Problemi

Come eliminare la mosca bianca nelle tue colture

Parassiti e malattie » Mosca bianca

La mosca bianca è diventata un vero e proprio grattacapo per tutti gli agricoltori, poiché è un parassita molto polifago che attacca praticamente tutte le colture. La sua eliminazione, inoltre, è piuttosto complicata perché ha la capacità di volare.

Non appena nota le variazioni di umidità dovute ai trattamenti fogliari, prende il volo ed evade dalla situazione conflittuale fino a quando non si calma e ritorna nuovamente alla coltura. Occorre quindi pazienza e riapplicazione dei trattamenti, oltre al rispetto delle politiche di prevenzione che fanno molto bene.

In questo articolo su parassiti e malattie, ti parleremo dei dettagli più importanti della mosca bianca: la sua identificazione, i tipi e le colture colpite e i modi per combatterla.

mosca bianca sulle piante

Con l’arrivo della primavera e l’innalzamento delle temperature, fa la sua comparsa la mosca bianca del raccolto ( Trialeurodes vaporariorum o Bemisia tabaci che inizia a depositarsi sulle foglie e sui teneri steli, dove aspira il succo cellulare e provoca danni alla coltura.

Fisicamente è una mosca molto piccola, di taglia compresa tra 1 e 3 mm, visibile ad occhio nudo (poiché contrasta molto bene con il verde della foglia), e con un ciclo vitale che dura dai 10 ai 30 giorni. a seconda della temperatura e del tempo.

Le femmine depongono tra le 80 e le 300 uova, quindi l’entità della loro capacità di proliferare e diffondersi in tutte le piante è molto vertiginosa.

Anteriormente e facente parte dell’apparato orale, presenta un elemento aspirante che attraversa l’epidermide della foglia ed estrae il succo cellulare, molto zuccherino e con sufficiente energia per completare il suo ciclo.

Quando molti individui di mosche bianche succhiano contemporaneamente, la foglia inizia a perdere vigore e lo stato di vigore della pianta diminuisce. Inoltre, il succo cellulare rimanente rimane sulla superficie della foglia e attira altri insetti o funghi, come il grassetto.

L’indebolimento generale della pianta e la possibilità di trasmettere virus fanno della mosca bianca un insetto che genera molti mal di testa, classificandosi quasi al primo posto per danni alle colture come peperoni, melanzane, patate, ecc.

Una delle specie di mosca bianca più famose, Bemisia tabaci,  appartiene alla famiglia Aleyrodidae  e, a sua volta, alla sottofamiglia Aleyrodinae.

Il nome  tabaci  deriva dal fatto che il primo raccolto in cui è stato identificato questo parassita era nelle coltivazioni di tabacco situate in Grecia, nel 1889.

Ciclo biologico

In totale contiamo fino a 6 stadi della mosca bianca.

  • Fase 1:  uovo.
  • Stadio 2:  1° stadio larvale.
  • Stadio 3:  2° stadio larvale.
  • Stadio 4:  3° stadio larvale.
  • Stadio 5:  4° stadio larvale.
  • Fase 6:  adulto.

Le pupe o stadi larvali si trovano solitamente sulle vecchie foglie. Dal 4° stadio larvale è possibile identificare, con una lente d’ingrandimento, le diverse parti del suo corpo, occhi e ali in formazione.

Quando gli adulti emergono, tendono a disperdersi rapidamente (grazie alla loro capacità di volare) in tutta la pianta e nei dintorni, dove depongono le uova in grandi covate (da 80 a 300).

Appena emerge inizia ad estrarre la linfa con il suo apparato boccale perforante e aspirante da tutte le parti della pianta, anche se preferisce quelle più tenere per la facilità di estrazione.

Un metodo chiaro per l’ identificazione della mosca bianca è scuotere la pianta, dove vedremo centinaia di insetti volanti dall’aspetto bianco emergere nell’aria, e poi depositarsi sul lato inferiore della foglia.

Inoltre, un ulteriore motivo che rende difficile l’eliminazione del parassita è che tutto il suo corpo è immerso in uno strato ceroso che riduce l’efficacia dei trattamenti, quindi si consiglia l’uso di saponi o tensioattivi per ammorbidire il suo esoscheletro e rimuovere lo strato. bianco ceroso.

Nelle serre, la specie più comune per le colture orticole è conosciuta come «mosca bianca in serra», il cui nome scientifico è Trialeurodes vaporariorum. 

A prima vista è difficile distinguere tra le due specie, sebbene Trialeurodes  sia un po’ più grande e di colore giallo, con una disposizione delle ali leggermente diversa da  Bemisia,  meno parallela al corpo di quest’ultima.

Danno da mosca bianca

Sebbene abbiamo già commentato i danni che provocano alle colture, approfondiremo l’argomento.

Gli stadi avanzati delle larve necessitano di alimenti zuccherini e ricchi di proteine ​​per continuare il loro ciclo biologico, e lo stesso accade con gli adulti, che sono costantemente in movimento.

Ecco perché l’ attività di aspirazione del succo di cellule vegetali è piuttosto elevata e il danno è facilmente identificabile.

Il danno è causato dall’estrazione della linfa, che provoca un calo di energia nella pianta e un indebolimento generale. Ad ogni aspirazione si genera un puntino giallo, con uno scolorimento maggiore del colore della foglia stessa.

Indebolimento generale della pianta

Numerose popolazioni causano una ridotta crescita delle piante e una debilitazione generale. La risposta fisiologica delle foglie è spesso quella di cadere a terra, per un aumento dell’acido abscissico che provoca l’abscissione del picciolo.

Attrazione di nuovi parassiti e malattie

La melassa prodotta durante la suzione rende la foglia appiccicosa a causa degli zuccheri in eccesso. Questo attira l’aspetto del fungo noto come grassetto ( Cladosporium   spp. ),  che provoca una macchia sulla superficie superiore delle foglie e si diffonde anche ai frutti.

Ciò riduce notevolmente la capacità della pianta di traspirare ed eseguire la fotosintesi.

trasmissione del virus

Immagine a sinistra: TYLCV Immagine a destra: ToCV

Uno dei maggiori problemi quando coltiviamo colture per scopi commerciali e abbiamo grandi estensioni è la trasmissione di virus da parte di vettori come questo parassita.

Non esiste una cura per questa malattia ed è un grave problema di produzione e propagazione.

Ecco perché questa piaga richiede un trattamento continuo, poiché il problema non è dovuto solo all’aspirazione del succo vegetale da parte del suo apparato orale, ma anche alla possibilità di trasmettere diversi tipi di virus.

I più comuni sono i seguenti.

Virus del ricciolo di pomodoro o virus del cucchiaio (TYLCV)

Ci sono diversi sintomi di questo noto virus del pomodoro, come la crescita stentata delle piante, l’arricciamento delle foglie e degli steli, l’ingiallimento e la clorosi delle foglie, ecc.

Virus della clorosi del pomodoro (ToCV)

Presenza di ingiallimento interveinale con macchie porpora e necrotiche, arrotolamento delle foglie adulte e aspetto friabile.

Come sbarazzarsi della mosca bianca

In questa sezione vedremo alcune chiavi su come combattere la mosca bianca

✔ Prevenzione

  • Evitare il più possibile i trattamenti fitosanitari, per garantire la proliferazione dei predatori naturali.
  • Mantenere costante l’umidità nel raccolto.
  • Stabilire la rotazione delle colture quando possibile.
  • Controlla lo sviluppo delle erbe infestanti intorno alle colture.
  • Fai attenzione alla comparsa delle formiche, poiché difendono i generatori di melassa come mosche bianche o afidi.

✔ Rimedi convenzionali

Vediamo alcuni trattamenti chimici per la mosca bianca.

Attualmente ci sono 82 registri di prodotti autorizzati per combattere la mosca bianca.

Questi includono prodotti petroliferi e a basso impatto come l’estratto di arancia, l’olio di colza, l’olio di paraffina,

insetticida mosche bianche

mosca bianca sul pomodoro

Per la coltivazione del pomodoro, abbiamo diverse opzioni di insetticidi autorizzati. I più importanti sono:

  • Acetamiprid (diverse concentrazioni)
  • Alfa cipermetrina
  • Azadiractina 3,2%
  • Cipermetrina (varie concentrazioni)
  • Deltametrina
  • Lambda cialotrina (varie concentrazioni)
  • Piretrine a diverse concentrazioni
  • piriprossifene
  • Spiromesifene 24% (Movento)
  • Spirotetramato (Oberon)
  • Thiacloprid
  • tiametossano

Tuttavia, poiché la maggior parte di essi ha un uso limitato e un numero massimo di applicazioni, la maggior parte degli agricoltori che curano Trialeurodes vaporariorum  in serra ricorre ad alcuni rimedi casalinghi come quelli di cui parleremo più avanti.

Mosca bianca nelle zucchine

Nelle zucchine, come nel caso del pomodoro, del peperone e di altre verdure, è comune vedere questo parassita, poiché ha foglie grandi e carnose e si deposita facilmente su di esse.

I trattamenti sono generalmente molto simili a quelli del pomodoro, poiché condivide le autorizzazioni per i principi attivi.

Il posizionamento di trappole cromatiche per il controllo delle popolazioni è molto interessante.

Leggi tutto: insetticidi autorizzati nelle zucchine.

Mosca bianca sugli agrumi

Negli agrumi (soprattutto aranci e limoni), è specificamente noto come mosca bianca cotonosa.

Ci sono molti meno principi attivi autorizzati rispetto alla coltivazione del pomodoro, con i seguenti prodotti che sono i più utilizzati.

Leggi tutto: insetticidi autorizzati contro la mosca bianca negli agrumi.

✔ Rimedi casalinghi

Per la casa, il giardino o il frutteto, possiamo usare insetticidi fatti in casa per la mosca bianca. In questo modo possiamo eliminare naturalmente questo temibile insetto.

Un rimedio casalingo che funziona contro la mosca bianca, ma che richiede pazienza e più di 1 applicazione, è la seguente proposta di trattamento:

Trattamenti intensivi (ogni 3-4 giorni) con le seguenti miscele:

  • Sapone per lavastoviglie tipo Fata o Mistol (2 ml/L) + aceto (2 ml/L)
  • Sapone per lavastoviglie tipo Fata o Mistol (2 ml/L) + candeggina (2 ml/L)

Sebbene questi prodotti di solito contengano tensioattivi e additivi che non sono completamente innocui per una pianta, è meglio rimuovere il problema più grande che è lo sviluppo della mosca bianca.

Nei negozi specializzati puoi trovare anche sapone al potassio o sapone al fosforo. La dose da utilizzare è 1%-2% in acqua (10-20 ml/litro di acqua).

Il modo più pratico per eliminare la mosca bianca in casa è utilizzare una delle proposte citate, bagnando bene il dorso della foglia (dove può nascondersi) e ripetendo i trattamenti ogni 3 giorni fino alla completa eliminazione della peste.

✔ Controllo biologico delle mosche

Oggi abbiamo molte opzioni per controllare questo parassita con insetti predatori.

Vedremo ciascuno dei principali predatori di mosche bianche che esistono oggi per generare un ambiente equilibrato per gli insetti.

Crisoperla carnea

Le larve lacewing attaccano diverse prede (afidi, mosche, tripidi, uova di falena, ecc.) e ne succhiano i liquidi corporei. È particolarmente indicato per gli afidi, sebbene sia efficace anche contro la mosca bianca.

encarsia formosa

Vespa parassita particolarmente attiva contro Trialeurodes vaporariorum.  La sua attività si basa sulla deposizione delle uova sulla larva della mosca. Una volta che l’uovo si schiude, la larva di Trialeurodes muore consumata.

Encarsia formosa  è particolarmente attiva con il 3° e 4° stadio larvale.

Eretmocerus eremico

Un altro uccello parassita che colpisce entrambi i tipi di mosche, particolarmente attivo contro le larve di 2° e 3° stadio.

Amblyseius Swirskii

Questo noto acaro predatore attacca diverse specie di insetti, tra cui Bemisia tabaci e Trialeurodes vaporariorum.

Nel caso non ci sia la peste, può nutrirsi del polline dei fiori.

Nesidiocoris Tenuis

Questo insetto ha una lunghezza compresa tra 3 e 4 mm, perfettamente perfettibile ad occhio nudo e molto più grande del suo nemico. Questo mirid ha un apparato ad anello di suzione con il quale estrae il succo cellulare della sua preda.

Macrolophus pygmaeus

Un’altra cimice della  famiglia Miridae.  Ha una grande voracità per le mosche bianche, anche se attacca anche afidi, acari e tripidi.

Un adulto di Macrolophus pygmaeus  è in grado di nutrirsi di 30 uova al giorno.

Esistono anche trattamenti autorizzati a base di funghi che parassitano diversi stadi di sviluppo. La più conosciuta è la Beauveria Bassiana ed è adatta ad altri parassiti come mosche, tripidi, acari e afidi.

✔ Trappole per mosche cromatiche

Un modo completamente ecologico per ridurre la presenza di questo parassita nelle nostre colture è creare o acquistare trappole colorate. Per Bemisia tabaci e Trialeurodes vaporariorum,  il colore dovrebbe essere giallo, a cui viene aggiunta una colla in modo che l’insetto rimanga attaccato al piatto e non possa scappare.

In questo video ti insegneranno un modo pratico e casalingo per creare la tua trappola cromatica, anche se hai anche la possibilità di acquistarli in negozi specializzati.

Prodotti correlati:

Altri parassiti correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.