Suggerimenti

Irrigazione dell’orchidea: [necessità, frequenza e procedura]

Le orchidee sono tra le famiglie di piante da fiore più numerose e sorprendenti al mondo.

Le innaffiature fanno parte delle sue cure fondamentali se si vuole che sia in condizioni ottimali e, quindi, sia in grado di produrre fiori imponenti.

Tutto si basa sul conoscere bene la pianta e offrirle esattamente ciò di cui ha bisogno. Quindi, se non sai molto bene come affrontare il problema dell’irrigazione, qui ti daremo quello che ti serve da 0 a 100. Vuoi unirti a noi?

Punti importanti quando si innaffiano le orchidee:
  • Frequenza di irrigazione: generalmente due volte a settimana in estate e una volta a settimana in inverno.
  • Metodo di irrigazione: Per immersione.
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: al mattino. Evita le ore più calde e trascorri le notti con un’eccessiva umidità.
  • Identificare l’acqua in eccesso: marciume radicale.
  • Identificare la mancanza d’acqua: la mancanza d’acqua si nota nelle radici, che tendono a impallidire.

Che esigenze di irrigazione hanno le orchidee?

Le orchidee godono di un ambiente con umidità controllata, quindi l’irrigazione è una parte fondamentale della loro cura. Tuttavia, ciò non implica che abbiano bisogno di enormi quantità di acqua per contrastare le condizioni climatiche dell’ambiente.

La realtà è che le esigenze irrigue sono determinate dal clima in cui si vive , più in estate e meno in inverno.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nelle orchidee?

Le orchidee sono una famiglia di specie molto ampia e le modalità di “comunicazione” che ognuna utilizza sono variabili.

In alcuni casi, le radici cambiano colore quando sentono la siccità (diventano pallide), mentre altri riducono il numero di steli nella struttura.

Ad un certo punto i sintomi della mancata irrigazione inizieranno a farsi notare nelle foglie, che perderanno vigore, così come nei fiori .

Ogni quanto bisogna innaffiare le orchidee?

Il modello di irrigazione delle orchidee non può essere limitato a una serie di condizioni generali applicabili a tutte le specie. Questo perché ognuno di essi ha un sistema di lavoro diverso e, quindi, i loro schemi di irrigazione variano.

Nella maggior parte dei casi, dovrai impostare le tue annaffiature in base a due a settimana durante i giorni più caldi e una volta nei giorni più freddi. Se piove e le orchidee sono all’aperto , dovrai eliminare l’irrigazione che corrisponde a quel momento perché prenderanno già l’umidità di cui hanno bisogno.

La cosa migliore a questo punto è conoscere molto bene il tipo di orchidea che hai. Al momento dell’acquisto, è meglio consultare il venditore specializzato su come e con quale frequenza annaffiarlo per evitare inconvenienti futuri.

Qual è il modo migliore per innaffiare le orchidee?

Il metodo più sicuro per applicare l’irrigazione alle orchidee è l’ immersione . Il procedimento consiste nel mettere un piatto sotto il vaso dove hai piantato l’orchidea e riempirlo d’acqua.

Ovviamente, il vaso dovrebbe avere dei fori attraverso i quali le radici possono assorbire l’acqua. Una nota importante è che la quantità di acqua che si mette nel piatto non deve raggiungere la metà dell’altezza della pentola.

Ora, passati circa 15 minuti, sarà il momento di togliere il piatto e far scolare l’acqua, riponendo la pianta di amarena in un luogo. Quando avrà trascorso circa un’ora a prosciugarsi, sarai in grado di riposizionarlo nel suo spazio normale.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nelle orchidee?

Troppa acqua nelle orchidee è, in poche parole, un’arma mortale. Le orchidee vengono utilizzate, per le loro condizioni naturali, per godere di un ambiente di elevata umidità, come avviene nelle foreste tropicali . Tuttavia, le sue radici sono libere .

Questa libertà significa che non sono soggetti a ristagni d’acqua, ma consumano ciò che è strettamente necessario per la loro sopravvivenza. Quando li abbiamo in casa e li costringiamo a “godere” più liquido di quanto possano sopportare, le loro radici diventeranno marrone scuro come segno di marciume.

Quel che è peggio, a causa delle condizioni specifiche di questa pianta, è un problema che non ha ritorno. Un altro punto importante in tutta questa questione è l’acqua che utilizzerai per irrigare. In generale, bisogna evitare l’acqua dura o l’acqua con aggiunta di cloro.

Se è la stagione delle piogge, raccogline un po’ e approfittane, poiché contiene i componenti ideali per le orchidee. Con tutti questi dettagli, avrai già ciò che serve affinché innaffiare le tue orchidee non sia più un mal di testa e la tua pianta sia sana.

Forse ti interessano anche:
  • 6 tipi e varietà di orchidee più famosi
  • Cura dell’orchidea bianca: [sporco, umidità, potatura e problemi]
  • Cura dell’orchidea Phalaenopsis: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Cura delle orchidee in inverno: [sporco, potatura e problemi]
  • Cura dell’orchidea: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Talee di orchidee: [innesto, stagione, radicamento e semina]
  • Parassiti e malattie delle orchidee: [rilevamento, cause e soluzioni]
  • Tipi di orchidee: [Caratteristiche e classificazione]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *