Suggerimenti

Quando innaffiare le piante: Il momento migliore per innaffiare il vostro giardino interno o esterno

Ti piace coltivare un orto? Che ne dite di coltivare dei bellissimi fiori intorno al vostro giardino?

Piantare può richiedere molto tempo all’inizio, ma è anche gratificante. Il trucco è assicurarsi di prendersi cura delle proprie piante.

Uno degli aspetti più importanti della cura delle piante è sapere come e quando innaffiare le piante. Le piante hanno bisogno di acqua tanto quanto noi.

Volevo condividere con voi alcuni consigli su quando innaffiare le vostre piante. Che tu sia un fiorista, un giardiniere del mercato o qualcuno che possiede alcune piante da appartamento, devi trovare il coraggio di imparare quando è il momento migliore per dare alle tue piante un ingrediente vitale per la loro sopravvivenza.

Ecco cosa dovete sapere:

>


Quando alle piante acquatiche all’aperto

Ci siamo tutti chiesti quale sia il momento migliore per innaffiare il giardino. Ci alziamo presto la mattina e beviamo l’acqua mentre beviamo il caffè?

O aspettiamo fino al pomeriggio per dare alle nostre piante tutta la notte per bere dall’acqua? Con questi pochi consigli, l’irrigazione non deve essere complicata:


Irrigazione al mattino

1. Il vantaggio

>

Se ti dicessi che c’è un momento migliore per innaffiare il tuo giardino durante il giorno, direi che è al mattino. Non sto dicendo che è l’unico momento in cui puoi farlo perché sappiamo tutti che gli orari non sempre ti permettono di scegliere il momento migliore.

Tuttavia, sto dicendo che se puoi innaffiare il tuo giardino al mattino, probabilmente dovresti farlo. Il motivo è che la mattina è fresca. Questo è molto buono per le vostre piante, perché l’acqua non evapora così rapidamente.

Ricordate che prima potrete annaffiare la mattina, meglio staranno le vostre piante. La temperatura è di solito più fresca al mattino presto, e questo dà alle piante più tempo per immergersi nell’acqua prima che il calore le raggiunga.

2. non credere alla pubblicità

La mattina innaffio le mie piante. Questo è il momento più conveniente della giornata per me, perché mi sveglio prima a casa. Posso farlo mentre il caffè è fatto e la mia famiglia dorme.

Ma non l’ho fatto per molti anni. Sentivo che se annaffiavo al mattino e non lo facevo al momento giusto, le mie piante si sarebbero bruciate. Il sole li distruggerebbe.

Non volendo perdere il mio giardino, ho smesso di innaffiare fino a sera.

La verità è che bisogna vivere in un luogo dove il sole è diretto e caldo abbastanza da bruciare le piante.

Inoltre, anche se si vive in queste condizioni, l’acqua evaporerà prima che il sole possa usarla per bruciare le piante.

In breve, la maggior parte di noi non deve preoccuparsi di bruciare le piante.

3. La cattura

Anche se ti ho detto di annaffiare le piante al mattino, c’è un problema. È necessario innaffiare le piante la mattina presto in modo che possano assorbire l’acqua.

Se si aspetta che il sole sorga completamente e atterri su di loro, l’acqua evaporerà prima che le radici abbiano la possibilità di berla.

Quando questo accade, le vostre piante appassiscono perché non hanno acqua. Se andate in acqua la mattina, assicuratevi di alzarvi presto, altrimenti il vostro giardino ne soffrirà.


Irrigazione notturna

1. Il sole è essenziale

>

Alcune persone non sono in grado di innaffiare le loro piante al mattino. Se devi lavorare presto, portare i bambini a scuola presto, o se non sei una persona mattutina, l’irrigazione la sera può essere la migliore o l’unica opzione per te.

Le vostre piante non soffriranno finché le annaffiate correttamente. È importante innaffiare le piante dopo che la maggior parte del calore del giorno ha lasciato la vostra zona.

Se annaffiate mentre il sole sta ancora bruciando sul vostro giardino, l’acqua evaporerà prima che le vostre piante possano berla.

Tuttavia, è necessario annaffiare abbastanza presto dove le piante hanno il tempo di asciugarsi. Quando si annaffia, il fogliame delle piante sarà bagnato. Questo è un problema se si fa buio e le vostre piante hanno le foglie bagnate.

È l’ambiente ideale per la formazione di un fungo sulle vostre piante. La chiave per l’innaffiatura notturna è di innaffiare abbastanza tardi in modo che l’acqua non evapori, ma abbastanza presto in modo che le piante abbiano il tempo di asciugarsi per evitare malattie.

2. Acqua con cura

Come ho detto, se innaffiate le vostre piante fino al fogliame, dovete dare loro il tempo di asciugarsi, altrimenti rischiate di mettere in pericolo il vostro giardino.

Tuttavia, è possibile cambiare il modo di irrigare il giardino per evitare completamente questo problema. Se si decide di utilizzare tubi flessibili per l’ammollo o un sistema di irrigazione, il fogliame non deve bagnarsi.

Questo vi darà una migliore possibilità di innaffiare il vostro giardino di notte senza il rischio di danneggiarlo.

Ma vi dirò che se state coltivando un grande giardino (come me), mi rendo conto che l’irrigazione con un sistema di irrigazione o con tubi inzuppati non è così conveniente come l’utilizzo di pochi irrigatori.

Fate quello che potete nel rispetto del vostro budget, ma tenete a mente come innaffiare a fondo e al momento giusto.


Consigli per una migliore irrigazione

1. poco frequente è meglio

Non importa quando decidete di innaffiare il vostro giardino, ricordate che è meglio innaffiare il giardino di rado.

Quando innaffiate il vostro giardino due volte alla settimana, dovete innaffiarlo a fondo. Assicuratevi che ogni area riceva uno o due pollici di acqua per ogni sessione di irrigazione.

È meglio che avere diverse sessioni di irrigazione a bassa profondità. Assicura che le piante ottengano ciò di cui hanno bisogno.

2. solo pochi cm

Come ho detto prima, le piante hanno bisogno solo di uno o due centimetri d’acqua alla settimana, a meno che non si trovino nel bel mezzo di un’ondata di caldo o di siccità.

È una buona idea mettere un pluviometro nel vostro giardino per vedere quanta acqua riceve il vostro giardino in una settimana.

Se piove tutta la settimana, potrebbe non essere necessario annaffiare. Un pluviometro vi aiuterà a controllarlo facilmente.

3. La pacciamatura è amica della vostra pianta

Non dimenticate di pacciamare le piante. Non solo aiuta a controllare le erbacce, ma aiuta anche le piante a trattenere l’umidità e a mantenere fresco il terreno intorno a loro.

Ci sono molte possibilità di pacciamatura, molte delle quali si possono trovare nel vostro giardino. Applicando il pacciame, aiutate enormemente le vostre piante.


Quando annaffiare le piante

Quando ero più giovane non riuscivo a tenere in vita le piante, soprattutto non le piante d’appartamento. Non mi sono reso conto fino a più tardi di ciò che avevo fatto di sbagliato.

Se avete problemi a mantenere in salute le vostre piante d’appartamento, ecco alcuni consigli:

1. annaffiare il terreno

>

Uno dei modi più semplici per innaffiare la pianta di casa è quello di versare l’acqua sul terreno alla base della pianta. Non si vuole bagnare il fogliame facendo questo.

Applicando l’acqua direttamente alle radici delle piante, ci si assicura che vengano applicate le quantità d’acqua necessarie.

2. Acqua dal basso

Alcuni dicono che questo metodo di irrigazione è complicato perché c’è il rischio di innaffiare troppo. Tuttavia, è il mio metodo preferito per innaffiare perché permette alla pianta di assorbire l’acqua durante il suo percorso.

Quando si innaffia dal basso, bisogna mettere la pentola (che deve avere dei fori di drenaggio sul fondo) in un piattino d’acqua.

Se non avete comprato una pentola con il piattino, userò una tortiera e ci metterò dentro la mia pentola.

Tuttavia, mettere una piccola quantità di acqua nella tortiera. Se non innaffiate troppo, le vostre piante andranno bene.

Quando si lascia la pianta in troppa acqua per un lungo periodo di tempo, le radici possono marcire.

Cospargere superficialmente con questo metodo, e dovrebbe andare bene.

3. Considerare il tipo di acqua

Le piante da appartamento sono diverse dalle piante da giardino. Si preoccupano del tipo di acqua che ricevono. Se vivete in città, molto probabilmente otterrete l’acqua dalla vostra città.

Quando prendi l’acqua dalla tua città, probabilmente è clorurata. Se si applica acqua clorurata ad alcune piante, queste non reagiscono bene. Un giglio della pace è un esempio di pianta che non reagisce bene all’acqua contenente sostanze chimiche.

È meglio innaffiare le piante d’appartamento con acqua distillata. Se non potete usare acqua distillata, provate a lasciare l’acqua del rubinetto sul bancone durante la notte.

Questo darà al cloro la possibilità di evaporare.

Tuttavia, se siete qualcuno (come me) che ha il suo pozzo, potete usare l’acqua che esce dal vostro rubinetto.

4. Scegliere i contenitori giusti

Ho accennato all’idea di utilizzare un vaso con fori di drenaggio. Se possibile, piantate qualsiasi pianta d’appartamento in un vaso con fori di drenaggio.

È essenziale che la pianta possa prendere ciò di cui ha bisogno e lasciar scorrere il resto dell’acqua.

Se l’acqua non può uscire, la pianta è bagnata d’acqua e muore. Non correre rischi.

5. Controlla il tuo piano

Infine, questo consiglio su quando innaffiare le piante d’appartamento mi ha permesso di iniziare a coltivare piante belle all’interno.

Ho smesso di preoccuparmi di non dare abbastanza acqua alle mie piante e ho iniziato a controllare il terreno. Quando ho camminato tra le mie piante, ho messo il dito nel vaso.

Se il terreno era ancora bagnato, sapevo di non aver bisogno di annaffiarlo. Quando il terreno si è asciugato, sapevo di dover aggiungere acqua.

La maggior parte delle piante d’appartamento muoiono perché ricevono troppa acqua. Se si giudica dal terreno, non si dovrebbe avere questo problema.

Ora sapete quando innaffiare le vostre piante all’interno e all’esterno. Speriamo che abbiate trovato alcuni consigli che vi aiuteranno a sentirvi sicuri nel prendervi cura delle vostre piante durante questa stagione di crescita!

>

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.