Suggerimenti

Come piantare le ninfee: punti importanti + immagini + [9 passaggi]

Punti importanti per piantare ninfee:
  • Quando? In autunno o primavera.
  • Dove? Le ninfee sono specie molto resistenti e poco esigenti. Tuttavia, preferiscono luoghi aperti e soleggiati e acque calme e calde.
  • Di che substrato hai bisogno?  Argilloso e ricco di humus .
  • Che tipo di acqua vogliono?  Richiedono acqua pulita e ossigenata. Crescono meglio in acque calme, poiché in natura crescono preferibilmente in acque stagnanti.
  • Come seminiamo passo dopo passo? Qui.
  • Quali parassiti e malattie ti attaccano? L’afide della ninfea, Galerucella Nymphaeae e Pythium beetle.

 Ninfee o ninfee sono ampiamente utilizzati come piante ornamentali . Sono piante perenni , appartenenti alla famiglia delle Nymphaeaceae , di diverse tonalità e forme, a seconda delle loro varie varietà. È un fiore molto carino. 

Hanno la loro origine nei laghi dell’Africa e in alcuni paesi dell’Asia come fiori selvatici . Una delle sue caratteristiche principali è quella di avere due tipi di foglie , alcune si trovano sott’acqua , mentre le altre sono grandi e galleggiano in superficie .

Questi ultimi, oltre a fornire protezione ai pesci e ad altri organismi acquatici , aiutano anche a controllare la crescita eccessiva delle alghe .

Le sue radici possono misurare fino a 5 metri , motivo per cui è possibile che questa pianta si sviluppi in acque di notevole profondità.

In genere la sua coltivazione è semplice , ma richiede un notevole investimento di tempo . Inoltre, è necessario spazio affinché la pianta possa diffondere le sue radici in modo lasco , quindi non sono molto raccomandate se i laghetti sono piccoli o poco profondi .

Di cosa abbiamo bisogno per piantare le ninfee?

Quando dovrebbero essere seminati?

Possono essere seminati durante il  autunno o primavera .

Fioriscono in estate .

Dove dovremmo piantare le ninfee?

In generale, le ninfee sono specie molto rustiche e poco esigenti . Tuttavia, preferiscono luoghi aperti e soleggiati e acque calme e calde.

Per quanto riguarda l’ esposizione al sole, un minimo di 6 ore al giorno di sole diretto per un corretto sviluppo e una corretta fioritura .

Per quelle regioni con climi temperati , i gigli perenni sono i migliori , che di solito fioriscono in autunno . Quelli con un clima tropicale perdono le foglie in inverno .

La temperatura ottimale dell’acqua è compresa tra 18 e 22 ºC, a seconda della varietà .

Che tipo di acqua preferisci?

Richiedi  acqua pulita e ossigenata . Crescono meglio in acque calme , poiché in natura crescono preferibilmente in acque stagnanti.

E l pH ottimale tra 5,5 e 8,0 , anche se si consiglia di mantenerlo neutro.

La profondità d’acqua è anche un fattore importante per la coltivazione delle ninfee . Come regola generale, le varietà piccole necessitano tra i 20 ei 40 cm di profondità , mentre le varietà medie necessitano tra i 40 ei 60 cm.

Infine, le varietà più grandi necessitano tra un metro e 120 cm , misurati dal cesto dove poniamo le radici al livello superiore dell’acqua.

Che tipo di substrato è il migliore?

Preferiscono terreni relativamente  argilloso e ricco di humus .

Come seminare le ninfee passo dopo passo

Passaggio 1: archivia i semi

Se semini ninfee da seme , dovresti limare lungo i bordi , facendo molta attenzione a non toccare le punte, poiché è lì che cresce la pianta.

Usando una lima di metallo e lime fino a lasciare lo strato marrone chiaro situato sotto lo strato esterno . Se non lo fai, il seme non germoglierà e finirà per marcire .

Passaggio 2: metti i semi in acqua

Una volta limati i semi, metteteli in un bicchiere di acqua tiepida fino a quando non germogliano . Dovrai cambiare l’acqua ogni giorno. 

Inoltre, è necessario assicurarsi che l’acqua non contenga cloro.

Tieni presente che i semi non devono galleggiare , ma devono andare sul fondo del bicchiere . Altrimenti, significa che sono sterili.

I semi dovrebbero germogliare alla fine della prima settimana . Continua a cambiare l’acqua, fino a quando i germogli raggiungono i 15 centimetri di lunghezza.

Quando si cambia l’acqua, fare attenzione a non disturbare la crescita dei germogli recenti.

Passaggio 3: ancorare i semi

I boccioli di giglio possono crescere dal terreno e finire per galleggiare sulla superficie dell’acqua . Per evitare ciò, richiedono l’ancoraggio.

Avvolgere delicatamente ogni seme in una piccola quantità di plastilina . Dovresti coprire solo il seme, mai il germoglio.

Passaggio 4: riempire un vaso di terra

Puoi usare un secchio di circa 20 litri . Preferibilmente è scuro, in modo che trattiene meglio il calore.

Controlla che non ci siano buchi da nessuna parte.

Aggiungi terreno fino a 6 pollici . L’impasto ideale è quello di aggiungere sul fondo due parti di argilla e poi un terzo di sabbia di fiume.

Passaggio 5: posizionare i semi nel substrato

Introdurre nel substrato i semi coperti dalla plastilina , facendo attenzione che il germoglio sporga. Una volta fatto questo, copri il seme con un rivestimento leggero.

Passaggio 6: immergere il contenitore

Metti il ​​vaso in uno stagno poco profondo . Sebbene la profondità possa variare, a seconda dell’altezza del contenitore , si consiglia che il bordo del vaso sia a filo con l’acqua.

La pianta sarà pronta per l’acqua più profonda una volta che i piccioli mostreranno le foglie.

I gigli piccoli necessitano solo di 2,5-15 cm di acqua per coprire la parte superiore del terreno, ma le varietà più grandi possono richiedere fino a 1,2 m di acqua.

Passaggio 7: pota la tua ninfea quando necessario

breve e  togli le foglie gialle , ma taglia solo i suoi steli sopra la superficie dell’acqua.

Passaggio 8: fertilizzare utilizzando pastiglie per laghetti

Le pastiglie per laghetto sono progettate per l’uso con piante acquatiche . Le varietà piccole necessitano solo di circa due compresse , ma le varietà grandi potrebbero averne bisogno fino a quattro.

Se preferisci  utilizzare fertilizzanti organici , procurarsi o produrre fertilizzanti a base di alghe o farina di pesce. Possono essere utili anche liquami di ortica o getti di vite senza fine .

Non è necessario concimare durante il primo anno di coltivazione.

Per gli anni successivi, aggiungi del fertilizzante ogni tre o quattro settimane .

Smetti di concimare a metà luglio, mentre la pianta si prepara al suo periodo vegetativo.

Passaggio 9: riposizionare la fioriera

Prima del primo gelo, dovresti spostare il contenitore nella parte più profonda del laghetto per proteggere il germoglio dal ghiaccio che si sviluppa sulla superficie dell’acqua.

Malattie e parassiti delle ninfee

Alcuni dei parassiti e delle malattie più comuni che colpiscono la ninfea sono:

Afide della ninfea (Rhopalosiphum nymphaeae)

Per combatterli è necessario rimuoverli a mano . Questo è molto efficace, soprattutto se lo stagno è piccolo.

Può anche essere fatto spruzzando a pressione le foglie in modo che cadano nell’acqua e siano in balia dei pesci del laghetto e di altri predatori.

Coleottero Galerucella Nymphaeae

Il trattamento è lo stesso del caso precedente.

Pythium

Per combatterlo, l’unica cosa che si può fare è disinfettare il terreno o utilizzare substrati puliti e sani.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.