Suggerimenti

Agricoltura di sussistenza: [Concetto, funzionamento, vantaggi e svantaggi]

 Agricoltura di sussistenza è un tipo di agricoltura che si basa sul proprio nome: “sussistere”. 

Significa  che l’obiettivo principale  di questo tipo di agricoltura è produrre cibo a sufficienza per una famiglia.

A seconda delle esigenze dei membri della famiglia, saranno necessari dai 1.000 ai 40.000 mq di terreno.

Che cos’è l’agricoltura di sussistenza?

L’agricoltura di sussistenza fa riferimento al modo tradizionale di coltivare la terra, con tecniche e attrezzi utilizzati fin dall’antichità, con l’obiettivo centrale di produrre cibo per il nucleo familiare.

Wikipedia lo definisce come “una modalità di agricoltura in cui una parte della terra produce solo una volta all’anno abbastanza da immagazzinare cibo per la famiglia che ci lavora”.

Lo sapevate…
Generalmente, vengono occupati da 1000 a 40.000 m2 (da 0,1 a 4 ha) per persona o agricoltore, a seconda di fattori quali clima , tipi di suolo, pratiche manuali, varietà e crescita delle colture, possesso della terra e strutture. la piccola eccedenza di produzione.

Questa agricoltura si avvale di risorse naturali , come acqua piovana e sfruttare al meglio le risorse naturali. 

Tipi di agricoltura di sussistenza

esistere  tre tipi di tecniche utilizzati nell’agricoltura di sussistenza , sopravvissuti nel corso del tempo . Questi sono:

Agricoltura estensiva pluviale

Il fertilizzante degli animali è integrato nella preparazione del terreno . È caratterizzato da l’alternanza delle colture, dove una parte della terra viene lasciata riposare, finché non riacquista la sua fertilità.

È tipico delle regioni tropicale dall’Africa, dal Sud America e dall’Asia. 

Agricoltura mediante cremazione o cenere

Questa modalità prepara i campi di coltivazione dall’incendio dei boschi, poiché le ceneri sono usate come fertilizzante naturale. 

È praticato in molte aree del Sud America e dell’Asia.

Risicoltura irrigua

Nelle regioni dove la pioggia è abbondante, il riso è un raccolto ideale, soprattutto perché non impoverisce i terreni. Prendono grandi appezzamenti di terreno per piantare semi uno a uno , dopo aver allagato i campi.

Questa modalità è intensiva e di alta produttività , quindi facilita l’autoconsumo di una popolazione molto più ampia.

È stato perfezionato nella parte meridionale dell’Asia , dove è stato utilizzato fin dall’antichità.

Come nasce questo tipo di agricoltura?

L’agricoltura di sussistenza nasce quando l’uomo nomade abbandonò la caccia e la raccolta e si stabilì sulla terra per sfruttarla a scopo alimentare.

Un fenomeno che ha influenzato il diverso sviluppo dell’agricoltura sul pianeta è il cosiddetto Younger Dryas, una fase di raffreddamento climatico alla fine del Pleistocene.

La sua origine è inquadrata in  la comparsa dei gruppi umani nel Paleolitico. 

Le prove archeologiche raccolte nel Vicino Oriente mostrano che [gli esseri umani iniziarono a raccogliere sempre più piante e cereali circa 23.000 anni fa. Orde di collezionisti hanno assunto questi compiti inquadrati nella cosiddetta proto-agricoltura.

Con l’addomesticamento si progredisce verso la cosiddetta “Rivoluzione Agraria Prolungata” .

Si verifica contemporaneamente in  varie latitudini del pianeta e trigger la nascita di animali più piccoli dei loro predecessori, mentre la coltivazione agricola si diffuse in tutto il Mediterraneo dall’8.000 a.C

Vari studiosi in materia concordano sul fatto che l’agricoltura sia nata in Turchia , dove la segale riuscì a essere coltivata su larga scala e per i successivi mille anni, la pratica si diffuse a molte altre colture, tra cui lenticchie , piselli e grano .

Allo stesso modo, l’ addomesticamento degli animali progrediva tanto che le famiglie mangiavano maiali, capre, usavano la pelle di pecora per ripararsi dal freddo e gli asini come trasporto merci.

A partire dal  7.000 aC le colture hanno origine in Europa,  nord del vecchio continente.

Da allora in poi, l’inventiva, il genio dell’uomo non ha cessato di inseguire continuando a estrarre cibo dalla terra per sopravvivere fino ai giorni nostri.

Perché è importante l’agricoltura di sussistenza?

Questa forma di agricoltura continua ad essere molto importante, che genera un’economia di sussistenza, in quei luoghi remoti o lontani dallo sviluppo industriale e dalle nuove tecnologie.

Riporta benefici alimentari ai membri delle comunità povere che sopravvivono grazie ai doni che la terra elargisce, grazie allo svolgimento di una serie di attività sviluppate con strumenti rudimentali utilizzati quando le condizioni naturali lo consentono.

Avere compiti prioritari che consentono di produrre quegli elementi che favoriscono la sussistenza dei membri della comunità. 

Quali vantaggi e svantaggi ha?

Vantaggio:
  • La possibilità dell’autosufficienza continua ad essere una vera benedizione, anche in questi tempi di grandi innovazioni tecnologiche e di alto sviluppo industriale.
  • Consente alle comunità di pianificare in base alle proprie risorse , senza dipendere da elementi esterni della sfera industriale ed economica, che in alcuni casi possono essere più instabili.
  • Non è necessario investire grandi somme di denaro in infrastrutture e logistica, perché il tuo ambito è locale e la tua produzione è minima.
  • Stabilisce legami indissolubili con la natura e i suoi processi in modo armonico, riducendo apparentemente i danni ambientali , poiché non utilizza agenti erosivi che danneggiano la biodiversità del pianeta.
  • Il cibo prodotto non è contaminato da residui chimici di pesticidi e pesticidi che vengono applicati in agricoltura intensiva o industrializzata , quindi le famiglie beneficiarie consumano prodotti 100% ecologici ( compost , letame , sapone di potassio …).
  • In caso di eccedenza produttiva, il baratto alimentare può essere attuato in una comunità per aggiungere valore all’attività.
Svantaggi:
  • Quando le condizioni meteorologiche sono avverse , questa agricoltura difficilmente riesce a soddisfare pienamente le esigenze alimentari delle famiglie povere, poiché i raccolti dipendono dall’intensità delle piogge.
  • Non genera progresso o sviluppo perché si limita a fornire il minimo per sopravvivere.
  • Se il processo di produzione è interrotto da fattori esogeni che gli agricoltori di sussistenza non possono controllare (gravi temporali o siccità, ad esempio), possono verificarsi carestie a causa della produzione di cibo zero .

In cosa si differenzia dagli altri tipi di agricoltura?

Questa agricoltura ruota attorno alle azioni del contadino, il quale, sebbene talvolta aiutato da altri membri del nucleo familiare, è responsabile della maggior parte dei compiti: preparare, seminare, curare i raccolti pulendo ed estrarre le erbacce , concimare e raccogliere il raccolto, per poi ripulire il terreno, selezionare i semi migliori da piantare nel successivo ciclo di semina.

Un’altra caratteristica che lo differenzia dalle altre modalità di raccolta è che in Questa agricoltura vende solo una piccola parte di ciò che viene raccolto, per coprire altri bisogni primari della famiglia.

Sebbene la produttività sia bassa, l’agricoltura di sussistenza sfrutta il meglio dell’ambiente e progredisce con i tempi della natura . Produce generalmente un raccolto all’anno sfruttando il ciclo delle piogge.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *