Suggerimenti

Baris de la Col (Baris spp): [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cos’è il cavolo baris?

Ci sono alcuni piccoli coleotteri con il nome scientifico Baris spp, molto piccoli, che si dedicano a danneggiare le giovani piante nei campi di cavoli. Rape, cavolo rapa, ravanelli, cavolo rapa, sono i suoi piatti migliori.

Le larve sono esperte nel realizzare gallerie o tunnel sia nei fusti che nelle radici della pianta , il che ha la disastrosa conseguenza che la pianta avvizzisce e poi muore.

Questa specie è riuscita a diffondersi tra l’Europa occidentale, centrale e meridionale, raggiungendo anche la parte settentrionale delle Isole Britanniche, la Svezia (sud) e la Danimarca. Gli piace anche a vivere nelle superiori e inferiori parti della Polonia.

Ha una presenza attiva su terreni incolti, pascoli, bordi stradali, nonché fossi e anche su muri e staccionate e recinzioni. Gli adulti si vedono in primavera , tra aprile e luglio di ogni anno.

Come possiamo identificarlo?

In generale, questi coleotteri possono essere identificati come segue:

  1. Sono piccole creature di un nero metallico scioccante.
  2. Hanno una dimensione totale stimata di circa 4-7 mm di lunghezza, quindi sono molto piccoli.
  3. In Spagna le specie più frequenti sono Baris laticollis Marhs , nero metallico, insieme a Baris Coerulescens, con riflessi blu e Baris chlorizams Germ, verde e blu metallico.
  4. Nella fase adulta svernano, ma da aprile, in primavera, escono determinati ad accoppiarsi e le femmine in seguito trapaneranno le uova nel collo delle crocifere, loro vittime preferite. Circa due settimane dopo la deposizione, le larve si schiudono e vi vivranno fino a giugno, fino a quando non inizieranno la loro metamorfosi con un rigonfiamento nel sito di alimentazione.
  5. Le larve sono anche specializzate nello scavare buche nel collo del fusto (B. chlorizams) e nelle radici (B. laticollis) delle giovani piante che invadono, quindi queste si svilupperanno male, avranno deformazioni, fino ad appassire e morire indebolite per il sangue incursione.
  6. Una prova che questi coleotteri e la loro prole sono stati attivi è che i fusti delle piante diventano rovinosi e cavi a livello del suolo, perché estraggono da loro tutta la linfa.
  7. Terminata questa fase, arriva l’ estate e poi le larve si trasformano in ninfe, all’interno delle gallerie che hanno costruito con grande maestria.
  8. Le ninfe lasceranno il posto a giovani adulti, che hanno tutta la disponibilità a ibernare fino all’arrivo della primavera e alla ripresa del ciclo vitale.

Quali piante colpisce il cavolo baris?

La specie Brassica oleracea L, appartenente alla famiglia delle crocifere, è la più attaccata, che comprende cavoli , cavoli e cavolfiori .

Tra i primi ci sono il cavolo-cavolo a foglie lisce, quello a foglia riccia o di Milano, quello di Bruxelles e un generico di altri cavoli.

Il cavolo, da parte sua, è anche un cavolo . Ci sono anche colture foraggere, dove sono attaccati i cavoli con lo stesso nome, conosciuti in Spagna come cavolo galiziano.

Tutte queste varietà soffrono degli stessi parassiti e malattie durante tutta la loro vita vegetativa, quindi è essenziale capire che non saranno esenti dal ricevere attacchi dal coleottero Baris spp. Ecco alcune delle piante ospiti di questa piccola specie di coleotteri:

Cavolo vegetale (Brassica oleracea L); ravanello (R. raphanistrum L); senape di campo (Sinapis arvensis L); ravanello (Raphanus sativus); crescione costiero (Cacile maritima Scop); Panna plantaria (S. altissimum L), tra le altre specie.

Come combattere il cavolo baris?

Il monitoraggio continuo, l’osservazione e l’ispezione della parte superiore e inferiore delle piante dopo le prime settimane di crescita sono solitamente molto importanti da un punto di vista preventivo, perché le uova che possono essere rapidamente sterminate verranno osservate nel tempo. 

Ma ci sono molte altre misure di prevenzione facili da rispettare, che ci aiuteranno a mantenere una buona salute della nostra coltivazione di crocifere, al fine di evitare che i cavoli vengano danneggiati, con le solite perdite economiche che questo processo di coltivazione comporta.

Vediamo quali sono le pratiche agricole più importanti.

Preparazione del terreno

Un’intensa aratura durante la preparazione del terreno, 15 giorni prima della semina, esporrà tutti i tipi di insetti, perché sono esposte uova e pupe, adulti e insetti di ogni tipo, che vengono così esposti ai loro predatori per sterminarli.

Eliminazione di residui di raccolti precedenti

Allo stesso modo, l’eliminazione di tutti i resti vegetali e residui del raccolto precedente è essenziale, perché se è infettato dal Baris, dalle sue larve e uova, o da un altro insetto, allora vivranno a spese dei nuovi esemplari vegetali fino a quando non sono uccisi.

Devi raccogliere eventuali rifiuti di materia organica, bruciandoli per una maggiore sicurezza.

Tempo di semina

L’utilizzo, solo di sementi certificate, è fondamentale per prevenire il proliferare di malattie, avendo sempre cura di proteggerle, coprirle dopo la semina nel terreno, in modo che si produca una barriera che impedisca l’arrivo delle larve di primo stadio a i semi.

Gli impianti non dovrebbero mai essere fatti nei periodi caldi, in estate e nei periodi di siccità, perché questi sono i periodi in cui gli insetti si agitano e cercano di entrare nelle colture. 

Irrigazione

È necessario prevenire la formazione di crepe nei terreni e ciò si ottiene con l’ausilio di irrigazioni a portata di campo che impediscono la proliferazione dell’ovideposizione di questi animali , purché la superficie del terreno sia ricoperta da uno specchio d’acqua.

Quali sono i migliori prodotti per rimuovere il baris dal cavolo?

Un dato importante è che pur avendo un comportamento simile alla cosiddetta falsa puledra o coleottero con il nome scientifico Ceutorhynchus pleurostigma, Baris spp. in realtà provoca molto meno danni e non sarà necessario applicare trattamenti aggressivi con insetticidi di origine chimica , perché raramente si comportano come una peste. 

Non sono, insomma, nocivi come altre specie di coleotteri, anche se ciò non significa, in alcun modo, che dovremmo trascurarci, perché le larve a volte escono dallo schema e possono causare la rovina totale della pianta invasa .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.