Suggerimenti

Come potare il gelsomino

Qualsiasi pianta ad uso produttivo o ornamentale necessita di cure che prevedano l’irrigazione continua, l’apporto di fertilizzanti e, naturalmente, il controllo della sua crescita con la potatura.

Per quanto riguarda le piante ornamentali, la potatura del gelsomino, pianta molto conosciuta e piantata un po’ ovunque nel mondo, è uno dei compiti da svolgere almeno una volta all’anno, preparando la pianta alla futura stagione e fioritura.

La pianta del gelsomino appartiene ad una categoria di specie rampicanti a rapida crescita  con fiori vistosi e molto profumati. La potatura del gelsomino aiuta a controllarne la crescita, favorire l’emergere di steli più vigorosi e migliorare la fioritura.

Non avrai bisogno di una guida completa e di molta teoria per impararlo, poiché è qualcosa di simile a ciò che si fa solitamente nella potatura di rose o gerani.

La potatura del gelsomino si applica a tutte le specie che compongono la famiglia. Il più comune,  Jasminum officinale  e altre varianti più esotiche come  Jasminum Grandiflorum,   Jasminum Sambac  o  Jazminum nudiflorum.

Allo stesso modo, non avrai bisogno di troppi strumenti per potare il gelsomino, poiché saranno sufficienti forbici da potatura di buona qualità.

Né avrai bisogno, nella maggior parte dei casi, di una scala o di un’impalcatura per lavorare, poiché i tagli sono solitamente nella parte inferiore. Naturalmente, l’uso dei guanti è comodo e altamente raccomandato.

Come potare un gelsomino

La potatura di un gelsomino è un requisito necessario per evitare l’incrocio dei fusti e la formazione di rami legnosi intricati e invecchiati che possono nuocere allo sviluppo della pianta.

È molto comune vedere  polloni,  steli secchi, germogli dal basso, ceppi, ecc. Tutto ciò, con molta abilità e senza bisogno di molta forza, si spegnerà e lo elimineremo dalla pianta.

Se il gelsomino è ancora giovane, la potatura può essere fatta in profondità, lasciando steli alti 1 metro.

Se il  gelsomino è adulto  rispetteremo gli steli principali, poiché fanno parte della struttura della pianta. Naturalmente taglieremo i rami secondari, che nasceranno dai nuovi germogli che usciranno da quelli primari.

Prima di tutto, rimuovi i gambi colpiti, malati o danneggiati. Con questo ringiovaniamo la pianta e guadagniamo in salute.

Una volta fatto il primo passaggio, ci concentreremo sugli steli incrociati o aggrovigliati, poiché la maggior parte delle volte sono steli vegetativi e non producono fiori. Molte volte ci ritroveremo con un groviglio di steli senza sapere da dove cominciare. Vai in fondo e taglia quello principale.

Concentrarsi sul mantenimento dello stelo principale, rifilando quelli secondari o quelli che non fanno parte dei «rami di sostegno». Questo controllerà lo sviluppo futuro degli steli per impedire che crescano nella direzione sbagliata.

Effettuare potature di ringiovanimento, con tagli importanti a 50 cm dalla base del gambo per gelsomino invecchiato o da rivitalizzare.

Non aver paura di esagerare con la potatura del gelsomino, poiché il suo portamento di crescita è piuttosto vigoroso.

Quando si pota il gelsomino?

Quando potare il gelsomino estivo

Il gelsomino  estivo può richiedere diverse potature all’anno, anche se di solito 1 è sufficiente. Il periodo ideale per potare è l’ autunno, se abitiamo in zone fredde dove le gelate spesso arrivano prima, oppure all’inizio dell’inverno nei climi più caldi, prima delle gelate.

In ogni caso, se non siamo arrivati ​​in tempo per farlo in questo periodo, dovremo aspettare la fine dell’inverno per potare il gelsomino, lontano dalle basse temperature che possono danneggiare i nuovi germogli.

Quando potare il gelsomino invernale

Per il gelsomino invernale,  quando la potatura è terminata, è dopo che la fioritura è scomparsa, il che ci consentirà di sviluppare una forte crescita e una maggiore fioritura per la prossima stagione in futuro.

Dopo la potatura e in primavera, non dimenticare di sostenere la crescita e la formazione di nuove radici con l’apporto di fertilizzanti ricchi di fosforo e azoto e composti ricchi di sostanza organica per attivare la pianta.

Come potare il gelsomino in vaso

Non ci sono differenze in quanto potare un gelsomino in vaso o un altro cresciuto nel terreno. Piuttosto, le differenze sono nell’abitudine di crescita e nella capacità di arrampicata.

È molto facile in questo tipo di coltivazione che ci siano rami che si intersecano e c’è molta confusione su quale parte rimuovere. In sostanza, concentra i tuoi sforzi sulla pulizia della parte inferiore, che di solito accumula rami secchi, e sulla promozione della parte aerea, dove ha più boccioli.

Articoli correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.