Suggerimenti

Come potare il mandorlo

Il mantenimento e la lavorazione di una coltura è uno dei fattori più importanti per ottenere un adeguato stato sanitario ed una notevole produzione. In questo caso, la potatura del mandorlo è uno di quei compiti che devono essere assolti nell’agricoltura moderna se si vogliono ottenere rese decenti nella nostra coltivazione.

Che si tratti di controllare lo sviluppo, facilitare la raccolta, migliorare l’aerazione (e quindi ridurre il rischio di malattie) ed evitare rami intrecciati, la potatura del mandorlo è semplice se conosciamo alcuni passaggi precedenti.

E per questo vogliamo aiutarti scrivendo questo articolo per imparare a potare un mandorlo.

Quando dovresti potare un mandorlo?

Il mandorlo è un albero a foglie caduche (perde le foglie in inverno). La sua attività vegetativa riprende con l’aumento delle temperature (da 10 ºC). Nei momenti in cui la linfa rallenta, una volta che le foglie iniziano a cadere, è il momento ideale per effettuare la potatura del mandorlo.

Per quanto riguarda le date, dipenderà dalla zona in cui ci troviamo (soprattutto le temperature), ma stiamo parlando dell’inizio dell’autunno.

Possiamo prolungare questo periodo fino alla fine dell’inverno purché ci troviamo in una zona senza pericolo di gelate. Non dimentichiamo che la potatura provoca danni alla coltura e può essere all’origine dell’ingresso di malattie (funghi e batteri).

Infatti, a seconda del tempo in cui si procede alla potatura del mandorlo, sarà opportuno effettuare dei trattamenti curativi al rame.

La potatura è un’operazione che consiste nel fare una specifica selezione di rami e steli da tagliare.

Una volta fatto e in condizioni di attività vegetativa (produzione invernale), l’albero fa uno sforzo per recuperare e generare nuovi fusti, con un grande dispendio energetico.

Da qui la raccomandazione di trattamenti post- raccolta per restituire alla coltura gli elementi persi durante la raccolta, in particolare potassio e fosforo.

Per svolgere questo compito, dovremo conoscere le varietà specifiche di mandorli e la loro dimensione originale, poiché non è sempre la stessa a seconda della classe, del materiale vegetale selezionato e, soprattutto, del design della piantagione (numero di alberi per ettaro, coltivazione convenzionale, intensiva o superintensiva)

Ti diamo un esempio di ciò di cui stiamo parlando. A seconda della varietà piantata, tende ad avere un portamento leggermente diverso.

  • Grandi mandorli (rami ad angoli aperti):  Lauranne, Guara, Marcona, Largueta, Bellona, ​​Blancquerna, Genco, Supernova, Tuono, ecc.
  • Mandorli con sviluppo del ramo inferiore:  Antoñeta
  • Mandorli di taglia medio/normale:  Soleta, Cambra, Cartayera, Garrigues, Glorieta, Masbovera, Vayro, Vert, Cristomorto, ecc.
  • Mandorli eretti:  Marta, Asperilla, Ferragnes, Constanti, Ferradue, Marinada, Peraleja, Rumbeta Tarraco, Rumbeta, ecc.

I diversi tipi di potatura del mandorlo

Come in quasi tutte le specie vegetali, ci sono diversi motivi per cui vogliamo potare. Nel caso del mandorlo, la potatura può essere eseguita in diversi modi, sia per correggere l’orientamento dei rami, per formare il portamento o per ringiovanire i rami negli alberi più vecchi.

In ogni caso il risultato della potatura del mandorlo sarà diverso e, quindi, dovremo agire diversamente.

Non preoccuparti, ti sveleremo i segreti di ciascuno dei tipi di potatura.

Potatura di mandorla verde

Si effettua solitamente in maggio-giugno, intervenendo solo sui tralci dello stesso anno, effettuando tagli di diradamento o diradamento. La potatura verde verrà eseguita quando i germogli raggiungono i 30-45 cm di lunghezza, lasciando 4-6 germogli nel primo anno e rimuovendo tutti i germogli rimanenti. Negli anni successivi, i germogli che appaiono sotto il garrese e le ventose verranno rimossi. Inoltre, se necessario, verrà eseguito un diradamento per mantenere l’architettura desiderata.

Potatura del mandorlo in formazione

Questa potatura è una delle più importanti, poiché è necessario seguire anno dopo anno.

Si effettua per alberi giovani, di recente piantumazione, dove si agirà nello sviluppo di ciascuno dei fusti e si conformerà il progetto definitivo della piantagione.

Per questo motivo ci soffermeremo maggiormente sulla spiegazione della potatura della formazione del mandorlo, poiché è di vitale importanza.

La potatura formativa viene eseguita per progettare la struttura futura dell’albero.

Questo lavoro prevede un duro lavoro per rimuovere i rami, quindi si consiglia di farlo quando il mandorlo è a riposo (alla fine dell’autunno o all’inizio dell’inverno, a seconda della temperatura).

Potatura del mandorlo: anno 1 e 2

Dal primo anno verranno tagliati praticamente tutti i rami del mandorlo, favorendo lo sviluppo di quelli inferiori, per facilitare la futura raccolta.

Quando l’albero appena piantato (praticamente un fusto senza rami laterali) inizierà il suo primo inverno, avremo la possibilità di tagliare il ramo principale, lasciando il fusto alto circa 1 metro.

In molti casi, a seconda dell’altezza della piantina acquisita, non raggiungeremo nemmeno quella misura, quindi in questo caso non sarà necessaria la potatura.

Generalmente conserveremo da 3 a 4 rami principali, che costituiranno la struttura del mandorlo. Da qui, vengono tagliati lasciando 2 gemme dal germoglio che si trova in basso.

Quei rami che sono al di sotto di questi possono essere tagliati a un bocciolo. Questi che abbiamo lasciato sull’albero sono detti rami di tirasavia e gestiscono lo spessore del tronco principale, facilitandone l’ingrasso.

Entrando nel 2° anno, i 3 o 4 rami principali che abbiamo conservato continuano a svilupparsi e ad acquisire più diametro. Da loro verranno quelli che sono conosciuti come rami anticipati.

Nel 2° anno possiamo tagliare questi rami principali per 1/3 della loro lunghezza dalla parte più lontana, lasciando un germoglio su quelli che stanno circa 20 cm sotto il taglio. Da qui si formeranno i rami secondari.

Da qui avremo la possibilità di eliminare i rami di tirasavia per favorire l’ingrasso di quelli secondari.

Potatura del mandorlo: anni 3 e 4

Dal 3° anno iniziamo già ad avere una struttura dell’albero chiaramente differenziata. Quest’anno ripeteremo l’operazione del 2° anno, tagliando 1/3 dello sviluppo dei rami principali e lasciando una gemma da 20 cm sotto la linea di potatura.

In questo momento, dai rami secondari si formeranno più rami più bassi, che riempiranno e formeranno la corona del mandorlo.

Importante per la potatura del mandorlo è eliminare tutti i rami che crescono verso l’interno del mandorlo. Non li vogliamo e ce ne sono molti.

Potatura del mandorlo: dai 4 anni in su

Dal 4° anno la potatura del mandorlo sarà diversa e consisterà nell’eliminazione dei polloni e dei rami che si incrociano o si sviluppano verso l’interno.

Noterai che i rami principali si sviluppano molto meno, a differenza di quelli secondari, che crescono più velocemente.

Non abbiamo più disegnato l’albero dell’anno 4 perché la potatura consiste sostanzialmente nel rimuovere i polloni che tirano verso l’interno. Già i rami principali crescono molto meno.

Da qui in poi la potatura del mandorlo viene considerata come una semplice operazione di manutenzione, senza formazione di alberi.

Come potare un mandorlo

Potatura a frutti di mandorla

Un altro noto sistema di potatura del mandorlo consiste nell’aiutare a migliorare la produttività, conservando i rami fruttiferi rispetto a quelli vegetativi (che generano più foglie, fusti e futuri rami).

Con questo, saremo in grado di bilanciare rami e germogli, quindi questa potatura è piuttosto importante.

Quello che cercheremo con la potatura a frutto è ottenere rami secondari altamente produttivi.

Per fare questo elimineremo tutti quei rami che influiscono sull’ottenimento di energia in quelli secondari. Rami con crescita caotica (verso l’interno, verso il basso, ecc.) polloni, deboli, storti, spezzati, ecc.

Con questo bilanciamo il bilancio energetico della pianta e otterremo una germogliazione molto più definita, dalla fine dell’inverno all’inizio della primavera.

Potatura di ripristino dei mandorli

La potatura di restauro nei mandorli consiste nell’effettuare un’importante selezione di rami adulti o colpiti per favorire la creazione di nuovi.

L’obiettivo principale è quello di ringiovanire un albero che si trova nella fase finale della produzione o che non è così maturo che è stato colpito da una grave malattia.

Trovandosi in questo stato, dovremo rispettare rami molto sviluppati (diametri superiori a 5 cm), perché influiscono negativamente sul successivo sviluppo dell’albero ed è considerata una potatura eccessivamente drastica (anche se in molti casi si essere ragioni per farlo).

Non dimenticare di trattare i tagli con pasta sigillante, soprattutto se si tratta di alberi malati o molto adulti.

In questo tipo di potatura del mandorlo, taglieremo i rami secondari (e se possiamo anche quelli principali), lasciandoli con una lunghezza compresa tra 0,5 e 0,6 metri.

Confronto di utensili da taglio

Consiglio finale sulla potatura del mandorlo

La potatura più importante è la formazione, dovremo farlo con buoni consigli durante i primi 2 o 3 anni. In questi anni è importante formare più che produrre.

Rispetteremo il germogliamento del tronco principale, poiché aiuteranno a formare la struttura iniziale dell’albero

Possiamo lasciare da 3 a 4 rami principali. Possiamo raggiungere 5 rami principali se la distanza tra gli alberi è sufficiente.

Scegli i rami principali con angoli chiusi e portamento verticale.

Si consiglia di tagliare i rami e controllare i futuri germogli che ne usciranno.

Segui le linee guida sulle dimensioni per ciascuna delle varietà.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.