Suggerimenti

Pachira aquatica: cura

La Pachira aquatica è una delle piante tropicali più caratteristiche e facilmente riconoscibili attualmente utilizzate come piante da interno. Il suo tronco sorprendente, in molte occasioni intrecciato, gli conferisce un’aria esotica e unica, che difficilmente può essere trascurata.

Se vuoi imparare a prenderti cura di una pianta di Pachira aquatica a casa in modo che dia un tocco più naturale e crei un ambiente tropicale, continua a leggere questo articolo di EcologíaVerde sulla cura della Pachira aquatica.

Pachira aquatica: caratteristiche

Questa pianta originaria del Messico, in particolare delle sue zone paludose, è un membro riconoscibile della famiglia delle Bobacaceae. Dette anche alberi da bottiglia, queste piante si riconoscono per il caratteristico ispessimento dei loro tronchi intorno alla base o al centro, dove immagazzinano una riserva d’acqua da preparare per i mesi secchi.

Un’altra caratteristica comune a molti Pachira aquatica che puoi vedere nei giardini o acquistare nei negozi è che sono mostrati con diversi tronchi intrecciati in modo elaborato. Ovviamente, questo non è qualcosa che si verifica naturalmente, e ciò che realmente accade è che il tronco di questa pianta è abbastanza flessibile quando la pianta è giovane, così che diversi Pachira vengono piantati insieme per intrecciarli poiché sono piantine, essendo possibile che svilupparsi in modo vistoso senza eccessivi inconvenienti. Se il tuo Pachira ha questa forma, devi tenere a mente che si tratta di diversi individui quando si tratta di fornire loro le cure necessarie.

La pianta esibisce fogliame spettacolare e fiori sicuramente belli, anche se purtroppo non fiorisce indoor, e anche all’aperto, raramente lo fa al di fuori del suo habitat naturale o in climi tropicali.

Posizione e clima per Pachira aquatica

Essendo una pianta con un habitat climatico naturale e caratteristiche molto marcate, la Pachira viene coltivata quasi sempre come pianta da interno, soprattutto in zone con climi come quello mediterraneo.

In un ambiente controllato, con temperature comprese tra 16 e 23 ºC, la pianta non avrà problemi a crescere in modo sano, anche se, sì, è praticamente certo che non fiorirà. Se sia in inverno che in estate sarà esposto a temperature al di fuori di tale intervallo, sarà necessario spostarlo in un luogo più fresco o più caldo poiché, come molte piante tropicali, non tollera temperature molto alte o basse.

Per quanto riguarda la luce, non fa eccezione alla maggior parte delle piante autoctone a latitudini simili: necessita di luce abbondante, ma sempre sotto forma di esposizione indiretta. Se la esponiamo al sole diretto, la pianta soffrirà ed è molto probabile che le sue foglie si brucino o addirittura si secchino. Infine, è anche importante ricordare che questa pianta non deve essere esposta a correnti d’aria, soprattutto aria fresca, che possono seccarla o raffreddarla troppo.

Irrigazione Pachira acquatica

Questa è probabilmente la cura più importante per la Pachira aquatica a parte la sua posizione. Tra il fatto che provenga da zone tropicali e il suo nome, è comune cadere nell’errore che necessiti di annaffiature molto frequenti, quando in realtà è vero il contrario.

Grazie alla sua capacità di immagazzinare acqua di riserva nel tronco, la pachira necessita di essere annaffiata molto raramente. Infatti, non è solo che non ha bisogno di molte annaffiature, ma è anche fondamentale non annaffiarlo troppo. Attendere sempre che il substrato si asciughi completamente prima di annaffiare nuovamente la pachira, soprattutto nei mesi freddi. L’irrigazione in eccesso ha buone possibilità di uccidere questa pianta, quindi assicurati di non esagerare.

D’altra parte, la pianta necessita di un’umidità ambientale costante e alta. Come ottenerlo in una casa dal clima temperato? Nebulizzare o spruzzare acqua su o intorno alle foglie ogni giorno è molto importante da fare ogni giorno. Qui umidificatori d’aria o trucchi come pietre con acqua sotto la pentola saranno molto utili. Questa è la vera difficoltà di coltivare questa pianta.

Substrato per Pachira aquatica

A questo punto, la pachira non è affatto schizzinosa. L’unica cosa importante è che sia un terreno con il miglior drenaggio possibile, poiché la pianta non è molto esigente né con il pH né con i livelli di nutrienti. La miscela che consigliamo sempre con torba, fibra di cocco e humus di lombrico in parti uguali, arricchita con vermiculite e perlite, funzionerà a meraviglia con la pachira.

Potatura Pachira acquatica

La pachira non necessita di potature specifiche oltre alla consueta manutenzione annuale per asportare parti in cattivo stato. Tuttavia, se non vuoi che la tua Pachira aquatica cresca più verticalmente, puoi potarne il tronco, oi tronchi se sono attorcigliati, in modo che il suo sviluppo verticale si fermi completamente e la pianta continui a guadagnare volume e a svilupparsi orizzontalmente.

Qui puoi saperne di più Piante verdi d’appartamento, perché oltre alla pachira, in questa lista ci sono altre 50 piante. Inoltre, lo sapevate che in alcuni paesi è conosciuto come l’albero dei soldi e che è apprezzato come pianta di buona fortuna e abbondanza nel Feng Shui? Qui puoi saperne di più Piante di buona fortuna secondo il Feng Shui.

Se desideri leggere altri articoli simili a Pachira aquatica: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.