Suggerimenti

Cabrahigo: [Caratteristiche, Coltivazione, Cura, Parassiti e Malattie]

Punti importanti durante la semina di Cabrahigo
  • Quando? All’inizio dell’inverno questo nobile albero va coltivato
  • Dove? Può essere piantata in giardini ampi e soleggiati, direttamente e in vaso.
  • Come prepariamo il terreno? Un substrato ricco di sostanze nutritive contenente sabbia e pacciame è importante per evitare l’eccesso di acqua di irrigazione.
  • Come seminiamo? All’interno di un vaso la pianta va interrata nel luogo più soleggiato del giardino per proteggere l’ albero dalle gelate invernali. In località con inverni miti non è necessario.
  • Come paghiamo? Un buon fertilizzante liquido ricco di potassio va applicato settimanalmente quando i frutti iniziano a crescere.
  • Quando raccogliamo? Maturano a fine estate e inizio autunno , quando i loro frutti cadono a terra o sono pronti per essere staccati dai rami.
  • Temperatura ideale? Ama le regioni mediterranee con un buon sole e inverni miti.
  • Come innaffiamo? L’acqua di irrigazione va aggiunta solo quando il substrato si è asciugato, una volta alla settimana e 2 se c’è molto caldo estivo.
  • Malattie e parassiti? L’olio di Neem spruzzato sulle sue foglie combatte la muffa che ricopre la pianta quando viene attaccata da un fungo altamente contaminante.

Cos’è il cabrahigo?

Originario della Turchia, il Cabrahigo è una varietà maschile di Ficus carica. Possiede un polline destinato ad impollinare le piante di fico femmina, al fine di fertilizzarle in modo da garantire la raccolta del frutto ed evitare che si perda quando cade dall’albero.

Questo metodo di fecondazione del Cabrahigo è conosciuto in tutto il mondo come una delle forme più primitive di messa a dimora, supportata da fiori staminati. Sono in grado di produrre tre generazioni di siconi ogni anno.

I fichi producono fiori maschili. E al suo interno è alloggiato un insetto imenottero incastonato nell’ovaio dei fiori. Quando matura lascia la stessa bagnata di polline che fertilizzerà i fiori femminili.

Gli alberi di fico di solito hanno una corteccia grigia liscia, foglie decidue ruvide di un tono verde chiaro nella parte inferiore e molto più scura nella parte superiore. Un albero di fico ha fiori femminili e avrà sempre bisogno di un maschio per essere fecondato.

Questo è il Cabrahigo. Vivono accanto agli alberi di fico femmina, in pieno sole. Sono indispensabili nella raccolta dei fichi , frutto prelibato che non prospera nel caso della varietà più conosciuta, il Sari Lop tipo smirne , perché necessita del polline generato dai fichi di capra , divenendo così una specie di stallone.

Grazie a questo processo di fertilizzazione unico, i cabrahigo aiutano a mantenere la produzione mondiale di fichi, generati principalmente in Turchia, leader con oltre 260mila tonnellate raccolte all’anno.

La sua produzione mondiale è concentrata principalmente nella regione del Mediterraneo orientale, oltre che in Messico, dopo la colonizzazione americana. Oltre che in Turchia, sono prodotti su larga scala in Algeria, Marocco, Grecia, Italia e Spagna.

Funzione Sycon

I siconi sono infiorescenze del genere Ficus, classificate come frutti composti e multipli delle Higueras, alberi decidui che producono i fichi breval. Vengono prodotti i seguenti simboli:

Mamme

Questi frutti crescono sui rami durante l’anno precedente. Sono di forma tondeggiante e rimangono sull’albero fino alla primavera successiva, dopo aver sopportato stoicamente l’ inverno . Contengono un insetto responsabile dell’impollinazione.

Prohigos

Si formano nelle ascelle delle foglie più giovani del fico e presentano una forma allungata. Questo frutto matura all’inizio della stagione estiva, la più calda.

I prohigos sono i protagonisti più utilizzati in questo incredibile e unico processo di fecondazione attraverso un metodo di caprificazione.

Eseguito durante la deposizione dei fichi e dei loro insetti che vivono all’interno, sui rami delle piante di fico femmina per consumare l’impollinazione.

Mamonas

Crescono nel corso dell’estate e si trovano sempre intorno alle estremità dei rami annuali dell’albero. Non si mangiano, ma sono molto utili perché all’interno vive comodamente una piccola vespa che fornisce servizi efficienti nel processo di impollinazione, ma anche nell’allegagione.

Dove lo dobbiamo seminare?

Si adattano perfettamente a spazi ampi e molto soleggiati di giardini situati in zone con inverni miti.

E possono crescere in vasi interrati per proteggere le radici dalle basse temperature, quando ci sono gelate e sbalzi di temperatura.

Quando dovrebbe essere coltivato il cabrahigo?

È un albero molto generoso che produce frutti dalla base dei suoi rami, un anno dopo che la sua coltivazione è iniziata in condizioni ideali.

In realtà, non è difficile coltivare un Ficus carica. Può essere piantato all’inizio dell’inverno

Come prepariamo il terreno?

Necessitano di terreni argillosi molto ben drenati, dove l’acqua di irrigazione circoli rapidamente. Non sopporta i terreni acidi.

La pianta va inoltre concimata una volta alla settimana, al momento della crescita dei frutti. Questo è molto importante per aiutarti ad aumentare la tua energia produttiva.

Una buona marca di fertilizzante liquido ad alto contenuto di potassio è la cosa migliore, che dovrebbe essere spruzzata intorno al terreno.

In primavera e in estate, approfitta della concimazione settimanale se è in vaso. L’eccesso può danneggiarti e causare danni al raccolto. E questo compito dovrebbe essere sempre eseguito solo quando i frutti crescono in questo periodo.

Alcuni consigliano l’uso degli stessi fertilizzanti liquidi utilizzati per la coltivazione dei pomodori . Una miscela di fertilizzanti 8-8-8 e 10-10-10 è la cosa migliore per i fichi. Quando cessa la produzione di frutti, deve essere sospesa anche la fertilizzazione.

Come seminare un cabrahigo passo dopo passo?

Il giardinaggio di un albero di Ficus carica maschio non è così difficile se si seguono i seguenti passaggi:

  1. Scegli il posto più soleggiato del giardino, perché avrai sempre bisogno di luce diretta. Nessuna costruzione, edificio o altri alberi o arbusti vicini dovrebbero essere nelle vicinanze. L’area deve essere molto chiara.
  2. La temperatura ambientale è molto importante, perché sotto i -12ºC questo nobile albero soffre molto.
  3. Quindi cerca un grande vaso di plastica per proteggerlo dal gelo se la tua casa si trova in un luogo invernale rigido.
  4. Pianta il fico in una buca del giardino, dove il contenitore dove si trova da quando l’hai portato dal negozio si adatta perfettamente.
  5. Rimuovere con cura la pianta dal vaso di plastica di origine, rilasciandola con un movimento circolare e inserendola nel foro. Riempi con terriccio misto a sabbia, in modo che tutte le radici siano coperte. Compatta con l’aiuto delle tue mani.
  6. In superficie, pacciamatura intorno all’intera base della pianta appena seminata. Un buon compost aiuta sempre il terreno circostante ad assorbire l’acqua.
  7. Dopo 3-5 anni, la pianta dovrebbe essere trapiantata se è stata seminata in un contenitore.
  8. La procedura è semplice, perché è necessario rimuovere un terzo del terriccio. L’albero viene rimosso con grande abilità per non danneggiarlo e le radici in eccesso vengono tagliate.
  9. Si mette nel nuovo vaso, in modo che abbia più spazio, si aggiunge il terreno rimanente di cui ha bisogno e si compatta con l’aiuto delle mani.
  10. L’acqua di irrigazione deve essere abbondante, ma con la precauzione che non sporchi il substrato.

Di che cure ha bisogno il cabrahigo?

illuminazione

Sebbene debbano trascorrere la maggior parte del tempo in pieno sole, nei periodi più caldi è necessario che non vengano esposti a lungo alla radiazione solare.

Quando si trapianta questa pianta miracolosa, è conveniente tenerla ben riparata all’ombra, ma con un’illuminazione sufficiente, in modo che si riprenda rapidamente e sia pronta a svolgere il suo lavoro.

Temperatura

In inverno , a maggior ragione se molto rigido , va protetto dal gelo e dalle basse temperature.

Perderà gran parte della sua copertura vegetativa, le sue foglie, ma poi riapparirà in primavera, quando le gemme usciranno dalla dormienza.

In autunno, è necessario metterlo in un luogo fresco, calcolato tra 5 e 8ºC, in modo che riacquisti il ​​suo pieno potenziale.

Quando si tratta di zone con inverni molto rigidi, è meglio coltivarle in serre fredde all’aperto , perché dovranno comunque essere portate all’aperto per la loro piena crescita e sviluppo, proprio quando la primavera finisce.

Per il resto, il Cabrahigo va tenuto all’aperto, in ogni stagione dell’anno, in zone dove l’ inverno non è così clemente.

Irrigazione

L’acqua di irrigazione deve essere aggiunta solo quando il supporto è completamente asciutto. È una pianta intollerante al ristagno del terreno.

Controlla il terreno almeno una volta alla settimana per vedere quanta acqua ha bisogno la pianta.

In generale, per ogni irrigazione si dovrebbe utilizzare l’equivalente di un gallone o 4 litri d’acqua, che verrà versato sul terreno intorno alla pianta.

Se vedi foglie giallastre, è un’indicazione che ha bisogno di acqua, quindi dovrai annaffiare più frequentemente. Basterà circa due volte a settimana. Se le foglie tornano al loro colore naturale allora avrai superato tutte le difficoltà legate alla mancanza di nutrienti e alla mancanza di idratazione.

Potatura

Va potata a fine inverno , alla fine delle gelate e prima che inizino a spuntare i germogli. E anche a febbraio funziona bene.

Protezione contro gli uccelli

Quando i frutti cominceranno a crescere e soprattutto quando matureranno, saranno attaccati da uccelli desiderosi di assaporare la loro dolce polpa.

Dovrai quindi proteggere l’albero coprendolo con una rete o una rete che dovrai legare con molta attenzione attorno al tronco.

Ogni volta che toglierai un gruppo di fichi maturi, dovrai riposizionare la rete per evitare che uccelli golosi si avvicinino e diano il raccolto.

Quali parassiti e malattie attaccano la capra?

Una delle condizioni più comuni di cui soffrono questi alberi è la comparsa di muffe sulle foglie.

Devi combattere questa malattia applicando olio di neem sulle parti colpite e alla radice. Questo fungo fa ingiallire le foglie finché non si seccano e muoiono.

Tutte le foglie morte devono essere rimosse, ma devono essere gettate via e bruciate in modo che il fungo non si diffonda ad altre piante del giardino.

Vanno tagliati anche quei rami che cambiano colore, quelli che sono macchiati di macchie rosa. Soffrono anche di attacchi di vermi e coleotteri. Le trappole per esche dovrebbero essere impostate prima della stagione di maturazione per catturarle.

Quando vengono trattenuti, viene applicato un insetticida contenente l’ingrediente malation sciolto in zucchero e acqua, seguendo le istruzioni del produttore.

La cocciniglia può anche fare le sue cose, si elimina con l’aiuto di una soluzione preparata con alcool bruciante, sapone per lavastoviglie sciolto in acqua calda, spruzzando una volta alla settimana per un mese.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.