Suggerimenti

Piantare un cipresso: [raccolto, cura, parassiti e malattie]

Punti importanti quando si pianta un cipresso
  • Quando si semina? Ci sono specie che possono essere seminate tutto l’anno, ad eccezione dei mesi estivi. E altri hanno una risposta migliore a fine inverno.
  • Dove? Si può seminare in vaso e in giardino, sia come siepe che come pianta ornamentale .
  • Come prepariamo il terreno? Si comporta molto bene in vaso con uno strato di argilla e substrato universale, con un’aggiunta del 30% di perlite. In giardino è sufficiente un terreno sabbioso con una buona permeabilità.
  • Come innaffiamo? L’irrigazione a goccia , non saturare il terreno è l’ideale.
  • Quanto spesso annaffiamo? Uno due volte a settimana sarà sufficiente. Non bagnare il fogliame previene malattie come i funghi.
  • Di quale livello di pH ha bisogno il terreno? Qualsiasi terreno sabbioso andrà bene, o gessoso, con un pH > 7 .
  • Quando dovrebbe essere potato? Se coltivate come siepe, devono essere potate regolarmente per mantenerle stimolate e armoniose nella crescita.
  • Quali parassiti e malattie hanno? Funghi, cocciniglie e tarli.

Quando piantare un cipresso?

Il cipresso è un albero sempreverde dal portamento elegante, appartenente alla famiglia delle conifere, particolarmente efficace nel formare siepi protettive contro il vento.

I cipressi longevi possono raggiungere un’altezza fino a 30 metri nel loro habitat naturale, ma funzionano molto bene anche come pianta ornamentale, perché sono abbastanza resistenti.

La varietà Leylandii è molto popolare in tutto il mondo e può essere coltivata in vaso, quindi la sua semina ha successo in qualsiasi momento dell’anno. Ma ci sono più di trenta specie molto appariscenti. Nella regione mediterranea sono molto abbondanti.

Esistono però altre specie che devono essere seminate quando l’ inverno sta per finire, poco prima che riprendano la loro crescita. Questo rende molto più facile per loro recuperare.

Dove piantare un cipresso?

Il cipresso può essere coltivato mediante la cosiddetta semina primaverile, con appoggio diretto nei contenitori o vasi di coltivazione, che possono raggiungere un volume totale di circa 200-300 cm3.

In questo ambiente si raggiungono esemplari che raggiungono tra i 10-15 cm di altezza. Funzionano bene anche nei giardini, come piante ornamentali . Sono coltivati ​​commercialmente in Sud Africa, Nuova Zelanda e Africa orientale. Sono anche vistosi nei giardini europei e nei templi asiatici. Ci sono effettivamente ovunque.

Come prepariamo il terreno e qual è il livello di pH ideale?

Prediligono terreni di natura sciolta, sabbiosa, ma hanno la caratteristica di adattarsi in generale a qualsiasi tipo di terreno, perché come abbiamo già detto sono abbastanza resistenti. 

Non sorprende che siano riusciti a sopravvivere su questo pianeta per circa 300 anni. Forse per questo gli antichi persiani rendevano omaggio al cipresso come simbolo di forza e vita eterna.

Per questo vengono visti anche nei cimiteri, come veri guardiani della vita eterna. Questa lunga vita ha molto a che fare con l’elevata resistenza delle conifere in genere, utilizzate per adattarsi ai cambiamenti ambientali avvenuti centinaia di anni fa sulla Terra.

Un tipo di terreno molto appropriato è quello calcareo, ricco di carbonato di calcio , molto predominante nella regione mediterranea. Il suo pH > 7.

Quante volte annaffiamo e come lo facciamo?

I cipressi sono delicati nella quantità di acqua che devono ricevere, perché sono molto sensibili all’eccesso di umidità, che provoca il marciume delle radici e l’irreparabile siccità delle foglie, che diventano marroni fino a staccarsi. malattia causata da funghi che attaccano l’albero se non sappiamo come innaffiare e curare.

A seconda del clima prevalente, un cipresso va annaffiato al massimo una o due volte alla settimana. Forse fino a tre volte, ma finché l’albero si trova in una zona calda, dove il terreno rimane umido per meno tempo.

La maggior parte non sopporta i ristagni d’acqua, in particolare il cosiddetto cipresso blu o Cupressus arizonica, una specie ben nota che tollera grandi siccità ed elude l’acqua in eccesso. Quindi l’irrigazione dovrebbe essere sempre moderata e non è consigliabile bagnare il fogliame.

Inoltre, possono smettere di essere annaffiate dal terzo anno purché siano piantate nel terreno e in luoghi dove le precipitazioni annuali sono in media di 300-400 millimetri all’anno.

Come piantare un cipresso passo dopo passo?

Una considerazione preliminare è la consapevolezza che il cipresso ha radici delicate, facilmente vulnerabili alla manipolazione, quindi non è saggio cambiare vaso o posto quando vengono piantati in giardino. Il luogo in cui viene seminato deve essere definitivo.

Di solito la semina in vaso ha successo, vediamo come farlo passo dopo passo.

Semina in vaso

  1. Devi scegliere un vaso con un buon sistema di filtraggio (fori alla base) e misure stimate tra 5-6 centimetri (cm) di diametro e un’altezza maggiore.
  2. All’interno, dovresti preparare la seguente miscela di terreno: prima aggiungi uno strato di circa 3 cm di palline di argilla e poi aggiungi un buon substrato universale con il 30% di perlite.
  3. Segue ora il trapianto del cipresso dal vaso originale a quello nuovo. Rimuovere la zolla con molta attenzione e assicurarsi che le radici non siano danneggiate. È necessario evitarlo sul substrato o mancante. Dovrebbe essere comodo. Né troppo basso né troppo alto.
  4. Completare il riempimento fino a compattare tutto il substrato intorno all’albero e annaffiare accuratamente, evitando ristagni d’acqua.

Semina in giardino

  1. La prima cosa sarà la scelta del luogo più soleggiato e più ampio del giardino, dove abbiamo anche un terreno molto fertile, sciolto e con un buon sistema di drenaggio.
  2. Un grande dettaglio sul luogo di impianto finale è che si trova a circa 7 metri di distanza da tubi e pareti o installazioni elettriche. E se vuoi creare una siepe, devi mantenere una distanza tra ogni cipresso di circa 50 centimetri. 
  3. Dopo aver fissato il luogo di impianto, si deve scavare una buca di almeno 1 metro quadrato di lunghezza, che deve essere riempita con argilla espansa, in modo tale che si formi uno strato di circa 20 centimetri di spessore.
  4. Continua a riempire con un buon substrato universale.
  5. Il cipresso viene quindi prelevato dal vaso provvisorio e rimosso con cura per non danneggiare le radici. Quindi, viene introdotto nella buca e ricoperto di terra, fino a livellare il terreno.
  6. Acqua con moderazione, evitando sempre acqua stagnante.

Per saperne di più, puoi vedere: Talee di cipresso .

Di che cure ha bisogno un cipresso?

Questa conifera non richiede grandi pretese, in termini generali è un fuoristrada capace di vivere molti anni, ma ci sono alcune chiavi che dobbiamo conoscere affinché abbiano sempre una chioma spettacolare. 

Tempo metereologico

Il cipresso, contrariamente a quanto si crede, non è amico del freddo intenso o delle abbondanti nevicate. Ha bisogno piuttosto di un clima mite e temperato per crescere senza problemi.

È abbastanza resistente alla siccità ed è molto affezionato all’area mediterranea. Amano le giornate soleggiate e gli ambienti non estremamente secchi.

Irrigazione

Infatti, l’elevata tolleranza ai terreni asciutti è un vantaggio durante le stagioni di bassa marea, perché il cipresso non mancherà di annaffiare quotidianamente È consigliabile, sia in vaso che in giardino, lasciare che il terreno chieda nuovamente acqua.

Mai, come abbiamo già detto, mai saturare il terreno dove vive il cipresso perché sarà attaccato da funghi che possono ucciderlo.

Passaggio

È essenziale fornire buon cibo alla terra dove cresce un cipresso. Un buon compost all’inizio della primavera fino alla fine dell’estate è essenziale per stimolare una crescita sana.

Possiamo usare fertilizzanti per le conifere, ma è importante selezionare una marca di troppo cotta, anche il guano è superiore e altamente raccomandato, così come un pacciame e un compost di buona qualità.

Potatura

Sebbene in termini generali non sia necessario potarlo regolarmente in condizioni di coltivazione ornamentale, va fatto in modo che non alteri l’equilibrio armonico del giardino. 

Allo stesso modo, accade il contrario se cerchiamo di creare una siepe. Qui sarà fondamentale effettuare potature regolari perché sono presenti specie di grandi dimensioni che possono superare i 30 metri di altezza.

La cosa più consigliabile è applicare una buona potatura in primavera, ma essendo chiaro quanto può crescere la specie che coltiviamo, dato che il cipresso si sviluppa solitamente, cresce molto velocemente dopo la potatura, perché acquista maggior vigore e vitalità.

Quali parassiti e malattie attaccano il cipresso?

Non capita spesso di ammalarsi gravemente, ma quando la siccità è troppo accentuata e il clima è molto secco, compaiono cocciniglie e tarli, insetti molto fastidiosi che vanno preferibilmente controllati con insetticidi naturali o organici.

Un altro male di maggior cura è che l’albero viene attaccato dai funghi Seiridium . Pertanto, non è consigliabile annaffiare frequentemente, ma piuttosto controllare il grado di umidità del terreno e applicare immediatamente le misure correttive.

Un buon fungicida specifico applicato seguendo il protocollo delle istruzioni per l’uso sarà un ottimo rimedio. Nel mercato c’è una buona disponibilità. Il marchio Compo ne ha uno chiamato Anti-conifere marroni, facilmente reperibile su Internet.

Tutti i parassiti sono ben controllati con il supporto in farina fossile e un’adeguata irrigazione e fertilizzazione. In caso contrario, porteranno malattie e parassiti che possono uccidere il cipresso. 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.