Suggerimenti

Artrosi: quali piante medicinali sono utili per dolori articolari e infiammazioni?

Artrosi del ginocchio, artrosi dell’anca, artrosi delle mani … è molto comune sentire questi termini perché l’artrosi è tra le 4 malattie che hanno la più alta qualità di vita per chi ne soffre. Si stima che almeno 1 persona su 30 nel mondo soffra di questa malattia e questo numero continua ad aumentare. Le donne hanno più probabilità degli uomini di soffrire di artrosi.

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha istituito il 12 ottobre la Giornata Mondiale dell’Osteoartrite .

In questo articolo vi diciamo cos’è l’artrosi, la differenza tra artrite e artrosi, le cause e i sintomi e le migliori piante medicinali per l’artrosi.

Cos’è l’artrosi?

L’osteoartrite è una malattia degenerativa che colpisce la cartilagine delle articolazioni e i tessuti che la circondano. Viene anche chiamata osteoartrite, osteoartrite o malattia degenerativa delle articolazioni.

La definizione scientifica indica che l’osteoartrite è ” una condizione delle articolazioni mobili, caratterizzata da stress cellulare e degenerazione della matrice extracellulare, avviata da micro e macro traumi che attivano risposte riparative inadeguate comprese le vie proinfiammatorie dell’immunità innata “.

In altre parole, la malattia inizia con anomalie a livello metabolico nei tessuti articolari e vi sono alterazioni per cui la cartilagine viene degradata , causando rimodellamento osseo, formazione di osteofiti, infiammazione, dolore e infine perdita della normale mobilità .

Qual è la differenza tra artrosi e artrite?

È comune confondere i due disturbi e non sorprende che entrambi danneggino le articolazioni. Le principali differenze si riscontrano nell’origine e nelle cause:

  • Osteoartrite : colpisce la cartilagine delle ossa di un’articolazione. Quando, nel tempo, la cartilagine si consuma a causa dell’attrito, sono le ossa che iniziano a sfregarsi l’una contro l’altra. Uno stile di vita sedentario e il consumo di tabacco e alcol possono peggiorare l’osteoartrosi.
  • Artrite : è l’infiammazione della membrana che contiene il liquido sinoviale (questo fluido funge da lubrificante tra le articolazioni in modo che le ossa non si sfreghino l’una contro l’altra). Può apparire a causa di un colpo, del consumo di tabacco o di malattie autoimmuni, tra le altre cause.

Artrosi: possibili cause e sintomi

Sebbene le cause ultime non siano state stabilite, vi è accordo sul fatto che esistono numerosi fattori di rischio che possono influenzare lo sviluppo della malattia .

Non è una conseguenza inevitabile dell’età, ma fattori come obesità, instabilità articolare, anomalie anatomiche, ridotta attività fisica, lassità articolare, alterazioni dell’equilibrio e della propriocezione, possono aumentare il rischio di soffrire di artrosi con l’età.

Ci sono altri fattori: genetici, meccanici, metabolici e traumatici, che innescano anche la degradazione della cartilagine e dell’osso subcondrale . Gli stadi avanzati, con perdita di mobilità articolare, possono richiedere decenni per svilupparsi.

Nell’osteoartrosi sintomatica, il dolore determina un’importante limitazione delle funzioni dell’articolazione e della qualità della vita della persona colpita.

La misurazione del dolore è essenziale per conoscere il tipo di trattamento. Per questo vengono utilizzate diverse scale unidimensionali e multidimensionali. I primi sono di intensità; le seconde sono scale psicometriche che consentono di valutare il contesto, come la frequenza del dolore, il grado di disabilità e le ore di sonno, tra molte altre.

Altri sintomi possono presentarsi come facilità di caduta, a causa di instabilità articolare, processi infiammatori come gonfiore o versamento, deformità articolare, rigidità o scricchiolio.

Trattamento dell’artrosi

Gli specialisti raccomandano il trattamento dell’artrosi sotto due aspetti: da un lato il sollievo dal dolore e dall’altro il miglioramento della qualità della vita, finalizzato alla riduzione dei sintomi e alla prevenzione della disabilità.

Per il trattamento mirato alla prevenzione e alla riduzione dei sintomi si raccomanda:

  • Formazione o istruzione: l’artrosi è un processo degenerativo che progredisce con l’età, non è maligno; Non ha una cura specifica, ma un trattamento individualizzato adeguato può alleviare il dolore e migliorare la capacità dell’articolazione interessata; ci sono circostanze negative che influenzano in qualche modo la malattia e altre, come la protezione articolare, che possono migliorare la qualità della vita .
  • Norme di protezione articolare: cercano di evitare di sovraccaricare le articolazioni colpite attraverso: Tecniche di conservazione e ridistribuzione energetica (equilibrio e riposo con pause ogni 30 minuti di attività o interruzioni prima della fatica; evitare posture scorrette e adottare posture di facile mantenimento; snellire attività e compiti ). Ausili ortopedici per evitare il sovraccarico (bastone, solette ammortizzanti, cunei correttivi, tra gli altri). Riduzione dell’obesità e del sovrappeso .
  • Esercizi: sono individualizzati in base al paziente e alle caratteristiche della malattia. In generale, si cerca di migliorare la potenza muscolare e la resistenza con esercizi isometrici e isocinetici per migliorare la flessibilità. L’attività fisica deve essere adattata alla persona che la pratica.

10 piante medicinali che possono alleviare il dolore dell’osteoartrite

Il trattamento dell’artrosi con le piante medicinali di solito interagisce con i trattamenti della medicina convenzionale. I trattamenti con piante medicinali per l’osteoartrosi qui elencati sono quelli consigliati dalla Cooperativa Scientifica Europea di Fitoterapia (ESCOP), monografie che si consiglia di leggere per conoscere maggiori specifiche su ciascuna specie e utilizzi.

Va ricordato che nessuna delle seguenti opzioni è raccomandata per bambini, donne in gravidanza e durante l’allattamento. Altrettanto importante è consultare un professionista della salute che può indicare quale pianta è la migliore per ogni caso particolare e in quale dose dovrebbe essere assunta.

Ribes nero ( Ribes nigrum )

Arbusto originario dell’Europa settentrionale e centrale e dell’Asia settentrionale, utilizzato nella medicina tradizionale come diuretico e per il trattamento di problemi infiammatori e reumatici . I componenti fenolici (acidi fenolici, flavonoidi e antociani) hanno una grande capacità antiossidante .

ESCOP consiglia per gli adulti una dose giornaliera da 250 a 500 ml di infuso di foglie essiccate (da 20 a 50 g/l), oppure da 2 a 4 grammi per tazza 3 volte al giorno, oppure 160 mg di estratto secco 7:1 in acqua da 1 a 3 volte al giorno.

Attenzione: a causa degli effetti diuretici, non sono raccomandati quelli sotto altri trattamenti medici. Durata massima del trattamento: 4 settimane.

Artiglio del diavolo ( Harpagophytum procumbens DC e zeyheri Decne )

Si ottiene da due specie di piante erbacee che crescono spontaneamente nel sud e nel sud-ovest del continente africano. È stato utilizzato nella medicina tradizionale per il trattamento delle condizioni muscolo-scheletriche digestive e infiammatorie attraverso l’applicazione topica.

ESCOP consiglia la radice polverizzata (per decotto e infuso 4,5 g in 500 ml di acqua fino a 3 volte al giorno).

Attenzione: può causare disturbi gastrointestinali, e se ne sconsiglia l’uso durante il trattamento con anticoagulanti, antiaritmici, in presenza di cerume gastroduodenale o calcoli biliari. Durata massima del trattamento: 4 settimane.

Leggi di più sulle proprietà dell’Artiglio del Diavolo

Ortica maggiore o verde ( Urtica dioica e Urtica urens L.)

Si ottiene dalle foglie e dai fiori di due piante nitrofile che si trovano nelle zone temperate. L’ortica ha proprietà antinfiammatorie e immunosoppressive , per questo viene utilizzata per trattare vari processi infiammatori, alterazioni del sistema immunitario e per aumentare il volume delle urine.

ESCOP consiglia foglie infuse da 3 a 5 g fino a tre volte al giorno.

Precauzioni: Il contatto con gli steli e le foglie rilascia istamina, serotonina e leucotrieni che possono causare prurito o allergie. Non posizionare foglie o steli su aree umide, mucose, irritate o sensibili. Durata massima del trattamento: 4 settimane.

Scopri tanti altri vantaggi di Nettle

Salice ( Salix purpurea , Salix daphonoides Vill . E Salix fragilis L.)

Corrisponde a numerose specie di alberi o arbusti. Il salice ha attività analgesica, antinfiammatoria, antipiretica e antipiastrinica . Oltre al dolore, il salice è usato per curare mal di testa, influenza e febbre .

ESCOP ne consiglia l’uso in infusione da 1 a 3 grammi 3 o 4 volte al giorno.

Precauzioni: Da non utilizzare in caso di ipersensibilità ai derivati ​​salicilati, può generare allergia da contatto e può causare disturbi gastrointestinali. Durata massima del trattamento: 4 settimane.

Leggi di più su El Sauce .

Olmaria o olmaria ( Filipendula ulmaria )

È una pianta erbacea che cresce in tutta Europa- Meadowsweet viene utilizzata come antinfiammatorio, analgesico e antipiretico, con attività diuretica . La regina dei prati è anche una pianta medicinale indicata per i comuni processi di raffreddore e influenza.

ESCOP consiglia un infuso di fiori secchi da 2,5 a 6 grammi al giorno in 1-3 dosi.

Precauzioni: Non deve essere usato in caso di nota ipersensibilità ai derivati ​​salicilati, o in interazione con anticoagulanti. Durata massima del trattamento: 4 settimane.

Artiglio di gatto ( Uncaria tomentosa DC )

Originario dell’Amazzonia peruviana. L’artiglio di gatto è usato come antinfiammatorio e antiossidante , nonché nel trattamento delle condizioni muscolo-scheletriche .

ESCOP ne consiglia l’uso in decotto al 2% per 20 minuti in 2 o 3 tazze al giorno.

Precauzioni: poiché i composti variano a seconda del processo di estrazione, si consiglia di iniziare con dosi basse per verificarne la tolleranza. Il suo uso prolungato può causare problemi al pancreas e ai reni. Non somministrare in interazione con inibitori della proteasi, inibitori della trascrittasi inversa o ciclosporina.

Scopri altre proprietà dell’artiglio di gatto

Piante medicinali per l’osteoartrite che vengono utilizzate solo per uso topico (esterno)

Arnica ( Arnica montana )

Tradizionalmente utilizzato per il trattamento di contusioni, distorsioni e infiammazioni , sia dovute a botte che a punture di insetti. Gli estratti di Arnica sono disponibili per la preparazione oppure è anche usato come ingrediente principale in gel, unguenti e creme, come questa crema per le gambe stanche .

Leggi i benefici dell’arnica

Caienna ( Capsicum annuum L var. Minimun )

I cerotti estrattivi possono essere utilizzati solo una volta al giorno per 4-12 h. E

n forma semisolida da 2 a 4 volte al giorno per un massimo di 3 settimane ea riposo per un minimo di 2 settimane.

Rosmarino ( Rosamarinus officinalis )

Un bagnomaria a cui si aggiunge 1 litro di decotto da 50 g o da 10 a 27 mg di Olio Essenziale di Rosmarino .

Potete preparare questo Linimento al Rosmarino e questo Alcool al Rosmarino , preparazioni casalinghe e naturali molto utili per l’artrosi.

Leggi di più sulle Proprietà del Rosmarino .

Menta piperita ( Mentha piperita )

I preparati possono avere dal 5 al 20% di olio essenziale applicandoli da 1 a 3 volte al giorno.

Scopri altri vantaggi della menta

Sebbene siano piante medicinali, come puoi vedere, alcune non sono raccomandate per la via orale, quindi il tempo massimo di trattamento deve essere preso seriamente in considerazione per evitare avvelenamenti o altri effetti avversi.

Queste sono informazioni generali e non sostituiscono la consulenza professionale. Consultare il proprio medico prima di assumere qualsiasi pianta medicinale.
.

fonti

  • “Aspetti epidemiologici dell’osteoartrosi e dell’osteoporosi”, Monserrat Romera Baurés. Rivista clinica elettronica in cure primarie. 2003.
  • “Pain in osteoarthritis” XVI Incontro di esperti 2016, Straordinary Pain Chair. Fondazione Grünenthal, Università di Salamanca. 2016.
  • “Guida alla buona pratica clinica nell’osteoartrite”, Organizzazione medica collegiale della Spagna, Ministero della salute e del consumo. 2008.
  • “Patologia muscoloscheletrica”, Corso base di erboristeria. Ma. Antonia Diez, M. Luz Lázaro, Jesús A. Nuñez, Margarita Olagorta, Begoña Regil, Irene Herrero. Ospedale universitario di Álava. 2016.
  • “Piante medicinali per malattie reumatiche”. Centro di ricerca sulla fitoterapia.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *