Suggerimenti

Come selezionare, conservare e germinare i semi di pomodoro

Vuoi sapere come germinare i semi di pomodoro? Se hai un Orto Ecologico , sicuramente non mancano le piante di pomodoro. Anche negli orti urbani è comune coltivare diverse varietà di pomodoro, compresa la coltivazione dei pomodorini .

E non c’è da stupirsi, il pomodoro è un frutto delizioso che ci porta grandi benefici per la salute, infatti delle proprietà del pomodoro abbiamo già scritto sul blog e vi consiglio di leggerlo.

In meno di un secolo il pomodoro è diventato una delle colture alimentari più importanti con la più grande superficie coltivata al mondo.

Nel seme del pomodoro e nella sua germinazione c’è il potenziale per la resa della pianta che avremo nel nostro giardino. Da qui l’importanza di osservare coscienziosamente la selezione, la conservazione e la germinazione dei semi di pomodoro . E se la coltivazione del pomodoro ti resiste ancora, in questo post ti diamo 10 consigli per coltivare i pomodori migliori .

Lo scambio di semi, ma anche di talee e persino piante, è un elemento chiave nell’agricoltura urbana e periurbana , così come lo è stato tradizionalmente nella conservazione della biodiversità. Certamente, cerca sempre di ottenere i tuoi semi da frutta e verdura biologica .

Selezione di piante per produrre semi

Nel tuo giardino devi identificare la pianta con le caratteristiche migliori, che ha prodotto la maggior quantità e che non presenta alcuna piaga, malattia o difetto.

A loro volta, i frutti migliori o migliori di quella pianta saranno quelli che selezionerai per estrarre i semi, pulirli e conservarli correttamente.

Nell’osservare la pianta bisogna tener conto che non presenta alcun tipo di macchia o appassimento, come i frutti. Se i frutti non raggiungono la forma o il colore ottimali, potrebbe essere dovuto a una mancanza di sostanze nutritive .

La maggior parte delle caratteristiche dell’impianto precedente verrà trasmessa alla generazione successiva, quindi fare una buona scelta è fondamentale.

Conserva i semi

Qualcosa che devi considerare soprattutto quando si tratta di conservare i semi per il loro scambio o per la risemina, è scrivere i dettagli del raccolto da cui provengono. Puoi registrare tutte queste informazioni nel tuo taccuino da campo .

Nella stessa busta di carta in cui si conservano i semi (una volta essiccati), annotare la data di selezione o estrazione dei semi, comprensiva di giorno, mese e anno, nonché la varietà di pomodoro, il lotto, l’azienda o il frutteto in cui è stato raccolto.

I semi di pomodoro sono altamente resistenti alla conservazione per periodi di tempo che possono raggiungere i 5 anni a temperatura ambiente. È importante mantenere un minimo di umidità (intorno al 5-6%), quindi si consiglia di utilizzare la carta.

Sia le condizioni che il tempo durante il quale vengono conservati, i semi di pomodoro potrebbero perdere vitalità. Cioè, più tempo impieghi a seminarli, meno semi germoglieranno.

Selezione di semi

Nel pomodoro puoi trovare fino a 200 semi per frutto. Il seme è lungo al massimo 5 mm e largo 4 mm per 2 mm di profondità.

Riguardo alle parti del seme possiamo dire che è composto da embrione, endosperma e testa. Quest’ultimo ha un aspetto peloso, le cui sporgenze tendono ad intrecciarsi con quelle di altri semi, rendendo difficile il dosaggio al momento della semina.

Le protuberanze della testa sono residui delle pareti cellulari laterali della copertura dell’ovulo che si stava disintegrando durante lo sviluppo del seme.

La dimensione del seme è determinante del suo vigore, sono i più piccoli che germinano più velocemente. Questo è legato alla dimensione dell’endosperma, che, essendo più stretto, non impedisce la comparsa della punta della radichetta.

Il nutrimento che la pianta potrebbe fornire durante lo sviluppo del seme costituisce la maggior quantità di riserve e, quindi, questi semi avranno maggior vigore.

I semi scoloriti e morbidi dovranno essere scartati, poiché potrebbero essere semi morti o infestati da muffe.

Germinazione dei semi di pomodoro

Il pomodoro ( Solanum lycopersicum L. = Lycopersicum esculentum Mill), è una pianta originaria dell’America tropicale, il cui centro di origine si trova nella regione andina.

Per la sua origine, ha una migliore attitudine a germinare a temperature moderate come 15°C medie minime notturne e 20°C medie diurne, con livelli di umidità ambientale significativi.

Allo stesso modo germina da 10 a 35 °C e le piantine tollerano brevi gelate (di poche ore) a non più di -4°C.

La germinazione dei semi di pomodoro ha 3 fasi:

  • L’imbibizione dell’acqua: in questa fase si ha un rapido assorbimento dell’acqua, che si ritiene duri 12 ore, durante le quali soddisfa il fabbisogno idrico per iniziare la germinazione.
  • Riposo: per circa 40 ore dopo l’imbibizione, non si osserva alcun cambiamento nell’anatomia del seme, ma vi sono importanti alterazioni enzimatiche durante le quali l’umidità del seme rimane costante.
  • Crescita delle radichette: si ritiene che circa 56 ore dopo l’inizio dell’imbibizione, a circa 20°C inizi la moltiplicazione cellulare in un seme normale, che aumenta il tessuto vivente responsabile dell’aumento del contenuto di umidità assorbendo nuovamente acqua.

Per una germinazione ottimale, il seme avrà bisogno del 50-75% di umidità, se è superiore, l’arrivo di ossigeno viene impedito, rendendo impossibile la germinazione.

Nella pianta del pomodoro, in condizioni ambientali ottimali, la radice principale cresce di circa 2,5 cm al giorno per raggiungere una lunghezza di 60 cm di profondità. Contemporaneamente sviluppa radici secondarie e avventizie, riuscendo a coprire un’estensione di 1,5 metri di diametro.

La pianta forma un fusto principale e un sistema di ramificazione che può raggiungere fino a 60 cm di altezza. Poiché il diametro del gambo principale può essere un po’ debole per sostenere i frutti, puoi tenerli con delle guide per evitare che si rompano.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.