Piante

Pomodoro blu: la moda che ci porta vantaggi

Sì, hai sentito bene. In commercio possiamo trovare una tipologia di pomodoro blu il cui sapore è totalmente diverso dal tipico pomodoro rosso che mangiamo quasi tutti i giorni.

Si tratta di una modificazione genetica (cibo transgenico) concepita per moltiplicare le proprietà terapeutiche dei polifenoli e degli antiossidanti che il pomodoro possiede naturalmente.

Tutti questi elementi, come vedremo in seguito, hanno dimostrato di possedere una grande capacità di prolungare la longevità e di agire come preventivo contro malattie gravi come il cancro.

Il pomodoro blu è una realtà e oggi possiamo vedere alcune serre e superfici all’aperto coltivate in Spagna. Il suo prezzo è pagato molto più costoso ma ha anche una maggiore domanda.

Moda o realtà? Vi raccontiamo le principali caratteristiche del pomodoro blu.

Caratteristiche del pomodoro blu

Questo pomodoro offre caratteristiche leggermente diverse rispetto ad altre varietà commerciali. Queste differenze sono, ovviamente, nel colore, ma anche nel sapore, nella succosità, nella consistenza e nella conservazione.

Sebbene la pelle, dove si concentra la maggior quantità di antiossidanti, abbia un colore molto scuro (blu indaco), l’interno è ancora rosso, anche se di colore leggermente più scuro.

Come con molti polifenoli e sostanze antiossidanti, maggiore è l’accesso alla luce solare diretta del pomodoro blu, più sfumature scure otterranno i suoi frutti.

Questo pomodoro è stato molto richiesto nel settore terapeutico, all’origine della trasformazione genetica del pomodoro blu, sebbene sia stato utilizzato per il suo bel colore anche da importanti chef e ristoranti di livello mondiale.

La gamma di possibilità offerte da questa coltura è molto ampia.

Origine del pomodoro blu

Il pomodoro blu è stato sviluppato nel Regno Unito, attraverso la manipolazione genetica tra diverse varietà, cercando un miglioramento delle proprietà terapeutiche del pomodoro.

In particolare, dagli scienziati del John Innes Center, un centro internazionale di ricerca agricola con sede a Norwich, nel Regno Unito.

L’obiettivo iniziale era quello di dare la possibilità di rafforzare la quantità di elementi benefici per gli organismi in un frutto o ortaggio che viene consumato in quantità elevate (il più consumato al mondo).

L’interesse era di testarlo in pazienti sensibili per studiare la risposta all’invecchiamento cellulare e la prevenzione delle malattie, grazie alla sua maggiore concentrazione di sostanze antiossidanti, polifenoli, vitamine e carotenoidi.

L’origine del pomodoro blu o pomodoro nero deriva da un incrocio genetico tra un fiore ( Antirrhinum majus, noto come bocca di leone) ad alto contenuto di antociani (causa del colore) e un pomodoro con caratteristiche particolari.

Oggi il pomodoro blu viene coltivato per scopi commerciali in diverse zone di produzione come Spagna e Stati Uniti.

un sapore caratteristico

Nonostante il colore caratteristico, si è cercato anche un miglioramento genetico per offrire un sapore molto penetrante e un aroma eccezionale.

Se dovessimo descrivere queste caratteristiche, diremmo che il sapore è simile a quello di un pomodoro verde (prima della maturazione ottimale), leggermente acido, con l’ aroma di una prugna nera.

Detto aroma di prugna condivide i flavonoidi con il blu o il nero di questo pomodoro blu, quindi spesso ci ricorda l’aroma di diversi frutti di questo colore, come i mirtilli o le melanzane.

Per quanto riguarda la consistenza, offre molta succosità ed è ideale da mangiare fresco in insalata, leggermente condito con olio e poco altro. Qualcosa di simile a quello del pomodoro raf.

Gli antociani sono considerati pigmenti solubili rossi, viola o blu e si trovano normalmente nei frutti e nelle foglie . Offrono effetti terapeutici molto positivi per l’essere umano, come la riduzione delle malattie di tipo coronarico, effetti antitumorali contrastati, miglioramento della capacità visiva e del comportamento cognitivo. Questi antiociani si trovano in frutti come frutti di bosco (mirtilli, lamponi, fragole e more), prugne, melograni, ciliegie e, naturalmente, nei pomodori blu.

Proprietà del pomodoro blu e degli antociani

Andremo a conoscere alcune interessanti proprietà del pomodoro blu conferite dall’elevata concentrazione di antociani.

Riduzione dell’obesità

Riduce la concentrazione di glucosio nel sangue grazie all’azione di composti che inibiscono gli enzimi digestivi.

Attivazione del sistema immunitario

I succhi ricchi di antociani aumentano il numero di linfociti e la secrezione di citochinine.

Riduzione dei radicali liberi

L’ossidazione o la riduzione delle sostanze che ingeriamo attraverso il cibo (come quelle che sono state bruciate) porta con sé i radicali liberi che sono associati alla creazione di sostanze potenzialmente dannose per l’organismo umano.

Gli antociani hanno la capacità di complessare questi radicali liberi e neutralizzare le cariche di questi elementi, minimizzando il loro danno o scomparendo completamente.

semi di pomodoro blu

Nonostante sia una varietà complessa da ottenere e molto controllata, è possibile ottenere semi di pomodoro blu?

Molte di queste varietà sono ibridi. Cioè, possono essere piantati solo una volta poiché non hanno semi da riprodurre.

Tuttavia, possiamo acquistare questo tipo di semi di pomodoro blu in negozi online specializzati, anche se non sono affatto economici.

Acquista pomodoro di tipo blu

Acquistare la frutta fresca è complicato perché i canali di vendita di questo pomodoro non sono ancora molto attivi. Insomma, secondo i risultati ottenuti, ci sarà una maggiore produzione, poiché il numero degli ettari coltivati ​​aumenterà lentamente, e non bisogna andare molto lontano (nello specifico, ad Almería).

Per saperne di più: acquista semi di pomodoro blu.

Questo pomodoro blu è transgenico?

Indubbiamente l’incrocio tra le proprietà del fiore selezionato e un pomodoro specifico ha avuto bisogno di un aiuto in laboratorio. Pertanto, sì, il pomodoro blu ha una modificazione genetica ed è considerato transgenico.

Tuttavia, non c’è bisogno di lanciare allarmi affatto poiché oggi ci sono molti prodotti transgenici che hanno dimostrato la loro efficacia sul campo e hanno contribuito a sfamare le popolazioni dei paesi del terzo mondo.

L’ origine di questo pomodoro blu nasce dall’interesse ad aumentare la concentrazione di sostanze positive per l’essere umano. Pertanto, con uno scopo terapeutico.

In nessun caso si è cercato che il pomodoro abbia un colore specifico o appariscente, ma piuttosto che il blu faccia parte, naturalmente, di un maggior accumulo di antociani, come avviene nella buccia della melanzana o del mirtillo.

Possiamo trovare anche altre varianti del pomodoro blu, come quella sviluppata dall’Università dell’Oregon. È conosciuta come “Indigo Rose” (indaco, per il suo colore blu) e accumula anche una buona concentrazione di antociani.

L’avvertenza è che, in questo caso, questi antociani sono concentrati solo nella buccia del pomodoro, non anche nella polpa del frutto, come nel caso di quello sviluppato da John Innes a Norwich,  nel Regno Unito.

Tutti questi test e ricerche sono stati pubblicati anche sulla rivista mondiale Nature Biotechnology. Aggiunto alla ricerca e alle sperimentazioni cliniche sui topi, è stato dimostrato che l’assunzione maggiore di questi antiossidanti, come quelli presenti nei pomodori blu, induce una maggiore longevità.

Prezzo del pomodoro blu

Il costo dei semi e l’ottenimento della varietà genetica è piuttosto costoso. 100 semi costano circa 52€, anche se possiamo acquistare pacchetti più piccoli per 1€/seme.

Per quanto riguarda la gestione agronomica, segue esattamente le stesse condizioni del pomodoro normale.

Per quanto riguarda il prezzo del frutto, è molto simile a quello che si paga oggi per varietà Premium come il pomodoro Raf (più di 6 euro/kg).

Articoli relativi alla coltivazione del pomodoro

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.