Suggerimenti

Centrotavola originali e resistenti

Cosa faremmo noi esseri umani se non potessimo goderci le piante a casa? Riempiono di colore le nostre stanze, migliorano la qualità dell’aria e, non ultimo, hanno dimostrato di avere un’azione diretta sul nostro stato emotivo.

I centrotavola sono diventati un’opzione super interessante per decorare grandi tavoli da pranzo o mobili che altrimenti sarebbero un po’ spogli.

Tuttavia, il concetto di bouquet e centrotavola è sempre stato quello di associarli a piante molto deperibili che, pochi giorni dopo essere state acquistate, iniziano a seccarsi e a perdere la loro originaria freschezza.

Di fronte a ciò, vi presentiamo diverse idee di composizioni floreali a lunga durata, con piante naturali conservate attraverso processi tecnologici di liofilizzazione il cui aspetto è assolutamente naturale e non si discosta da nessun bouquet di fiori che possiamo acquisire.

Ami i fiori ma fai fatica a mantenerli?

Sono poche le cose che ci infastidiscono più del non riuscire a mantenere una pianta in perfette condizioni e vedere come, a poco a poco, appassisce e non sappiamo come aggiustarla.

Nel caso dei fiori, il poco tempo in cui rimangono freschi può far decidere a molte persone di non acquistarli per lo stesso motivo, anche se vorrebbero avere diversi centrotavola e migliorare la decorazione della propria casa.

In ogni caso, la soluzione è la conservazione delle piante con il metodo della liofilizzazione. I fiori e le foglie mantengono il loro aspetto naturale e originale (quasi impercettibili alla vista) e possiamo conservarli per diversi anni senza alcuna manutenzione.

I fiori stabilizzati sono la migliore alternativa alle piante artificiali di plastica, la cui innaturalità può essere vista da lontano.

Niente paura, di seguito spieghiamo in cosa consiste il metodo di conservazione di queste piante e perché è una tecnica che preserva al 100% il colore e la consistenza naturali di una pianta o di un fiore.

centrotavola originali

I centri conservati sono un elemento chiave nella  decorazione degli spazi  interni  con le piante. Questi elementi offrono risultati spettacolari con il vantaggio che non appassiscono e non muoiono nel tempo. Un centrotavola ben conservato può durare per anni.

Centri classici o autunnali

Una delle opzioni più classiche sono i centrotavola dai colori tenui composti da diverse tonalità di bianco, rosa e giallo. Questo centrotavola gioca con diverse trame di fiori stabilizzati in cui la pianta da spolverino crea una base più bassa e al centro sono poste infiorescenze più grandi, come i girasoli.

eucalipto conservato

Quando si cerca un’opzione autunnale con colori più freddi e verdi ricchi e profondi grigiastri, il numero 1 nei centrotavola conservati sono le foglie di Eucalyptus Cinerea.

Questa pianta dalle foglie dure e coriacee permette di creare diverse configurazioni. Nella foto sotto è praticamente il personaggio principale, ma se vogliamo dargli un colore più primaverile, nella parte centrale entrerebbero in gioco fiori come rose e garofani, lasciando la base per Eucalyptus Cinerea.

centrotavola moderni

Quando cerchiamo centrotavola conservati più colorati, le possibilità si moltiplicano con un gran numero di specie. Possono entrare in gioco varietà aromatiche e, anche come si vede in foto, frutti conservati come il carciofo che creano un perfetto effetto mediterraneo per ogni casa primaverile ed estiva.

Rose ed eucalipto: un binomio vincente

Uno dei centrotavola conservati più venduti è quando si realizzano abbinamenti compositi che includono piante da erba (diversi tipi di cereali), foglie coriacee come eucalipto, magnolia o pistacchio, piccoli fiori come il limonium e quelli più grandi, come quelli classici. rose rosa o rosse.

Centrotavola aromatici e rustici

Se ci piace una casa di campagna o un ambiente più rustico, il centrotavola conservato con piante aromatiche è un’opzione in più che si sposa perfettamente con un arredamento e un aspetto più rustico e classico.

In questo tipo di configurazione floreale, si distingue per l’utilizzo di specie più spinose con molto germoglio, fornendo colori verde scuro e grigiastro, che si combinano molto bene con piccole infiorescenze e colori rosa.

Inoltre, è comune riporli in un contenitore di legno o di vimini o di fibre vegetali di sparto per conferirgli un aspetto più naturale e rustico.

Come sono le piante liofilizzate?

La tecnica della liofilizzazione di una pianta consiste nell’estrarre tutta la linfa attraverso un processo tecnologico e sostituirla immediatamente con una soluzione di glicerina o altri componenti che preservano a lungo la struttura della pianta.

In questo modo, la pianta non marcirà e manterrà a lungo il colore e la consistenza originali.

Con l’occhio umano, praticamente non si osservano differenze e solo con il tatto possiamo vedere le differenze, poiché la lama è leggermente più temprata.

Questa tecnica di conservazione delle piante ci permette di ridurre al minimo possibile la manutenzione. Non dovremo più annaffiare o posizionare la nostra pianta in un luogo illuminato, perché in essa non c’è davvero vita.

Vantaggi delle piante liofilizzate

L’ideale di questo tipo di piante stabilizzate è che possiamo scegliere tra un’ampia gamma di opzioni di diversi fiori, foglie e costruzioni di piante.

Oltre alla sua conservazione bassa o nulla, esistono negozi specializzati dove possiamo personalizzare assolutamente tutta la composizione che vogliamo o farci consigliare da esperti.

Scelta delle piante per il nostro centro di conserve

Alcune delle opzioni che possiamo scegliere per la realizzazione del nostro centro floreale conservato sono le seguenti:

  • Foglie delle piante: genere Pistacia, foglie di eucalipto ( Eucalyptus cinerea), magnolia.
  • Fiori o piccole infiorescenze: Limonium, Craspedia globosa.
  • Fiori grandi: rose, Lilium brindisi, Ranunculus, Dianthus, Protea Neriifolia.

Conclusioni finali sui fiori conservati

Se ami i fiori ma non hai né il budget né il tempo per smaltirli nel loro stato naturale e fresco, i fiori stabilizzati sono la scelta migliore rispetto ad altre alternative come le piante artificiali di plastica (da qui esprimiamo pubblicamente il loro rifiuto).

Fisicamente sono quasi identici ai fiori appena tagliati ed è un metodo sostenibile ed efficace per poter conservare un bouquet per anni fino a quando non ci stanchiamo e proviamo nuovi bouquet con diverse sfumature, tipi di foglie e diverse consistenze.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.