Suggerimenti

Passiflora: proprietà, usi medicinali e controindicazioni

La Passiflora o passiflora, il cui nome scientifico è Passiflora incarnata L , è stata utilizzata fin dall’antichità come trattamento naturale per curare molti disturbi e migliorare la salute. Originaria del continente americano, questa pianta o erba medicinale ha diversi effetti sul corpo che possiamo usare per aiutarci in una moltitudine di malattie.

La popolarità della passiflora si basa in gran parte sulle sue proprietà ansiolitiche e rilassanti, ma ha anche benefici per la cura della pelle danneggiata, una cattiva digestione e può fornire altri benefici per la salute.

In questo articolo vi daremo informazioni complete e dettagliate su come utilizzare la passiflora, le sue proprietà e benefici e quali sono le controindicazioni della passiflora.

Se stai leggendo questo post è perché sei preoccupato per la tua salute e ti piace stare bene, giusto? Scegli frutta e verdura biologica e prenditi cura di te dall’esterno con prodotti per l’igiene e la cosmesi BIO . Ricorda che il cibo ECO è l’opzione migliore per te e per la natura.

Cos’è la Passiflora?

La Passiflora , Passiflora Incarnata L , è una pianta rampicante appartenente al genere Passiflora e alla famiglia delle Passifloraceae . Viene utilizzato per scopi medicinali e ornamentali, per la bellezza dei suoi fiori e le sue proprietà terapeutiche.

È una liana con dimensioni che possono andare dai 6 ai 9 metri di lunghezza; I suoi fiori, dall’aspetto esotico e coloratissimo, misurano 5 cm di diametro, sono aromatici e sono usati da secoli nella medicina naturopatica, sono spesso usati anche come oggetto ornamentale dentro e fuori casa. .

La Passiflora è originaria del Messico e del Nord America meridionale, tuttavia, gli spagnoli scoprirono questa pianta quando arrivarono in Perù e la introdussero in Spagna con il nome di “Passiflora” per la sua somiglianza con alcuni strumenti della Passione di Cristo (per esempio, gli stimmi e gli stami situati sul fiore sono a forma di croce).

La passiflora è conosciuta con altri nomi in America, è comunemente chiamata “Passion Flower”, “Pasionaria” e “Maracuyá” . Come il fiore, anche il frutto della Passiflora è molto apprezzato; È commestibile ed è conosciuto con nomi diversi: frutto della passione, frutto della passione , frutto della passione , frutto della passione , ecc . È abbastanza commercializzato in Sud America, soprattutto nei paesi dove questa pianta è abbondante, come Perù, Brasile e Colombia.

Gli usi della Passiflora sono principalmente destinati a combattere ed eliminare problemi di insonnia, ansia, stress, depressione e irritabilità.

Principi attivi della passiflora

Il principio attivo della passiflora si trova nelle parti aeree come il fusto e le foglie secche.

Tra i componenti della passiflora ci sono alcaloidi e flavonoidi, responsabili degli effetti sedativi.

Contiene inoltre altre sostanze come aminoacidi, zuccheri, oligosaccaridi, ammine, acido cianidrico, citrico, malico, pantotenico, tannico, oli essenziali, fitosteroli, cumarine, acido caffeico e matolo.

.

Passiflora, proprietà salutistiche

La passiflora è particolarmente nota per le sue proprietà ansiolitiche e sedative. È un rilassante naturale che aiuta a combattere lo stress, l’insonnia e i dolori muscolari.

La passiflora ha molteplici proprietà, ed è per questo che il suo uso è piuttosto ampio, sebbene la popolarità di questa pianta risieda nelle sue proprietà ansiolitiche e sedative, la passiflora è stata usata come antinfiammatorio, come trattamento per l’asma, il disturbo da deficit di attenzione con iperattività (ADHD), tosse, tossicodipendenza, ustioni cutanee, disturbi gastrointestinali, ipertensione , dolore generale o dolore cronico.

Secondo un articolo scientifico pubblicato sul Journal of Research in Pharmacy and Technology (Research Journal of Pharmacy and Technology) molte specie di passiflora, contengono una sostanza chiamata “saponina” , questo componente presente in alcune piante, è quello che le dota della loro proprietà antibatteriche, emolitiche e citolitiche . Questa sostanza aiuta anche ad abbassare il colesterolo e mantiene attivo il sistema immunitario.

La passiflora contiene anche proprietà antiossidanti, antispasmodiche e vermicide, soprattutto quelle che crescono in Brasile. È usato in Iraq come narcotico e sedativo, in Turchia, per trattare dismenorrea, epilessia, nevrosi, nevralgie e insonnia, in Polonia per trattare l’isteria e la nevrastenia, e in India è usato per trattare la dipendenza negli individui dipendenti da droghe oppiacei.

.

Passiflora: benefici e usi medicinali

La Cooperativa Scientifica Europea di Fitoterapia (ESCOP) approva le indicazioni di questo rimedio naturopatico per alleviare i problemi legati al sonno e all’ansia.

Uno studio pubblicato sull’Asian Journal of Pharmaceutical and Clinical Research , che ha cercato di confrontare l’effetto ansiolitico della Passiflora Incarnata con l’Oxazepam (un farmaco usato per trattare i problemi di ansia) in pazienti che si sarebbero sottoposti a interventi chirurgici ambulatoriali, ha determinato che la pianta ha un potenziale uguale o maggiore del farmaco.

Un altro studio in cui è stata valutata l’efficacia delle piante medicinali nel controllare i sintomi della menopausa, ha stabilito che tutte le erbe studiate, compresa la Passiflora Incarnata, rispettano diversi meccanismi d’azione che aiutano ad alleviare i sintomi della menopausa come vampate di calore o instabilità emotiva dovute allo squilibrio ormonale. Nel caso specifico della passiflora, il suo effetto è stato quello di ridurre le vampate di calore ei disturbi neurologici.

I benefici che la passiflora offre per la nostra salute sono i seguenti:

-Pasiflora per calmare l’ansia

La passiflora è nota per le sue proprietà sedative e ansiolitiche, riduce i sintomi dell’ansia come tachicardia, nervosismo, sudorazione, nausea, ecc. Inoltre, ci sono prove scientifiche che dimostrano che la passiflora cura questo disturbo essendo uguale e persino più efficace dei farmaci ansiolitici, avendo il vantaggio di essere sicura e senza effetti collaterali

-Allevia crampi e dolori mestruali con la passiflora

Se di solito hai dolori premestruali o durante il ciclo, la passiflora può aiutarti a migliorarli.

Ciò è possibile perché la passiflora contiene proprietà analgesiche e antispasmodiche e può ridurre le contrazioni uterine durante le mestruazioni e alleviare il dolore che l’accompagna.

-Aiuta a combattere l’asma

Le stesse proprietà che riducono l’ansia lavorano per aiutare a ridurre gli attacchi di asma; Sebbene ciò non sia ancora stato scientificamente provato, in alcuni paesi dell’America Latina come il Brasile, la passiflora viene utilizzata come rimedio naturale per curare questa patologia.

-Calma la sindrome da astinenza

La passiflora è molto utile per aiutare le persone a far fronte ai sintomi di astinenza, che si generano quando, ad esempio, smettono di fumare.

La passiflora è utilizzata anche da persone che hanno altre dipendenze come la dipendenza da alcol o droghe.

-Pasiflora per cattive digestioni

Di fronte a digestioni pesanti o lente, la passiflora può aiutare a migliorarle. Oltre al fatto che tutti sappiamo che dobbiamo prenderci cura della nostra dieta e togliere dalla dieta quegli alimenti che sappiamo che ci fanno stare male, la passiflora favorisce la digestione e previene i crampi addominali e gli spasmi gastrointestinali.

Una tazza di infuso di passiflora o di tè dopo un pasto pesante sarà molto benefico per la salute, soprattutto se tendi ad avere problemi gastrointestinali.

-Riduci lo stress con l’infuso di passiflora

Se ti trovi in ​​una situazione stressante, il tè alla passiflora può aiutarti ad affrontare quei giorni difficili o difficili.

> .

Come prendere la Passiflora

Come qualsiasi altra pianta medicinale, e in particolare la passiflora, è importante che questa pianta medicinale venga assunta sotto la supervisione di un medico.

La passiflora può essere consumata sotto forma di infuso, estratto liquido, capsule o compresse; il dosaggio varia in base all’età, alla forma in cui si trova il medicinale e alla quantità di grammi o milligrammi che hanno.

La passiflora non è pericolosa, il modo più semplice e naturale per consumarla è attraverso tisane o infusi di passiflora; di solito se ne prendono due o tre tazze al giorno per calmare i nervi e l’ansia.

L’ Agenzia europea per i medicinali (EMA) suggerisce che i dosaggi per gli adolescenti di età superiore ai 12 anni e gli adulti dovrebbero essere i seguenti:

* Infuso di passiflora

  • Infuso con sostanza vegetale: Una dose divisa da 1 a 8 g può essere consumata giornalmente, come indicato dal medico.
  • Infusione con sostanza in polvere: può consumare una dose divisa da 0,5 a 8 g al giorno, come indicato dal medico.

* Estratto liquido di passiflora

  • Estratto liquido 1:8, solvente di estrazione con etanolo 25%: in dosi frazionate che possono variare da 8 a 16 ml al giorno.
  • Estratto liquido 1: 8, solvente di estrazione 45% etanolo: in dosi frazionate da consumare è in un intervallo da 2 a 6 ml al giorno.
  • Estratto liquido 1: 3.6, solvente di estrazione etanolo 60%: la dose è di 1 ml e va consumata tra le 3 e le 5 volte al giorno.
  • Estratto liquido 1: 1, solvente di estrazione 70% etanolo: la dose è di 2 ml e va consumata 3 volte al giorno.

* Compresse e compresse di passiflora

Poiché ci sono diverse marche di compresse e compresse, il dosaggio dipenderà dalla quantità di milligrammi che hanno e dalla quantità prescritta dal professionista a cui ci rivolgiamo.

* Passiflora in gocce

La Passiflora si presenta in due tipi di gocce, tintura madre ed estratto fluido, come con compresse e compresse, il dosaggio dipenderà dalla quantità di milligrammi che il prodotto ha.

Altri articoli sulle piante medicinali

Controindicazioni della passiflora

  • Tutte le piante medicinali devono essere consumate sotto la supervisione di un esperto che possa guidare un trattamento secondo la nostra storia medica e le nostre particolari esigenze.
  • La passiflora è una pianta medicinale sicura purché utilizzata correttamente sotto consiglio medico, tuttavia può causare sonnolenza.
  • In nessun caso deve essere somministrato a bambini di età inferiore a 2 anni.
  • Alte dosi di passiflora possono causare reazioni gastrointestinali e vertigini o confusione, soprattutto se abbinate a farmaci che agiscono sul sistema nervoso.
  • La passiflora NON deve essere consumata dalle donne in gravidanza, poiché in esse può produrre contrazioni uterine e altri effetti avversi molto dannosi.
  • Il consumo di passiflora è sconsigliato anche alle donne che allattano.

Lo sapevate…?

Scoperto in America dai missionari spagnoli, che riceve il nome di Passiflora o Fiore della passione , grazie alla somiglianza che ciascuno dei suoi componenti ha con gli strumenti della Passione di Cristo. A causa di questa somiglianza, il fiore della passiflora veniva usato dai coloni per trasformare i nativi in ​​cattolici.

Riferimenti:

  1. Sia la Passiflora incarnata orale che l’oxazepam possono ridurre l’ansia preoperatoria nei pazienti sottoposti a chirurgia ambulatoriale: uno studio in doppio cieco, controllato con placebo. Azimaraghi, Omid & Yousefshahi, Fardin & Khatavi, Fatimah & Mahdi Zamani, Mohammad & Movafegh, Ali. (2017). https://www.researchgate.net/publication/318857699_Sia_Passiflora_orale_incarnata_e_oxazepam_can_riduce_l’ansia_preoperatoria_in_pazienti_ambulatoriali_Uno_studio_in_doppio-cieco_controllato_placebo
  1. Una rassegna di farmaci a base di erbe efficaci nel controllo dei sintomi della menopausa. Kargozar, Rahele e Azizi, Hoda e Salari, Roshanak. (2017). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5783135/
  1. Attività antimicrobica, antiossidante, emolitica, ansiolitica e antiipertensiva delle specie Passiflora. Hameed, Imad e Rosario Calixto Cotos, Maria e Hadi, Mohammed. (2017). https://www.researchgate.net/publication/322909977_Antimicrobial_Antiossidante_Emolitico_Anti-ansia_e_attività_antiipertensiva_della_specie_di_passiflora
  1. Passiflora incarnata L.: Etnofarmacologia, applicazione clinica, sicurezza e valutazione delle sperimentazioni cliniche. Miroddi, Marco & Calapai, Gioacchino & Navarra, Michele & Minciullo, Paola & Gangemi, Sebastiano. (2013). https://www.researchgate.net/publicatio/258059938_Passiflora_incarnata_L_Etnofarmacologia_applicazione_clinica_sicurezza_e_valutazione_di_prove_cliniche

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *