Suggerimenti

Talee di orchidee: [innesto, stagione, radicamento e semina]

Le orchidee sono tra le piante ornamentali più belle che esistano e devono questa distinzione ai fiori che producono.

È una specie con la capacità di svolgere la sua riproduzione sia sessualmente (semi) che asessualmente.

In campo asessuato, l’uso delle talee è uno dei metodi che offre i migliori risultati per la facilità di applicazione. In questo articolo lavoreremo con tutti i dati necessari per raggiungere il successo nel processo.

Con quali altre piante o alberi possiamo innestare la talea dell’orchidea?

Gli innesti di orchidee sono rari con altri tipi di piante perché la loro genetica impedisce loro di ottenere un buon legame. Tuttavia , è possibile lavorarli con la stessa specie , dando la possibilità di creare piante più resistenti o con fiori di caratteristiche diverse.

Qual è il momento migliore per piantare talee di orchidee?

Il momento migliore per lavorare con le orchidee è durante l’ estate , subito dopo la fine della fioritura. Ciò consentirà di ricavare le talee dalla potatura consigliata ed eviterà di arrecare danni alla salute della pianta madre in generale.

Come far radicare correttamente le talee di orchidee?

Dopo aver messo a disposizione le talee per la semina, il processo completerà diverse fasi di lavoro.

Fase 1

Le talee già selezionate verranno lavorate su un vassoio che verrà riempito di muschio . Questo deve essere di altezza ridotta.

Questo muschio dovrà essere inumidito per fornire un ambiente migliore per le talee, quindi vale la pena annaffiarlo prima di metterle lì.

Dopo averli distribuiti sul vassoio, sarà necessario mantenere un alto grado di umidità, quindi si consiglia di coprirlo con della plastica. In questa prima fase, le talee verranno conservate in uno spazio con una temperatura di 15º C e senza ricevere luce solare diretta.

Fase 2

Trascorse 3-4 settimane della fase 1, sarà il momento di sottoporre le talee ad una temperatura più alta. Si consiglia di posizionarlo intorno ai 30º C avendo cura che siano mantenuti con un alto livello di umidità, quindi bisogna annaffiare regolarmente.

Fase 3

Quando le talee sono già sviluppate e hanno potuto generare le proprie radici, il fusto della nuova piantina deve essere rimosso .

Queste piantine saranno quelle che vengono portate a seminare in vaso, basandosi su un substrato sciolto che drena bene l’acqua.

Prima di interrarle, è fondamentale che il substrato sia ben inumidito e che si apra un foro di dimensioni adeguate per posizionare la piantina senza danneggiarla. Forse all’inizio sarà necessario posizionare un bastone come supporto in modo che sia ben verticale.

Già in questa fase le orchidee avranno bisogno di luce solare ma in modo indiretto , oltre a godere di una temperatura morbida e costante.

Come dobbiamo prendere le talee dell’orchidea per piantarle?

La scelta corretta del taglio sarà determinante per ottenere i risultati pianificati. 

L’idea è di partire da una pianta dalle caratteristiche eccezionali. Ciò significa che è in buona salute e ha prodotto una fioritura accettabile .

Le talee verranno prese avendo cura che abbiano una lunghezza di 7 centimetri e che sia possibile tagliarle il più vicino possibile alla base che accetta.

È importante utilizzare uno strumento affilato per portare avanti questo processo, in modo che non vengano causati problemi alla struttura della pianta madre. Per arrecare meno danni alla pianta madre, ciò che di solito si applica è un taglio di un fusto di almeno 30 centimetri per poi applicare delle suddivisioni.

Quello che bisogna prevedere è che queste suddivisioni abbiano almeno una gemma ciascuna per aumentare le possibilità di successo.

Quanto tempo dovremmo lasciare le talee di orchidea in acqua?

Le talee di orchidea non verranno lavorate in acqua , ma in ambienti umidi in base al substrato come abbiamo spiegato nelle sezioni precedenti.

È conveniente usare il compost o il compost?

Gli specialisti nel lavoro con le orchidee raccomandano l’uso di fertilizzanti a base di azoto che sono liquidi.

Questi possono essere applicati ogni due settimane con l’acqua di irrigazione per aiutare le talee ad iniziare presto la produzione di radici e foglie.

Successivamente le concimazioni vanno mantenute nell’ambito della cura della specie perché ne hanno bisogno per una buona fioritura.

Quanto tempo impiega di solito a spuntare una talea di orchidea?

Le talee di orchidea possono impiegare dai 2 ai 3 mesi per avere radici sufficienti per consentire loro di sviluppare normalmente una pianta .

È importante che al momento del trapianto , l’ambiente umido che ha avuto durante tutto il processo sia preservato per una maggiore efficacia.

Inoltre, è essenziale che si trovino in un ambiente con una temperatura stabile e che ci sia un certo livello di umidità ambientale. Con queste cure, oltre all’uso di fertilizzanti al momento opportuno, le possibilità di successo aumentano molto e presto godrai di bellissime fioriture.

Se vuoi approfondire, puoi vedere: Piantare orchidee nel tuo giardino .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.