Suggerimenti

Agricoltura intensiva: cos’è? Concetto, utilizzo, vantaggi e svantaggi

Che cos’è l’agricoltura intensiva?

L’agricoltura intensiva mira ad ottenere la maggior quantità di prodotti per unità di superficie, con un sostegno intenso dei mezzi di produzione della semina a livello industriale, in condizioni e ambiente controllati, avvalendosi dell’uso di fertilizzanti, pesticidi, sistemi di irrigazione e macchinari. , tra gli altri strumenti, per favorire la crescita e lo sviluppo delle piante, al fine di sfruttarne appieno le potenzialità.

Si chiama intensivo perché la terra viene coltivata due volte l’anno, nei seguenti cicli:  primavera-estate e autunno-inverno. 

Per esempio:
Un chiaro esempio di questo tipo di agricoltura sono le tipiche aree di serra situate nella penisola sud-orientale della Spagna.

Oppure le cosiddette colture idroponiche , colture fuori terra , dove alla pianta viene offerto un substrato artificiale (ad esempio, perlite o fibra di cocco) in modo che le radici possano ancorarsi e prosperare con l’ausilio di un flusso continuo di una soluzione d’acqua e nutrienti che la pianta riceve, nelle sue diverse fasi di crescita.

Come nasce questo tipo di agricoltura?

L’emergere dell’agricoltura intensiva è direttamente legato alla preoccupazione umana di produrre grandi quantità di cibo per soddisfare le crescenti esigenze alimentari della popolazione dell’intero pianeta.

Nell’ultimo ventesimo secolo , le macchine a benzina hanno sostituito le attrezzature tradizionali nei campi spostati con l’aiuto dei cavalli.

Questo evento, combinato con innovazioni nella tecnologia dei fertilizzanti e dei pesticidi , ha superato la seconda guerra mondiale, consentì incredibili progressi nella produzione agricola.

Questo salto tecnologico, ha permesso agli agricoltori di controllare tratti di terra più produttivi, ma con il passare degli anni abbandonarono le loro fattorie ed entrarono nel mondo industriale, producendo così cambiamenti nelle strutture della forza lavoro mondiale.

Appare così l’agricoltura intensiva  per dare più cibo estratto dalla terra a più abitanti del pianeta che chiedevano e continuano oggi, chiedendo cibo.

Perché è importante l’agricoltura intensiva?

Non c’è dubbio che l’agricoltura intensiva è stata la chiave per il progresso dell’umanità tanto quanto lo è stata durante la sua nascita nel XX secolo.

Non per niente il suo contributo è stato determinante per il salto economico e sociale dei popoli, per garantire la sicurezza alimentare ad una popolazione in costante crescita che sempre più chiede sempre più prodotti di qualità per il consumo di massa.

Anche se molto probabilmente dovrà convivere con altri modelli, come la produzione biologica o ecologica, sempre più in via di sviluppo, non c’è dubbio che continuerà a migliorare con l’ausilio di soluzioni tecnologiche per ampliare i suoi confini e aumentare la sua efficienza.

Grazie a questa agricoltura controllata,  molti processi sono stati industrializzati che in precedenza venivano adempiute manualmente, il che ha portato sviluppo economico, prosperità e molte fonti di occupazione in tutto il mondo.

E contrariamente alla credenza popolare, la risposta alle crescenti richieste di cibo dell’umanità nei prossimi decenni trova una risposta nell’agricoltura intensiva.

Perché la chiamata  l’agricoltura sostenibile deve occupare più appezzamenti di terreno, per produrre la stessa cosa che l’intensivo tira fuori in meno spazio.

Ciò significa che continuerà a fare appello ai benefici della modalità intensiva perché il pianeta, che in attualmente occupa il 43% del suo territorio globale nelle colture che sono essenziali per nutrire circa 7,5 miliardi di persone , non avrà spazio disponibile da qui al 2050 per nuove colture , quando si prevede che circa 9,7 miliardi di persone richiederanno cibo che non avremo se l’ erosione del suolo continuerà a progredire.

Difficilmente scomparirà, quello che sicuramente accadrà è che continuerà ad adattarsi alle innovazioni tecnologiche e scientifiche che perseguono un unico scopo: la moltiplicazione dei pani. 

Quali vantaggi e svantaggi ha?

Vantaggio

  1. È davvero vantaggioso, perché questa forma di agricoltura aumenta indubbiamente i livelli di produttività nel campo, al fine di fornire una fonte stabile di cibo per la popolazione mondiale, con la caratteristica speciale di utilizzare un’area meno coltivabile rispetto ad altre modalità.
  2. La meccanizzazione agraria, legata agli incrementi della produzione, ha consentito uno spostamento della forza lavoro verso il settore industriale, emergendo così un lavoro più specializzato che ha portato benefici anche al mondo.
  3. L’abbassamento dei costi finali o dei prezzi di prodotti avicoli, ortaggi, verdure e frutta, è stato una realtà grazie a questo tipo di agricoltura di produzione su larga scala.

Svantaggi

  1. Ma poiché non sempre tutto è perfetto nella vita, questa agricoltura industrializzata utilizza anche grandi quantità di energia e acqua, difficilmente consumate con il metodo tradizionale, con la differenza che anche la produttività sarà molto più elevata, ma con la grande difficoltà che l’esaurimento del suolo risulterà anche essere maggiore e questo non è conveniente per la salute del pianeta.
  2. Un altro handicap che gli ha profuso molti nemici è l’uso altrettanto intensivo di fertilizzanti chimici e pesticidi, i cui residui finiscono sulle tavole dei consumatori, con le note conseguenze negative sulla salute delle persone.

In cosa si differenzia dagli altri tipi di agricoltura?

Questo tipo di agricoltura si caratterizza, fondamentalmente, in quanto utilizza spazi ridotti per produrre un unico prodotto.

Serve un uso massiccio dell’energia solare e dei combustibili fossili derivati ​​dal petrolio per avviare i macchinari legati allo sfruttamento della terra. Utilizza anche sostanze chimiche come fertilizzanti trattati o pesticidi per uccidere gli insetti che attaccano le colture.

Le sue caratteristiche fondamentali sono le seguenti:
  • Utilizzo di un solo tipo di semi per la coltivazione.
  • Terreno altamente produttivo.
  • Ricerca e utilizzo di terreni ricchi di sostanze nutritive, preferibilmente in pianura.
  • Manodopera umana qualificata.
  • Utilizzo di pesticidi e prodotti fitosanitari contro insetti e funghi dannosi per le colture, anche se grazie a Dio sono emersi metodi di lotta biologica contro i parassiti molto efficaci.
  • Varietà migliorate con l’aiuto della genetica, utilizzando materiale vegetale precedentemente selezionato per aumentare le prestazioni delle sue parti di consumo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.