Suggerimenti

Come seminare l’incenso: la guida che ti serve + [Immagini e passo dopo passo]

Se ci sei  alla ricerca di un raccolto semplice  e poco richiesto, l’incenso è una delle migliori alternative.

Con il suo fogliame attraente, questa pianta cade a cascata , come una fontana sospesa . E sebbene sia considerata una pianta da interno , può essere facilmente coltivata nel tuo giardino o giardino . Certo, richiede una certa cura, ma queste sono minime.

In questo articolo te lo raccontiamo  come coltivare l’incenso nel modo più semplice. 

   

Punti importanti quando si semina l’incenso:
  • Quando? Preferibilmente durante la primavera.
  • Dove? Ombra parziale. Non tollera bene molte ore di luce solare. Massimo tra 4-6 ore di luce.
  • Come prepariamo il terreno? Alto contenuto di compost, buon drenaggio. Non è molto esigente sull’acidità.
  • Come innaffiamo? Richiede umidità costante. Non gli piacciono le pozzanghere. Irrigazione a goccia ideale.
  • Come seminiamo? Il modo più efficiente è attraverso le talee. Qui passo dopo passo.
  • Piaghe e malattie? Cocciniglie, muffa, lumache e lumache .

 

Di cosa abbiamo bisogno per piantare l’incenso?

Quando dovrebbe essere seminato?

Il modo migliore per seminare l’incenso è attraverso talee . Pianta preferibilmente in primavera .

Dove?

Devi essere esposto a un moderata quantità di luce,  preferibilmente indiretto, per evitare che si secchino facilmente . Questo, in particolare, durante l’ estate , quando il sole è abbastanza intenso.

Si raccomanda che ricevano dalle 4 alle 6 ore di luce al giorno e un po’ d’ ombra la sera . Si adattano molto bene anche agli interni.

Non tollerano le basse temperature.

La temperatura ideale è tra 15 e 21ºC costanti. Per sotto i 10°C lo sviluppo della pianta viene interrotto.

 

Ogni quanto va annaffiato?

Incenso  è sensibile alla mancanza d’acqua, soprattutto durante la primavera e l’estate . Per questo motivo, in quelle date, l’irrigazione deve essere costante . Durante i periodi freddi l’irrigazione può diminuire.

Considera di applicare da 2 a 3 cm di terriccio , durante le stagioni più calde, per preservare l’umidità e prevenire l’erosione del suolo.

Il terreno deve rimanere sempre umido negli strati profondi.

La pozzanghera dovrebbe essere evitata , poiché può uccidere la pianta. Per questo motivo è consigliato l’impianto di irrigazione a goccia.

Come prepariamo il terreno?

Non è esigente sul terreno o sull’acidità. Si adatta facilmente a diversi tipi di sottofondo , purché abbiano una buon drenaggio e un alto contenuto di compost

Si adatta molto bene come pianta da appendere , quindi potresti volerla piantare in un vaso per appenderla nel tuo giardino . Per questo, puoi usare un terreno di coltura universale mescolato con il 30% di perlite e mettere uno strato di argilla in modo che l’acqua defluisca più rapidamente.

 

Come seminare l’incenso passo dopo passo

Ottieni talee di incenso da piantare

Tagliare un ramo di incenso lungo circa 1 cm e metterlo in un bicchiere d’acqua . In pochi giorni cominceranno a crescere le radici. Quando raggiungono una lunghezza accettabile , puoi piantarla nel tuo vaso o giardino.

Pulisci il terreno

Si toglie le erbacce e resti di colture precedenti e tutti i tipi di residui al fine di garantire che il vostro incenso riceve la giusta quantità di nutrienti.

Preparare il terreno

Inumidisci il terreno prima della semina.

Spargi muschio di torba e rigetti di vermi sul terreno o mescola uno strato di letame di 5 cm per compostare il terreno.

Metti le piantine nel terreno

È più facile coltivare l’incenso da piantine o talee . Puoi piantarli direttamente in giardino o in vaso , se preferisci.

Al momento della semina il terreno deve essere completamente preparato e umido ma non allagato.

Se semini talee , interrale a 5 cm di profondità , assicurandoti che il terreno sia a filo . Se pianti piantine, assicurati di coprire le radici fino al punto in cui inizia lo stelo.

In esterno , tenta di mantenere una distanza di separazione tra 1 5 e 30 cm tra le piante.

Innaffia frequentemente

Assicurati che il terreno sia sempre umido , ma senza pozzanghere.

Concimare la terra

Aggiungi il compost una volta , durante la primavera e l’estate.

Se usi fertilizzanti, diluiscilo nell’acqua di irrigazione ogni due settimane.

Se preferisci, puoi anche nutrire la tua pianta con vermicompost, letame e vermi per assicurarti che abbia i nutrienti necessari.

Pota le tue piante regolarmente

Se noti che la tua pianta diventa troppo grande , potala durante la primavera, rimuovendo i rami vecchi e tagliando quelli giovani.

La potatura ti aiuterà a modellare la pianta , a contenerne le dimensioni e a rimuovere i rami secchi.

Una buona potatura si effettua smussando la porzione apicale dei rami giovani , che tendono a disperdersi; In questo modo è possibile compattare un po’ la pianta , cosa molto utile, visto che cresce velocemente.

Proteggi la tua pianta e dagli una buona manutenzione.

Controlla regolarmente le tue piante ; Questo per evitare che contraggano parassiti e altre malattie.Se lo desideri, puoi applicare uno spray fungicida per contrastare la muffa.

Puoi anche posizionare una rete metallica per proteggere le piante mentre crescono.

Parassiti e malattie dell’incenso 

Alcuni dei parassiti e delle malattie più comuni che colpiscono l’incenso sono:

Lumache e lumache

Vivono in zone umide e zone d’acqua.

Si nutrono di tutti i tipi di piante e possono finire con un intero giardino . Inoltre, molte lumache ospitano parassiti che colpiscono gli animali e l’uomo e sono in grado di causare malattie pericolose come la meningite.

Possiamo prevenire l’arrivo delle lumache piantando le nostre piante in luoghi alti e coltivando tutti i tipi di erbe aromatiche nelle vicinanze .

Aerare frequentemente il terreno per eliminare le uova che rimangono sepolte nel terreno. Stabilire uno stretto controllo sull’irrigazione e l’umidità delle nostre colture . Implementare un impianto di irrigazione a goccia. 

Possiamo anche realizzare barriere con segatura , cenere o gusci d’uovo . Alcuni dei predatori naturali di lumache e lumache sono uccelli, tartarughe e coleotteri.

Puoi facilmente raccoglierli manualmente. Per ingannarli e impedire loro di raggiungere i tuoi raccolti, puoi mettere un panno imbevuto di latte o birra durante la notte e metterlo intorno alle piante.

cocciniglie

Le cocciniglie si nutrono di foglie e steli delle piante . Inoltre, producono una melassa che attira i funghi distruttivi.

Sono uno dei parassiti più difficili da controllare, poiché il loro corpo è ricoperto da escrescenze cerose bianche , i trattamenti chimici non hanno molto successo. Per questo motivo, per il suo controllo, è conveniente localizzare questa piaga nei suoi primi stadi, poiché privi di scudo, sono più facili da combattere.

Se l’incidenza è grave, è necessario spruzzare olio di neem o sapone di potassio.

Per il controllo biologico di questo parassita vengono utilizzati predatori naturali come Rodolia cardinalis o Cryptolaemus montrouzieri . Il rilascio avviene 15 giorni dopo l’eventuale trattamento , periodicamente, in primavera o all’inizio dell’estate.

Peronospora (Phytophthora infestans)

La dispersione del fungo viene effettuata da piogge e venti , irrigazione a pioggia , rugiada e gocce di condensa . Le condizioni favorevoli per il suo sviluppo sono l’umidità relativa superiore al 90% e le temperature comprese tra 10 e 25°C .

Per la sua prevenzione, si consiglia di rimuovere le piante che sono già state colpite dalla malattia e di effettuare una corretta gestione della ventilazione e dell’irrigazione. Si consiglia inoltre di utilizzare piantine sane.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.