Suggerimenti

La Ocra: [Coltivazione, Cura, Substrato, Irrigazione e Parassiti]

L’okra o noto anche come okra (Abelmoschus esculentus) , originario dell’Africa e imparentato con l’ibisco.

Questo seme verde commestibile è diventato rapidamente popolare come addensante per gli stufati.

Come raccolto, l’okra prospera in qualsiasi clima in cui cresce il mais.

Le piante a crescita rapida e dai fiori grandi crescono da mezzo metro a 6 metri di altezza, a seconda di dove e come vengono coltivate.

Anche le varietà con steli e foglie colorati, come la Borgogna, creano attraenti bordi del giardino.

  

Punti importanti quando si semina il gombo
  • Quando? Idealmente in primavera . Da evitare in inverno e in autunno se è in zone molto fredde.
  • Dove? In pieno sole. Richiedono molta luce.
  • Come prepariamo il terreno? Terreno preferibilmente acido. Con letame ben rimosso.
  • Come innaffiamo? Irrigazione a goccia ideale.
  • Quanto spesso annaffiamo? In estate avranno bisogno di molta acqua. Più caldo, più acqua. Ogni due giorni quando le giornate hanno temperature molto alte.
  • Come raccogliamo? Di solito è pronto 2 mesi dopo la semina. Verificheremo le dimensioni della pianta di gombo.
  • Piaghe e malattie? Vengono attaccati dal ragnetto rosso , dall’afide , dalla mosca bianca e anche da malattie come i nematodi e l’oidio.

  

Caratteristiche dell’ocra

La specie è una pianta perenne , spesso coltivata come annuale nei climi temperati, raggiungendo in genere circa 2 metri (6,6 piedi) di altezza. Come membro delle Malvaceae, è imparentato con specie come cotone, cacao e ibisco.

Le foglie sono lunghe e larghe 10-20 centimetri, con 5-7 lobi palmati lobati.

I fiori hanno un diametro di 4-8 centimetri, con cinque petali da bianchi a gialli, spesso con una macchia rossa o viola alla base di ogni petalo. I pollini sono sferici con circa 188 micron di diametro.

Il frutto è una capsula lunga fino a 18 centimetri a sezione pentagonale, che contiene numerosi semi .

L’Abelmoschus esculentus è coltivato in tutte le regioni tropicali e calde, per i suoi frutti fibrosi o baccelli che contengono semi tondi e bianchi .

È una delle specie vegetali più tolleranti al caldo e alla siccità al mondo e tollera terreni con argilla pesante e umidità intermittente, ma il gelo può danneggiare i baccelli.

Nella coltivazione, i semi vengono immersi durante la notte prima di piantarli a una profondità di 1-2 centimetri. Predilige una temperatura del suolo di almeno 20°C per la germinazione che avviene tra sei giorni (semi inzuppati) e tre settimane. Le piantine richiedono molta acqua.

  

I baccelli diventano rapidamente fibrosi e legnosi e, per essere commestibili come ortaggi, devono essere raccolti quando sono immaturi, di solito entro una settimana dall’impollinazione.

L’okra è disponibile in due varietà, verde e rossa. Il gombo rosso ha lo stesso sapore del gombo verde più popolare e differisce solo per il colore. A cottura ultimata, i baccelli di gombo rossi diventano verdi.

La malattia più comune che colpisce la pianta del gombo è l’avvizzimento a spirale, che spesso causa l’ingiallimento e l’appassimento delle foglie. Altre malattie includono l’oidio nelle regioni tropicali secche, le macchie fogliari e i nematodi del nodo radicale.

Quando seminare il gombo?

Puoi iniziare a seminare il gombo o i semi di gombo al chiuso in vaso, con un buon terreno e torba, in piena luce, da 3 a 4 settimane prima dell’ultimo gelo primaverile.

Nelle zone più calde, puoi anche avviare il gombo direttamente nel tuo giardino o frutteto, 3-4 settimane prima dell’ultimo gelo primaverile, a patto di coprire le piante con un telaio freddo o di coltivare un tunnel fino a quando il clima non si riscalda completamente.

Assicurati che la copertura sia alta mezzo metro in modo che le piante abbiano spazio per crescere.

Se non inizi a piantare il gombo in anticipo, aspetta che il tempo sia più stabile e più caldo.

  

Dove coltivare il gombo?

Essendo un raccolto dal clima caldo, l’okra preferisce essere in pieno sole.

Il gombo si adatta e cresce nella maggior parte dei terreni, anche se fa meglio in terreni ben drenati ricchi di materia organica.

Il terreno dovrebbe idealmente essere acido, con un pH compreso tra 5,8 e 7,0.

Come piantare il gombo nel tuo giardino passo dopo passo

Piantare il gombo è semplice.

  1. Prepara il terreno dove seminerai il tuo gombo. È importante rimuovere tutte le erbacce e le pietre che potrebbero esserci.
  2. Mescolare il terreno con letame ben decomposto.
  3. Misurarne il pH per verificare che sia piuttosto acido.
  4. Preparate i solchi dove andrete a seminare le vostre piantine di gombo o direttamente con i semi.
  5. Lascia uno spazio minimo di 40 centimetri tra ogni pianta. Pensa che l’okra, in condizioni favorevoli, cresca notevolmente.
  6. Si consiglia l’irrigazione a goccia. Una volta pronto, innaffia abbondantemente lo stesso giorno.

  

Cura che dovresti fare all’okra

  • Rimuovere le erbacce quando le piante sono giovani, quindi pacciamare per evitare che crescano più erbacce. Applicare uno strato di pacciame alto circa 5-10 centimetri.
  • Dovresti coprire le piante sui loro lati con 10-10-10, letame invecchiato o compost ricco (½ libbra per ogni 25 piedi di fila). Puoi anche applicare mensilmente un fertilizzante liquido bilanciato. Scopri di più sulle esigenze del terreno e sulla sua preparazione prima di coltivare il gombo.
  • Quando le piantine sono alte circa 8 pollici, pota le piante in modo che ci sia uno spazio minimo di 12 pollici tra loro, se non lo sono già.
  • Mantieni le piante ben irrigate durante i mesi estivi; 5 centimetri di acqua a settimana sono l’ideale, ma usane di più se ti trovi in ​​una zona calda e/o arida.
  • Dopo il primo raccolto, rimuovi le foglie inferiori per accelerare la produzione.

Come raccogliere l’okra

  1. Il primo raccolto sarà pronto circa 2 mesi dopo la semina.
  2. Raccogli l’okra quando sono lunghi circa 8 pollici. Raccoglili a giorni alterni.
  3. Tagliare il gambo appena sopra il coperchio con un taglierino; se lo stelo è troppo duro da tagliare, probabilmente il baccello è troppo vecchio e dovrebbe essere rimosso.
  4. Indossa guanti e maniche lunghe quando tagli il gombo perché la maggior parte delle varietà è ricoperta da minuscole spine che irritano la pelle, a meno che tu non abbia una varietà senza spina dorsale. Non preoccuparti: questa irritazione non si verifica mangiandoli.

  

Parassiti e malattie che colpiscono il gombo

ragno rosso

Le foglie diventano screziate, pallide e ricoperte di ragnatele, nelle quali si vedono chiaramente gli acari; anche le foglie cadono prematuramente.

Come combatterli: prosperano in condizioni calde e secche, è interessante spruzzare con olio di neem o sapone di potassio .

Mosca bianca

Le minuscole mosche bianche succhiano la linfa ed espellono la “melata” appiccicosa sulla pianta, favorendo la crescita di muffe fuligginose.

Come combatterli: usa il controllo biologico o trappole adesive. Si consiglia l’uso di olio di neem o sapone di potassio.

  

afidi

Cerca colonie di mosche verdi sulle punte dei germogli di piante morbide o sulle foglie. Succhiano la linfa ed espellono la melata appiccicosa, favorendo la crescita di muffe nere di fuliggine.

Come combatterli: usa il dito e il pollice per schiacciare le colonie di afidi o usa il controllo biologico. Si consiglia l’uso di olio di neem o sapone di potassio.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *