Suggerimenti

Pianta di anice: com’è e cura

L’anice è una pianta aromatica molto comune che ha molti usi culinari. Riceve anche il nome scientifico di Pimpinella anisum o, altrimenti, è comunemente noto come matalahúva o erba dolce. Nonostante la sua origine sia in Asia, il paese dove è più coltivato e dove è più apprezzato è la Spagna.

Il sapore della pianta dell’anice è un dolce molto gradevole e, tra i suoi usi, spicca la preparazione di liquori all’anice o l’utilizzo dei semi per insaporire i cibi. Si consiglia di utilizzarlo con moderazione poiché il suo sapore è molto forte, il che provoca la copertura di altri odori e sapori. Trova largo impiego anche in pasticceria, confetteria e panificazione.

Se vuoi saperne di più sull’aspetto della pianta dell’anice e sulla sua cura, non perdere questo articolo di EcologíaVerde in cui te lo spieghiamo.

Caratteristiche della pianta dell’anice selvatico

Come abbiamo accennato, la pianta dell’anice viene utilizzata sia per cucinare che per la cura e la decorazione della casa. In questo modo, alcune delle caratteristiche dell’anice sono:

  • È una pianta erbacea e aromatica annuale: se vuoi saperne di più sulle piante erbacee: caratteristiche ed esempi, non esitare a visitare questo altro articolo che ti consigliamo.
  • Può raggiungere un’altezza di 60 o 80 cm.
  • Ha piccoli fiori bianchi: sono raggruppati con foglie verdi filicine. Le foglie di solito non superano i 5 cm di lunghezza ei fiori misurano 3 mm.
  • Ha frutti grigio/verdastri: sono di forma ovale e pelosi. Inoltre, i frutti dell’anice contengono olio essenziale ricco di anetolo.
  • Fiorisce solitamente in piena estate: tra luglio e agosto.

tipi di anice

Vale la pena ricordare che esistono diversi tipi di anice, tra i quali possiamo evidenziare:

  • Anice verde: è l’anice comune che tutti conosciamo ed è spesso chiamato anche anice dolce. Di solito ha un uso medicinale per combattere l’indigestione e il bruciore di stomaco, sebbene sia usato anche nei cosmetici.
  • Anice stellato: è originario dell’Asia e viene utilizzato come infuso o dessert. Il suo nome è dato dalla sua forma, in quanto ricorda quella di una stella.
  • Anice giapponese: il suo consumo è pericoloso poiché, essendo tossico, può causare problemi alle vie urinarie. Ecco perché non è nemmeno un anice ben noto.
  • Anice di Firenze – Usato per cucinare piatti salati ed è comunemente noto come finocchio. Se vuoi saperne di più sulla cura del finocchio, non esitare a visitare questo post che ti suggeriamo.

illuminazione all’anice

La pianta dell’anice è una pianta che riesce a svilupparsi molto meglio quando è al sole. Essendo originario dell’Europa meridionale, è più che abituato a essere esposto a lunghe ore al sole, quindi puoi piantarlo in pieno sole senza alcun problema.

Visita questo altro post di EcologíaVerde dove ti mostriamo le piante e i fiori perfetti per giardini molto soleggiati.

temperatura dell’anice

Un’altra cura dell’anice si riferisce alla temperatura, sebbene non sia qualcosa che possiamo controllare. Ciò nonostante, è necessario ricordare che non sopporta temperature eccessivamente fredde. Per questo motivo è una pianta dal clima caldo e temperato con temperature di circa 15 ºC. Inoltre non resiste bene alle inondazioni o ai venti secchi.

Se vuoi saperne di più su Qual è il clima temperato del Mediterraneo, non esitare a dare un’occhiata a questo articolo che ti consigliamo.

pavimento di anice

Una delle cure più caratteristiche dell’anice è il terreno. La pianta dell’anice può essere piantata e coltivata in qualsiasi tipo di terreno: asciutto, umido, morbido, calcareo, sabbioso o anche leggero. Nel caso in cui il terreno sia eccessivamente acido si può aggiungere un po’ di calce.

Particolare attenzione va invece riservata ai minerali, poiché necessitano di un terreno ricco di minerali e di sostanza organica con un pH compreso tra 6,0-6,7 ma senza superarlo. Inoltre, necessita anche di un buon drenaggio.

Vi lasciamo questo altro post sul miglior terreno per la crescita delle piante che potrebbe esservi di aiuto.

fertilizzante all’anice

Il fertilizzante per la pianta dell’anice può essere dal compost al letame, poiché l’anice beneficia di qualsiasi tipo di fertilizzante. Se si opta per il letame, idealmente dovrebbe essere uno in cui un’altra pianta è già stata piantata in precedenza. Se si prevede di raccogliere, è necessario soprattutto un fertilizzante minerale a base di potassio, poiché troppo azoto può danneggiarlo, ad esempio.

Scopri i Tipi di compost o Come fare il fertilizzante organico per piante fatto in casa in questi altri due post che ti consigliamo.

irrigazione dell’anice

Se ti stai chiedendo come annaffiare l’anice, deve essere un’irrigazione equilibrata, poiché sia ​​la siccità che il ristagno d’acqua la danneggiano. In questo modo annaffiate leggermente e regolarmente 2-3 volte a settimana fino a quando la pianta di anice non raggiunge un’altezza di almeno 6-8 cm. Da qui puoi ridurre l’irrigazione. Se abbiamo intenzione di coltivare l’anice, dobbiamo anche tenere conto che le annaffiature dovrebbero essere più costanti e regolari.

semina di anice

La semina viene generalmente effettuata a fine inverno, sempre a file con una distanza tra loro di 20-25 cm. Quello che dovresti fare è coprire i semi con la terra, poiché hanno bisogno dell’oscurità per poter germogliare, cosa che di solito accade dopo due o tre settimane.

Nel caso in cui viviate in una zona troppo fredda, potete iniziare a seminare l’anice in casa poiché la pianta raggiunge la maturità solo 120 giorni dopo.

raccolta dell’anice

Come accennato all’inizio di questo articolo, la pianta dell’anice è una pianta erbacea che può essere coltivata in vaso o in giardino. Se quello che fai è piantare l’anice in un vaso, tieni presente che deve avere un buon drenaggio e una profondità di almeno 8 cm.

La raccolta e la raccolta dei semi di anice avviene tra agosto e settembre, quando i semi iniziano a diventare marroni ma sono ancora un po’ verdi. Quello che dobbiamo fare è:

  1. Taglia il fiore ad ombrello della pianta dell’anice: fallo al mattino e, nel caso non utilizzi le foglie della pianta dell’anice, puoi togliere la pianta intera.
  2. Legate i grappoli e metteteli in un luogo fresco: deve essere anche un luogo ben ventilato dove ricevano la luce diretta del sole in modo che i semi si secchino.
  3. Trova una zona calda: assicurati che la zona in cui metti i grappoli sia una zona calda e calda, in quanto ciò facilita il processo di essiccazione dei semi.
  4. Strofina l’ombrello di fiori per separare i semi.

Dopo aver raccolto il raccolto, conserva i semi in un luogo buio e fresco.

Se desideri leggere altri articoli simili a Pianta di anice: com’è e cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.