Suggerimenti

La migliore acqua che possiamo bere: quella che contiene frutta e verdura

La bevanda per eccellenza è l’ acqua , che cercheremo di ottenere della migliore qualità possibile e che, nel dubbio, potremo filtrare a casa. Ma non dimentichiamo che frutta e verdura sono la migliore fonte di acqua biologica, filtrata dalla pianta e dotata di un alto schema energetico; da qui l’importanza di non alterarne la qualità con i processi di cottura e che provengano da coltivazioni ecologiche e biologiche.

Nonostante la sua semplicità molecolare (H 2 O), molto si potrebbe dire sul tema dell’acqua in termini di problemi e soluzioni. Il problema dell’inquinamento è noto ed è noto anche l’aumento delle acque minerali. Da un punto di vista fisiologico, il corpo ha bisogno di acqua pura con un alto potenziale solvente. Questa è la caratteristica dell’acqua distillata, acqua fornita dagli ortaggi (frutta e verdura) e che ci dà anche la pioggia (purché l’atmosfera non sia inquinata).

Pertanto è importante soddisfare il nostro fabbisogno idrico da cibi fisiologici e crudi. Alimentandoci in questo modo e avendo un’adeguata igiene interna, la richiesta di acqua potabile sarà trascurabile o nulla. Sono proprio i cibi cotti, salati e ricchi di amido che richiedono acqua per il loro metabolismo. Se facciamo pratiche di pulizia, utilizziamo come fonte di idratazione frutta acquosa (pause digestive) o acqua distillata (digiuni completi).

I minerali presenti nelle acque commerciali sono allo stato inorganico e rappresentano quindi delle scorie tossiche per l’organismo; sarebbe come aggiungere limatura di ferro all’acqua. Questo apporto minerale, lungi dall’essere nutriente, costringe gli organi di eliminazione a lavorare eccessivamente e favorisce la formazione di composti ostruttivi (placche, calcoli, calcificazioni, ecc.).

In questo contesto è assurdo raccomandare l’assunzione giornaliera di una certa quantità di acqua, poiché nell’ambito di una dieta viva, la necessaria sostituzione dei liquidi organici avviene principalmente attraverso gli alimenti (frutta, verdura, germogli, zuppe, semi bevande, frullati). In questo senso basta controllare la sete e il colore della minzione : l’oscuramento delle urine indica il sovraccarico di scorie e questo indica il maggior fabbisogno di liquidi. In condizioni normali, bevi solo quando il corpo lo richiede.

Poiché bisogna evitare le bevande industrializzate, è bene tornare alla sana abitudine delle limonate fatte in casa, che possono essere arricchite con un po’ di stevia , sciroppo d’agave, o zucchero muscovado e qualche goccia di salamoia (a base di salgemma). Avremo così una sana bevanda rinfrescante, alcalinizzante e altamente mineralizzante (isotonica).

Questo vale anche per succhi e frullati che possiamo fare in casa. Solo la fantasia pone dei limiti alle infinite combinazioni possibili a base di frutta e verdura. È sempre consigliabile prepararli e consumarli al momento, poiché molti nutrienti presenti (vitamine, enzimi) vengono rapidamente degradati dall’ossidazione. Da non dimenticare la raccomandazione dei frullati in relazione ai succhi estratti per centrifugazione, processo che elimina l’importante fibra solubile che accompagna il metabolismo degli zuccheri vegetali.

Paragrafo speciale per acqua kefir e acqua enzimatica, preparati fatti in casa che regolano la flora intestinale e che possono essere bevuti in diversi momenti della giornata. Il kefir si ottiene dalla coltivazione regolare di noduli che fermentano la miscela di acqua, limone , zucchero e uva passa, generando una bevanda leggermente acida e gassata, altamente enzimatica e digestiva. L’acqua enzimatica si ottiene immergendo i germogli in acqua per un paio di giorni.

In una sana dispensa, dobbiamo riservare uno spazio ad elementi che ci permettano di preparare forme diverse e variegate di assunzione di liquidi. Non ci dovrebbe essere la mancanza di erbe per fare digestivo, la pulizia, il fegato e rilassanti tisane . Si suggerisce di avere a portata di mano, tra gli altri: boldo , tarassaco , piantaggine , cardo mariano , verbena cedrina, camomilla , marcela, melissa , menta , ortica , valeriana, passiflora e salsapariglia.

Due osservazioni sugli infusi e sul loro concetto di “vivo”. L’utilizzo delle temperature per la sua produzione (circa 90ºC) non agisce sugli alimenti, ma su erbe e radici che utilizziamo come principi attivi e non a livello nutrizionale. Per questo motivo vengono solitamente utilizzate tinture di erbe, ottenute per macerazione idroalcolica a freddo. Per i più puristi c’è sempre la possibilità di fare infusi freddi .

La macerazione a freddo delle erbe è una tecnica utilizzata nell’Ayurveda indù, per evitare di distruggere i principi attivi sensibili al calore delle verdure con proprietà medicinali. Consiste essenzialmente nel far macerare le erbe in acqua dolce (se possibile distillata), al fine di estrarre lentamente i principi attivi nell’acqua. I tempi dipendono dal vegetale in questione, ma sono tra le 12 e le 24 ore. La raccomandazione per mantenere l’acqua fresca è quella di evitare fermentazioni e odori/sapori indesiderati.

Suggerimento pratico: marinare le erbe nell’acqua da bere . La sera mettete dell’acqua fresca in un thermos, aggiungete le foglie dell’erba desiderata, coprite e lasciate marinare tutta la notte: bevete la mattina. Puoi aggiungere qualche goccia di salamoia intera, limone o un pezzo di alga (effetto mineralizzante e alcalinizzante).

Tratto da “Cibi sani”

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *