenologici sviluppati nella coltivazione del pomodoro

In questa tabella possiamo vedere come si svilupperebbe un breve ciclo del pomodoro nei mesi primaverili ed estivi, così come potresti riprodurlo nel tuo giardino o balcone (se coltivi in ​​vaso).

marzo aprile Maggio giugno luglio agosto settembre ottobre
Semina Trapianto e crescita Allegagione e sviluppo Maturazione e vendemmia

Per le colture in serra, questi periodi sono spesso alterati o allungati.

Possiamo trovare cicli lunghi dove viene piantata in luglio o agosto, con una durata della campagna di 8-10 mesi.

Adattamento climatico nella coltivazione del pomodoro

Il pomodoro è una pianta appartenente alla famiglia delle Solanacee. Non è necessario spiegare molto su questo e possiamo riassumerlo semplicemente e semplicemente: luce e calore.

caratteristiche di temperatura

La temperatura ideale nella coltivazione del pomodoro è compresa tra 20 ºC e 30 ºC. Questo intervallo è espandibile di 5 ºC su e giù (da 15 ºC a 35 ºC) dove il raccolto di pomodoro non è interessato, sebbene la sua capacità di crescita diminuisca.

  • Al di sotto dei 15 ºC, avremo problemi di crescita e di impollinazione (i frutti non si alleggeriranno).
  • Al di sopra dei 35 ºC, anche se avremo fiori, l’impollinazione sarà molto ridotta e la qualità del polline piuttosto bassa. Questo perché una quantità minima di umidità è essenziale per la vitalità del polline.

Perdere un intero grappolo a causa delle condizioni meteorologiche garantisce la perdita di alcuni chilogrammi nella produzione totale. Non possiamo correre rischi. Pertanto, è importante piantarlo nelle date esatte.

caratteristiche di luce

La luce è importante e la coltivazione del pomodoro è molto richiesta. La fotosintesi, che è fondamentalmente l’ottenimento di energia attraverso la luce, è estremamente necessaria per facilitare il corretto ingrasso e maturazione dei frutti.

Certo, non confondiamo la luce con il pieno sole, perché non è la stessa cosa. Il sole diretto sui frutti provoca macchie (dette «asoolanado» in lingua agricola), colori irregolari e crepe.

L’unico strumento che abbiamo per combattere questo se abbiamo pomodori coltivati ​​in giardino, senza possibilità di ombra, è quello di favorire una buona copertura vegetale con le sue foglie. Possiamo raggiungere questo obiettivo con un’abbondante concimazione azotata nelle fasi di sviluppo.

Piano fertilizzante nella coltivazione del pomodoro e dosaggio irriguo

concimazione del pomodoro

L’importanza dei nutrienti è fondamentale per produrre pomodori di qualità. Questi fertilizzanti possono avere un’origine chimica o ecologica, da fonti di amminoacidi o materia organica, tra le altre.

Per la concimazione chimica, si raccomandano i seguenti rapporti di nutrienti:

stadio fisiologico Equilibrio nutrienti g/m 2 e giorno conduttività elettrica
Trapiantare fino alla fioritura 1-2-1 1.5 0,5 + Acqua
Fioritura e allegagione 1-1-1 3 0,8 + Acqua
Maturazione e vendemmia 1-1-1.5 4 1 + Acqua

Bilancio nutritivo («Equil. Nutrients») mette in relazione la quantità comparativa di nutrienti come azoto, fosforo e potassio, i più importanti. In questo caso, applicando nelle prime fasi 1,5 grammi per metro quadrato al giorno, applicheremmo 0,375 grammi/m 2 di azoto, 0,7 grammi di fosforo e 0,375 grammi di potassio.

Se lo mettiamo in relazione con la quantità di fertilizzante aggiunta alla coltura del pomodoro in base alla dose di irrigazione (grammi/litro d’acqua), non dobbiamo aumentare la concentrazione oltre 1 grammo, poiché la conducibilità aumenta eccessivamente.

Nell’agricoltura intensiva tale importo viene talvolta superato nelle fasi critiche dell’ingrasso e della maturazione dei frutti, ottenendo produzioni di 20 kg/mq. Per il nostro caso, non è consigliabile.

Utilizzando i principali fertilizzanti in commercio, il risultato sarebbe questo:

DAL 2° FRUTTA FRESCA AL 4° FRUTTA FRESCA

Dosaggio per irrigazione nella coltivazione del pomodoro

FERTILIZZANTE QUANTITA’ (KG/ha)
SERBATOIO 1
FOSFATO DI MONAMMONIO 10
NITRATO DI POTASSIO 10
NITRATO DI AMMONIO 5
SERBATOIO 2
ACIDO NITRICO Due
NITRATO DI CALCIO quindici
NITRATO DI POTASSIO quindici

REGOLA DAL 4° PROFUMO AL 7° PROFUMO

FERTILIZZANTE QUANTITA’ (KG/ha)
SERBATOIO 1
FOSFATO DI MONAMMONIO 10
NITRATO DI POTASSIO venti
NITRATO DI AMMONIO 10
SERBATOIO 2
ACIDO NITRICO 5
NITRATO DI CALCIO quindici
NITRATO DI POTASSIO quindici

  CAGLIATA SET 7° PROFUMO FINO A FINE VENDEMMIA

FERTILIZZANTE QUANTITA’ (KG/ha)
SERBATOIO 1
FOSFATO DI MONAMMONIO 5
NITRATO DI POTASSIO 30
NITRATO DI AMMONIO venti
SERBATOIO 2
ACIDO NITRICO 5
NITRATO DI CALCIO venti
NITRATO DI POTASSIO 30

 Non dimenticare la materia organica, grande alleata per la coltivazione del pomodoro

Caratteristiche di irrigazione

L’acqua è molto importante per garantire un corretto riempimento dei frutti e un buon sviluppo della pianta.

Si consiglia di non esagerare e causare ristagni idrici, in quanto sono sempre associati a malattie del collo che finiscono con la pianta in breve tempo.

Di seguito è indicato il dosaggio consigliato per m 2, dove possono stare 2 piante di pomodoro, secondo la struttura di impianto, quindi dovrai calcolare quanti pomodori hai in 1 m 2 e dividere questi valori per il numero di impianti.

Fase di sviluppo Quantità d’acqua (L/m 2  e settimana) Numero di irrigazioni
sviluppo iniziale 0-5 0-1
Inizio della fioritura 5-10 1-2
Fioritura 5-10 1-2
allegagione 5-10 1-2
sviluppo dei frutti 15-20 3-4
Raccolto 25-30 5-6

Questi valori sono approssimativi, aumentando o diminuendo la quantità a seconda della temperatura.

Parassiti e malattie nella coltivazione del pomodoro

Principali malattie del pomodoro

muffa in polvere

I sintomi più caratteristici dell’oidio nel pomodoro sono la comparsa di macchie gialle sulla superficie superiore delle foglie che nel tempo provocano necrosi al centro. Inoltre, una caratteristica polvere bianca appare di solito sul lato inferiore delle foglie, causando un’intensa defogliazione del raccolto nel corso dei giorni.

Peronospora:

Anche un’altra malattia del pomodoro molto caratteristica che colpisce diverse specie della famiglia delle Solanacee.

Nella coltivazione del pomodoro interessa la parte aerea della pianta in qualsiasi fase di sviluppo. Il sintomo principale della peronospora nel pomodoro è la comparsa di macchie irregolari dall’aspetto oleoso che occupano quasi l’intera foglia.

Macchie brunastre compaiono anche sul gambo, invadendo anche i frutti.

Leggi tutto: come combattere la peronospora 

Alternato:

È conosciuto con il nome scientifico di Alternaria solani, che colpisce piante della stessa famiglia dei pomodori.

Il sintomo principale che provoca è il marciume della frutta, anche se può colpire anche foglie e steli. Sulle foglie sono presenti macchie circolari che tendono a presentare un alone giallo.

botrite

Questa malattia è anche conosciuta come marciume grigio.

È un fungo che attacca le piante di pomodoro e può causare la morte della pianta in un breve lasso di tempo.

Sulle piante adulte provoca lesioni marroni sul fusto, creando un collasso e successiva morte della pianta.

Nei frutti, la Botrytis provoca un marciume molle, e nelle foglie e nei fiori sono presenti lesioni marroni come quelle del gambo.

Leggi tutto: conosci il marciume della frutta causato dalla botrite

Fungicidi consigliati:

Leggi tutto: malattie del pomodoro.

Principali parassiti nella coltivazione del pomodoro

Ragno rosso

Il ragnetto rosso è uno dei principali parassiti nella coltivazione del pomodoro. Lo sviluppo del ragno rosso è favorito dalle alte temperature e da un ambiente secco. I sintomi che provoca nella pianta hanno origine sul lato inferiore delle foglie, dove dà origine a decolorazioni e macchie gialle e/o clorotiche.

Se gli attacchi sono gravi, possono portare al disseccamento della pianta. Per prevenire l’avanzata della pianta, è consigliabile rimuovere le erbacce e i resti di altre colture, nonché i fertilizzanti con azoto in eccesso.

Leggi di più: come identificare e combattere l’acaro del ragno

afidi: 

I nomi scientifici che caratterizzano questo parassita comune sono A. gossypii e M. Persicae.

Producono deformazioni e grumi nelle foglie, oltre a secernere melassa (liquido zuccherino) che favorisce la crescita di malattie come la muffa grassa o fuligginosa.

L’afide è in grado di trasmettere virus CMV e PVY nel raccolto di pomodoro, che causeranno danni molto più gravi e irreparabili.

Per evitare che ciò accada, è necessario eliminare le erbacce e i resti di altre colture, nonché ridurre l’umidità ambientale con i mezzi possibili. Gli afidi hanno nemici naturali che aiutano a controllarli, come Chrysoperla carnea o Chrysopa formosa.

Leggi tutto: afide nero: scopri alcune soluzioni ecologiche

Mosca bianca:

La mosca bianca è un parassita che si riproduce rapidamente. Gli adulti colonizzano le parti giovani del raccolto di pomodoro, adagiando sul lato inferiore delle foglie.

Dalle uova emergono le prime larve mobili, che sono quelle che danneggiano direttamente la pianta, assorbendo la linfa delle foglie e indebolendo il pomodoro.

Per evitare la mosca bianca nelle colture di pomodoro, è importante pulire le erbacce con saponi di potassio e altre fonti e non abbandonare le colture alla fine del ciclo, poiché i giovani germogli attirano gli adulti di mosca bianca.

Leggi di più:  come eliminare la mosca bianca nelle tue colture

Varietà di pomodori interessanti

Prodotti consigliati:

Altre piante orticole correlate

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.