Suggerimenti

Come piantare i piselli in giardino

Una delle alternative che possiamo sfruttare dopo colture impegnative come le solanacee, è piantare piselli o fagioli in giardino. Oltre ad essere una pianta che non richiede molte attenzioni, offre molte ricompense quando viene raccolta.

Il pisello è regolarmente affermato come ingrediente nella cucina di molti paesi.

A differenza dei piselli in scatola o surgelati, avere la possibilità di averli freschi e appena colti non ha eguali.

Per questo motivo, vogliamo dirti come piantare i piselli nel tuo giardino o anche in vaso.

Semina o piantare piselli

Quando piantare i piselli?

La fase di semina dei piselli dipenderà dalla zona in cui ci troviamo e dal suo clima.

In ambienti caldi, il momento ideale per piantare i piselli è l’inizio di ottobre, che dà raccolti anticipati.

Nelle zone con inverni più freddi, la semina dovrà essere posticipata fino a metà febbraio, perché potremmo avere problemi di germinazione o mancanza di crescita a causa delle basse temperature.

Molte volte, i piselli piantati in questo periodo sono avanti nello sviluppo e nella produzione di quelli piantati in autunno e sono stati sottoposti a basse temperature.

In ogni caso, essendoci molte varietà adatte a diverse condizioni di freddo o caldo, è necessario guardare in etichetta le specifiche su quando piantare i piselli.

Come possiamo piantare i piselli?

Prima di mettere i semi, una prima raccomandazione è quella di annaffiare il terreno. In questo modo anticiperemo di qualche giorno la germinazione dei semi, che avverrà come di consueto. Si crea un piccolo solco e si depongono i semi.

Un’alternativa più veloce ma meno economica è quella di acquistare la piantina e successivamente il trapianto. Con questo guadagniamo fino a 1 mese la data di raccolta, poiché i semi di pisello impiegano circa 10 giorni per germogliare, più il tempo di sviluppo iniziale fino a raggiungere quei 10-15 cm di altezza.

Per seminare, come abbiamo accennato, apriamo un solco e mettiamo un seme ogni 20 o 30 cm di distanza.

La distanza consigliata tra le file varia solitamente da 40 cm a 60 cm, a seconda delle caratteristiche di sviluppo del pisello.

Anche la profondità di impianto è importante, che dovrebbe essere compresa tra 3 e 4 cm.

Quando viene piantato?

Dipenderà dalla varietà scelta e dalla data di raccolta che vogliamo.

I primi piselli  possono essere piantati in ottobre (emisfero settentrionale).

Nei climi freddi, invece, si possono seminare a partire da febbraio (emisfero nord) oppure attendere qualche mese in più se il freddo persiste.

I piselli tardivi dovrebbero essere piantati da luglio.

Una raccomandazione per accelerare la germinazione quando si piantano i piselli è di inumidirli 2 giorni prima della semina. Questo accelera la rottura della testa e l’uscita della piantina in formazione.

Coltivazione di piselli

Separeremo ciascuno dei punti di forza della coltura, in base al tempo, alle esigenze di irrigazione, alla fertilizzazione e ad altre questioni importanti.

Clima e sviluppo del pisello

La coltivazione dei piselli è favorita da un clima freddo, temperature basse ma moderate. Allo stesso modo, necessita anche di un’elevata umidità ambientale (superiore al 60%).

Non è affatto favorito dal calore eccessivo o dalle zone asciutte, senza precipitazioni o carenti di umidità.

Pertanto, quando piantiamo i piselli, sceglieremo aree con temperature comprese tra 10 e 20 ºC.

Sotto lo zero la crescita rallenta (con temperature inferiori allo zero possono essere danneggiate dal gelo) e sopra i 20 ºC, anche lo sviluppo della pianta non è quello che dovrebbe.

Ci saranno giorni in cui raggiungeremo basse temperature, ma non sarà un problema per lo sviluppo del pisello. Rimane inattivo e aspetta un po’ più di calore.

In effetti, noterai una rapida crescita quando le temperature superano i 10°C per la maggior parte della giornata.

Tuttavia, se prevedi di coltivarla in estate in zone molto calde, la sua crescita si ferma al di sopra dei 35ºC.

Caratteristiche di irrigazione

Quando si piantano i piselli, è essenziale non lasciare la pianta senza acqua per molto tempo, facendo annaffiature scaglionate.

La coltura si è sviluppata molto bene con irrigazioni abbondanti e diradate, consentendo al terreno di acquisire capacità di campo e avere un temperamento (stato di umidità ottimale) che si mantiene nel tempo.

Successivamente, man mano che il terreno perde umidità, effettueremo una nuova irrigazione con le stesse caratteristiche.

Per favorire  la comparsa dei fiori,  un trucco è ridurre l’irrigazione. In questo modo viene stimolata la produzione di gemme e la produzione di fiori. Con i frutti, torneremo al solito stato di approvvigionamento idrico.

Necessità di apporto di nutrienti

I piselli, come molti altri legumi, sono in grado di fissare l’azoto atmosferico. Ciò significa che possiamo ridurre il contributo di questo elemento, ma non sostituirà mai completamente ciò che può essere ottenuto attraverso organismi simbionti in grado di sfruttare l’azoto.

La ricchezza in materia organica del suolo sarà un’aggiunta, poiché a poco a poco rilascia i nutrienti che sono prontamente disponibili per la pianta.

Per darti un’idea iniziale, pensa che tra il 20 e il 30% della materia organica o del compost utilizzato verrà mineralizzato nel primo anno. In altre parole, l’azoto fornito (forma ammoniacale e successivamente nitrica), fosforo, potassio e micronutrienti saranno utilizzabili dalle piante.

Piantare i piselli per la prima volta in un appezzamento di terreno richiederà una profonda lavorazione del terreno. Si consiglia di asportare i primi 30 centimetri di terreno per aerare il terreno, migliorarne la flocculazione e distribuire meglio la sostanza organica in esso presente.

Concime inorganico per piselli

Per quanto riguarda l’apporto dei fertilizzanti inorganici, forniamo il seguente riferimento in merito ai fabbisogni nutrizionali del pisello.

Per ogni 1000 raccolto prodotto:

UFN: 40-45 kg di azoto per ettaro

UFP: 20-25 kg di fosforo per ettaro

UFK: 30-35 kg di potassio per ettaro

Azoto

  • Importante per favorire lo sviluppo e la formazione della pianta.
  • È legato alla disponibilità di  Rhizobium leguminosarum,  per fissare l’azoto.
  • Poiché la fissazione dell’azoto non copre tutte le esigenze del pisello, si raccomandano contributi aggiuntivi, soprattutto in climi freddi o con basso sviluppo di microrganismi.

Carenza di azoto:  clorosi generale della coltura, con caduta delle giovani foglie.

Incontro

  • Favorisce la formazione di nuove radici. Stimola lo spessore dello stelo e l’aspetto dei fiori, il numero dei baccelli e il numero dei grani.
  • Il suo utilizzo in apporto di fondo (prima della semina) favorisce l’aumento del numero di noduli di  Rhizobium leguminosarum.
  • In terreni con pH elevato e presenza di calcio, la sua efficacia è ridotta.

Carenza di fosforo:  mancanza di sviluppo generale della pianta, steli stentati e internodi eccessivamente corti. Mancanza di crescita delle foglie e riduzione del numero di baccelli.

Potassio

  • Stimola la produzione di zuccheri e aiuta a formare le proteine.
  • Favorisce il processo fotosintetico e regola lo stoccaggio delle sostanze di riserva, favorevoli nei periodi di siccità o freddo.
  • Fa parte della regolazione della traspirazione delle piante e, quindi, della mobilità del calcio.
  • Interviene nella formazione dei noduli e nella produzione di nuove radici, come il fosforo.

Carenza di potassio:  la clorosi (perdita del colore verde) e la necrosi si verificano sulla punta e sui bordi della foglia.

caratteristiche del suolo

Le condizioni migliori per piantare i piselli sono avere un terreno soffice e spugnoso, con un livello adeguato (sopra l’1,5%) di sostanza organica, che favorirà la ritenzione dell’umidità.

È preferibile cercare un terreno argilloso, senza molta presenza di calcare (per migliorare la disponibilità di fosforo), fresco e con buon drenaggio.

La pacciamatura dopo aver piantato i piselli è consigliata per migliorare la ritenzione dell’umidità e lo sviluppo del fusto.

Associazioni favorevoli e sfavorevoli del pisello

Piantare i piselli nell’orto significa condividere con altre piante (verdure, frutta e verdura). Pertanto, dobbiamo sapere se i compagni di viaggio danneggeranno o miglioreranno il risultato finale della piantagione.

I piselli possono essere piantati insieme a un gran numero di famiglie di piante, ad eccezione di aglio e cipolla.

Pertanto, possiamo realizzare linee di impianto con molte verdure, come ravanelli, lattuga, broccoli, ecc. Tutte queste colture potranno sfruttare l’azoto che gli organismi fissatori lasciano nel terreno.

Graticcio di piselli

Una raccomandazione dopo aver piantato i piselli, quando iniziano a crescere e ad aumentare di altezza, è il  traliccio. 

Questa tecnica consiste nel fissare i viticci su canne o bastoncini, in modo da guidarne la crescita.

Questo viene fatto in questo modo perché il pisello, di per sé, ha un aspetto strisciante, quindi i suoi frutti sarebbero a contatto con il terreno umido e potrebbero marcire.

Lo stesso accade con il pomodoro, che viene anche messo su dei paletti quando acquisisce un’altezza significativa.

La puntellazione dei piselli può essere eseguita con canne alte da 1,5 a 2 metri, paletti di legno, plastica o altro materiale.

Allo stesso modo, possiamo anche cercare reti di plastica (come le arance di un’opera). Il suo posizionamento è molto semplice, anche se avrai bisogno di aste per tenere queste maglie.

Dovremo semplicemente avvicinare le piante alla rete per aiutarle a fissare i viticci su di esse e ottenere una buona presa.

Alcuni suggerimenti aggiuntivi su come piantare i piselli.

 Puoi piantare i piselli in vaso?

Non ci sono limiti quando si tratta di piantare i piselli, anche in vaso e in casa. L’unico fattore che può limitarci è il volume dei piatti.

Per il suo sviluppo radicale, si consiglia di avere un vaso sufficientemente capiente, almeno con un volume maggiore di 15 litri.

Possiamo utilizzare qualsiasi supporto commerciale di marchi riconosciuti. Man mano che il raccolto si sviluppa, dovremo sostenere la pianta con dei paletti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.