Problemi

Nesidiocoris tenuis: il tuo alleato contro i parassiti

L’uso della fauna ausiliaria per combattere vari parassiti nelle colture è sempre più un’opzione interessante ed ecologica, senza impatto ambientale. Per questo motivo abbiamo voluto dedicare questa voce ad uno degli organismi più interessanti contro lo sviluppo di mosche bianche, ragni e tripidi nelle colture orticole, il  Nesidiocoris tenuis.

In questo articolo ti mostreremo com’è questa cimice della famiglia mirid, consigli sulla sua installazione e chiavi per la gestione integrata contro diversi parassiti.

Com’è Nesidiocoris tenuis?

Nesidiocoris tenuis è un insetto appartenente alla famiglia dei mirid. Oggi è uno dei componenti principali della lotta integrata contro i parassiti nelle colture della famiglia delle Solanacee, come peperoni, melanzane o pomodori.

Questo insetto utilizzato nel controllo biologico è un predatore generalista che può agire contro i seguenti parassiti:

Tuttavia, Nesidiocoris tenuis presenta uno svantaggio, ovvero che quando non trova fonti viventi su cui preda può nutrirsi del raccolto, provocando danni caratteristici. Pertanto, è essenziale introdurre questo bug quando c’è abbastanza infestazione.

Ciclo biologico

La femmina di Nesidiocoris tenuis depone le uova sui teneri germogli della pianta. Quando la popolazione dell’insetto aumenta, si possono osservare diversi stati nella parte centrale e inferiore della pianta, alla ricerca di prede di cui nutrirsi.

Dall’uovo si schiude il primo stadio ninfale, che nelle mute successive diventa adulto.

Il suo ciclo biologico attraversa cinque fasi ninfali. Le ninfe sono di colore verde e non hanno un anello per la testa o macchie nere. La durata del suo ciclo biologico è di 3 settimane (21 giorni) quando la temperatura è stabile a 25 °C. Il ciclo, quindi, si allunga nella campagna autunno-inverno.

Caratteristiche di identificazione

Condizione Dimensione Caratteristiche
Larva < 3,5-4 mm Molto simile all’adulto, ma senza ali. In questa specie i segmenti addominali sono ben identificati e la prima articolazione antennale presenta una fascia centrale nera.
Adulto 3,5-4 mm Colore verde chiaro con macchie nere. Si distingue per avere il bordo posteriore della testa nero.

Nell’improbabile eventualità che la popolazione del mirid aumenti al punto da arrecare danni alla coltura per l’assenza di prede, si può provvedere a regolarne le popolazioni. Bisogna tenere conto del periodo dell’anno, poiché da ottobre, con l’arrivo del freddo, le loro popolazioni diminuiscono e non aumentano di nuovo fino alla prossima primavera. Il materiale attivo da scegliere dipenderà dal grado di danneggiamento, anche se si consiglia di applicare un trattamento delicato a base di olio di paraffina (non può essere utilizzato se si è applicato zolfo giorni prima), lasciando sempre circa il 10-20% di non trattato piante in modo da non sradicare la popolazione e dare alla cimice la possibilità di riprendersi.

Installazione di Nesidiocoris tenuis

Per la corretta installazione dell’insetto nella coltura sono necessari un minimo di temperature e un sufficiente volume di prede. Nel caso in cui l’installazione avvenga all’inizio della coltura e non ci siano un minimo di parassiti su cui preda, può essere introdotta Ephestia kuehniella.

Nesidiocoris tenuis  viene acquistato e venduto confezionato in bottiglie di plastica. Viene rilasciato in coltura 30 giorni dopo il trapianto, alla dose di 10.000-20.000 individui/ha, correttamente suddiviso in due rilasci.

Nesidiocoris tenuis uso preventivo lieve curativo guarigione intensa
Dose 0,5/mq 1/mq 5/mq
m²/unità 1.000 500 100
Intervallo (giorni) 7-14 7-14 7-14
Frequenza 1-2 volte 1-2 volte 2x
Osservazioni Solo nelle zone infette

Uso di  Nesidiocoris nei vivai 

In molte zone della Spagna e dell’Olanda, il pomodoro è quello che ha più problemi di adattamento alla fauna ausiliaria, poiché  Amblyeius swirskii non si insedia correttamente. Per questo motivo è molto più complicato che in altre colture, come i peperoni,  quindi è più difficile controllare la mosca bianca.

Tutto ciò peggiora poiché la mosca bianca del pomodoro è in grado di trasmettere il virus del cucchiaio (TYLCV). A loro volta, ci sono problemi di controllo per Tuta Absoluta e Vasate ( Aculops lycopersici), soprattutto in agricoltura biologica.

Tutto ciò significa che non è del tutto ottimale attendere 15 giorni dopo il trapianto per introdurre il parassita e avviarlo 10 giorni dopo. Aziende come KOPPE R T hanno sperimentato l’introduzione del Nesidiocoris tenuis dal vivaio, con risultati positivi. 

Considerazioni importanti:

In vivaio il volume dei parassiti è molto basso, cosa che può causare un problema al Nesidiocoris tenuis, poiché in assenza di insetti può nutrirsi della pianta. ciò rende necessario introdurre «cibo» sotto forma di uova sterilizzate di Ephestia Sitotroga.

I trattamenti fitosanitari contro i parassiti applicati nei vivai devono essere assolutamente rispettosi del Nesidiocoris tenuis.

La fase esatta per liberare Nesidiocoris tenuis deve essere pianificata, in modo che le uova si schiudano proprio nel momento in cui le ninfe iniziano a nutrirsi. 

I rilasci di Nesidiocoris tenuis nei vivai vengono effettuati a dosi inferiori a quelle previste per una situazione normale. Parliamo di da 0,25 a 1 individuo per pianta, quando in una situazione normale si parla di 1 o 2 individui per m2 (10.000-20.000/ha).

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.