Suggerimenti

Grano Saraceno o Grano Saraceno: valori nutrizionali e benefici del consumo di questo pseudocereale senza glutine

Cos’è il grano saraceno o il grano saraceno ( Fagopyrum esculentum )?Il grano saraceno , detto anche grano saraceno o grano nero uno pseudocereale (come la quinoa e l’ amaranto ) dai molteplici benefici per la salute e ideale per le persone celiache e sensibili al glutine.

Originario dell’Asia centrale e delle pianure della Siberia, il grano saraceno si è diffuso in Europa e poi in America grazie alla sua coltivazione semplice, al ciclo breve e alla grande capacità di prosperare adattandosi a terreni acidi e poco fertili.

Pur avendo caratteristiche simili ai cereali, non appartiene alla famiglia delle graminacee ma alle poligonacee, cioè il grano saraceno non è un cereale, quindi è conosciuto come pseudocereale. Il chicco del Fagopyrum esculentum ha una curiosa forma triangolare o piramidale ed è di colore marrone scuro o crema.

Come curiosità ricordano che la coltivazione del grano saraceno favorisce l’attività apistica e la produzione del miele, che ha anche un colore più scuro. I suoi fiori sono utilizzati sia a livello farmaceutico che nella medicina popolare, isolando la rutina -un alcaloide- per curare la fragilità e la permeabilità dei capillari sanguigni.

Anche all’interno della medicina popolare, i semi maturi schiacciati, applicati sotto forma di cataplasma, sono stati usati per curare l’eczema , e i gusci di grano saraceno sono usati in Giappone per riempire i cuscini che aiutano ad alleviare la tensione nelle spalle e nel collo .

Il grano saraceno può essere trovato intero o come farina. Il chicco si cuoce come il riso: 1 misura di grano saraceno per 2 d’acqua. Una volta raggiunta l’ebollizione, farla bollire per circa 15 minuti.

La farina di grano saraceno , per la mancanza di glutine, viene utilizzata sia per sostituire la farina di frumento per prodotti da forno come pane, frittelle e torte, ma anche utilizzata in preparati per la colazione o barrette energetiche.

I teneri germogli e le foglie verdi di Fagopyrum esculentum vengono consumati anche in medicina per stimolare la circolazione, sia cotti che nella preparazione di infusi.

Valore nutrizionale del grano saraceno

È un alimento nutriente, energetico e utile per un’ampia gamma di preparazioni per il consumo umano.

Carboidrati (70 g per 100 g): mannosio, galattosio, xilosio e acido glucuronico.

Proteine (10 g per 100 g): si distingue per l’alto valore biologico e la grande disponibilità, potendo essere assimilato fino al 70%. Ha un alto contenuto di lisina, un amminoacido carente nella maggior parte dei cereali, e manca di prolamine che formano glutine, il che lo rende una buona alternativa per i celiaci e gli allergici al grano tenero.

Lipidi : con Acidi Grassi Polinsaturi tra cui spicca l’omega-6, importanti per la crescita e il normale sviluppo del cervello e dell’acuità visiva.

Evidenzia inoltre il suo contenuto di fibre (4 g/100 g), benefiche per migliorare il transito intestinale, oltre ad avere flavonoidi e flavoni, acidi fenolici, tannini condensati e fitosteroli, di grande importanza nell’attività antiossidante.

Vitamine : spicca la vitamina E, antiossidante che protegge le cellule dell’organismo dai radicali liberi e aiuta a mantenere il sistema immunitario; così come le vitamine B1, B2, B3 e B6, che aiutano a ottenere energia attraverso il cibo e partecipano a diversi processi e funzioni svolte nel nostro corpo.

Minerali : con potassio, magnesio, calcio, fosforo, fluoro e ferro.

Benefici del consumo di grano saraceno

Numerose analisi hanno dimostrato che il grano saraceno o la farina di grano saraceno ha effetti eccezionalmente benefici nel mantenimento della salute umana e nella prevenzione delle malattie.

Tra i principali vantaggi ci sono:

  • Mitiga l’effetto delle malattie cardiovascolari , così come la permeabilità e la fragilità vascolare, grazie all’apporto di minerali.
  • Combattere l’ ipertensione e il colesterolo , grazie all’apporto della routine dei flavonoidi, un antiossidante dai molteplici benefici per la salute, prevenendo anche la formazione di coaguli e prevenendo l’ipertensione.
  • Antiossidante naturale, grazie all’azione di vitamine e flavonoidi.
  • L’efficacia del flavonoide rutina nel grano saraceno è rafforzata dalla vitamina C. È stato dimostrato che il consumo regolare di 30 g di grano saraceno abbassa la pressione sanguigna indipendentemente da altri fattori come l’età e il peso e aiuta a prevenire le malattie associate.
  • Prevenzione dell’obesità e del diabete, perché i carboidrati (20% dei cereali cotti), i grassi e le fibre possono avere un effetto regolatore sui livelli di zucchero nel sangue dopo aver mangiato.
  • La ricerca clinica ha dimostrato che il grano saraceno potrebbe ridurre il contenuto di grassi e zuccheri, nonché il colesterolo nel sangue.
  • Attività antitumorale, particolarmente associata al contenuto di fibre che raggiunge il colon senza essere digerito e, quando fermentato, genera acidi grassi a catena corta che nutrono la parete dell’intestino, riducendo il rischio di cancro al colon.
  • D’altra parte, l’apporto di vitamine del complesso B del grano saraceno ha abbondanti benefici nel trattamento di ansia, stress e depressione , stimolando il sistema nervoso centrale, migliorando la concentrazione e la memoria .

.

Controindicazioni del grano saraceno

Le persone allergiche al lattice e al riso o ad altri cereali possono manifestare reattività crociata durante l’assunzione di grano saraceno.

Allo stesso modo, ea seconda del grado di celiachia, l’origine deve essere controllata molto bene e l’etichetta verificata che non ci siano contaminazioni incrociate e che il grano saraceno non abbia tracce di glutine.

fonti

  • “Grano saraceno: un’opzione diversa” (File 44), Nutrizione ed Educazione Alimentare, Ministero dell’Agroindustria dell’Argentina, 2015
  • “Grano saraceno”, Josep Vicent Arnau. Naturopata e agopuntore.
  • “Fagopyrum esculentum. Moench, coltivazione e proprietà. Esperienza del progetto INIA RTA2009-00099 ”, Dr. Eva Ma. García Méndez. Centro di ricerca e formazione agricola, governo della Cantabria. 2017.
  • FAO, Grano saraceno comune ( Fagopyrum esculentum )
  • “Advances in Buckwheat Research”, atti del 9° Simposio Internazionale sul grano saraceno, Praga 2004.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *