Suggerimenti

Pianta del tè verde: [coltivazione, irrigazione, substrato, parassiti e malattie]

Il tè verde è una specie vegetale di origine orientale ma è diventato popolare nella sua produzione e consumo in tutto il mondo grazie ai benefici che apporta.

Il suo sapore, dopo la preparazione, è morbido e piacevole al palato , aumentando così il livello di preferenza che le persone hanno per esso.

La sua coltivazione può essere effettuata in molte zone , dato che si sono ottenuti buoni risultati anche in India.

Certo, è necessario che la pianta del tè verde abbia le condizioni più ottimali per il suo sviluppo ed è proprio di questo che parleremo oggi.

Se sei interessato a goderti questa pianta nel tuo giardino, unisciti a noi

Punti importanti quando si semina la pianta del tè verde
  • Quando? In primavera .
  • Dove? In pieno sole o in mezz’ombra.
  • Come prepariamo il terreno? Con abbondante materia organica. Suoli a pH neutro, tendente all’acido.
  • Come dovremmo annaffiare? Per gocciolamento .
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? Quasi quotidianamente, controllando che l’ambiente sia sempre umido ma non allagato.
  • Quali parassiti e malattie ha? I parassiti più comuni sono acari e tripidi. Per quanto riguarda le malattie, l’ antracnosi .

Caratteristiche della pianta del tè verde

La Camellia sinensis è una specie di arbusto o piccolo albero sempreverde della famiglia delle piante da fiore, Theaceae, le cui foglie e germogli sono utilizzati per produrre il tè. I nomi comuni includono “pianta del tè”, “cespuglio del tè” e “albero del tè” (da non confondere con Melaleuca alternifolia , la fonte dell’olio dell’albero del tè, o Leptospermum scoparium, l’albero del tè della Nuova Zelanda).

Camellia sinensis, var. sinensis e Camellia s. var. assamica sono due delle principali varietà coltivate oggi.

Il tè bianco, il tè giallo, il tè verde, l’oolong, il tè scuro (che include il tè pu’er) e il tè nero vengono raccolti l’uno dall’altro, ma vengono lavorati in modo diverso per ottenere diversi livelli di ossidazione. Anche il Kukicha (tè di ramoscello) viene raccolto dalla Camellia sinensis, ma utilizza ramoscelli e steli invece delle foglie.

Quando seminare la pianta del tè verde?

Preferibilmente durante la primavera.

La pianta del tè verde viene coltivata principalmente in climi tropicali e subtropicali, in aree con almeno 127 cm di pioggia all’anno.

Le piante del tè preferiscono un luogo di crescita ricco e umido in pieno o parzialmente soleggiato.

Tuttavia, il clonale viene coltivato commercialmente dall’equatore alla Cornovaglia settentrionale e alla Scozia sulla terraferma del Regno Unito.

Molti tè di alta qualità vengono coltivati ​​ad alta quota, fino a 1.500 m (4.900 piedi), poiché le piante crescono più lentamente e assumono più sapore.

Le piante di tè diventeranno un albero se non vengono potate e nelle giuste condizioni, ma le colture di queste piante vengono potate fino all’altezza della vita per una facile raccolta.

Vengono utilizzate due varietà principali, la pianta cinese a foglia piccola (C. s. Sinensis) e la pianta a foglia larga Assamica (C. s. Assamica), utilizzata principalmente per il tè nero.

Dove piantare una pianta di tè verde?

La pianta del tè verde ha bisogno di prosperare ogni giorno con una luce solare sufficiente.

Si consiglia quindi uno spazio in piena luce o, quantomeno, in penombra .

Per quanto riguarda la temperatura dell’ambiente, la cosa più opportuna è fare in modo che oscilli tra i 14 ei 27ºC , in modo che sia il più confortevole possibile.

Come preparare il terreno?

Affinché la pianta del tè verde raggiunga una crescita ottimale e una fioritura adeguata, il terreno in cui verrà piantato deve essere ricco di sostanza organica.

Ciò può essere ottenuto concimando il terreno con fertilizzanti organici e garantendo che il terreno sia di buona qualità.

È importante verificare che la terra sia in grado di drenare adeguatamente l’acqua , poiché il tè verde non tollera le pozzanghere, né per irrigazione né per pioggia.

Per quanto riguarda il pH, meglio preferire quelli che vanno dal neutro all’acido , evitando in tutti i modi che siano alcalini.

Come innaffiamo?

In abbondanza, preferibilmente utilizzando la tecnica a goccia per mantenere un corretto controllo del flusso ed evitare ristagni d’acqua.

Puoi anche optare per sistemi di irrigazione come la capillarità.

Ogni quanto annaffiamo la pianta del tè verde?

Quasi tutti i giorni .

Essendo una pianta che si sviluppa ad alto contatto con la luce solare, tende a perdere rapidamente umidità dal terreno.

Intorno a questo, è importante notare che la pianta del tè verde non si svilupperà in un ambiente secco, quindi l’ambiente deve essere mantenuto umido.

Anche nelle giornate estive, quando la temperatura è più alta, è importante aumentare la frequenza delle annaffiature.

D’altra parte, nella stagione della fioritura è anche consigliabile aumentare la frequenza delle annaffiature.

Come seminare passo dopo passo la pianta del tè verde?

La pianta del tè verde può essere ottenuta già sviluppata nei vivai e accelera così il suo processo di crescita.

In questo caso è importante che la pianta abbia dimensioni piuttosto ridotte per garantire un ambiente migliore quando sviluppa le sue radici.

Tuttavia, possiamo fare tutto il processo senza problemi da casa, con l’uso di alcuni semi di buona qualità.

  1. Seleziona i semi che verranno utilizzati per piantare la pianta del tè verde.
  2. Mettere a bagno i semi in acqua corrente per 24 ore per idratarli a sufficienza.
  3. Preparare dei semenzai con terriccio di buona qualità e collocarvi i semi. La pianta del tè verde impiega fino a 3 mesi per germogliare, quindi lavora con pazienza.
  4. Dopo che iniziano a germogliare, spostali in un vaso di dimensioni adeguate in modo che possano crescere comodamente.
  5. Quando la pianta ha raggiunto circa 25 centimetri di altezza, arriva il momento opportuno per estrarla e piantarla nella sua sede definitiva.
  6. Praticare un foro di una profondità adeguata per consentire alla zolla di sedersi comodamente. Dovresti anche assicurarti che sia abbastanza largo da non causare danni alla struttura della radice.
  7. Introdurre la zolla e ricoprire l’ambiente circostante con il terreno di semina, premendo delicatamente per eliminare le sacche d’aria che si generano.
  8. Innaffia abbondantemente in modo che il terreno si compatta.
  9. Aggiungi uno strato di pacciame intorno alla base della pianta in modo che ci sia abbastanza umidità e mantenga la temperatura corretta.

Se hai intenzione di piantare più di una pianta di tè verde, devi dargli abbastanza spazio in modo che il suo apparato radicale non sia sotto pressione.

Per fare ciò, assicurati che ci sia una distanza minima di 25 centimetri tra una pianta e l’altra.

Di quali cure ha bisogno la pianta del tè verde?

Una delle cure più importanti per avere una pianta bella e sana è la potatura.

Questo può essere applicato almeno una volta all’anno per garantire che cresca con una forma corretta e sia quindi in grado di generare una fioritura migliore.

Saranno inoltre necessarie concimazioni per favorire la crescita della pianta ad un buon ritmo, queste verranno applicate durante l’estate ogni due mesi.

La vendemmia: come si svolge?

La raccolta della Camellia sinensis deve essere eseguita a mano, poiché è necessario strappare solo le foglie superiori.

Durante la raccolta (termine utilizzato dall’industria del tè per indicare la raccolta) cerca le foglie giovani sulla parte superiore della pianta, in particolare quelle con le punte, o le foglie piccole e parzialmente formate.

Cogli un grappolo, o “rossore” di foglie, facendo attenzione a includere una piccola porzione del gambo contenente da due a cinque foglie e la punta.

Un colore di sole due o tre foglie è noto come colore d’oro. In rare occasioni vengono utilizzati anche i ramoscelli e i fiori della pianta. Le piante vengono normalmente mantenute senza fioritura per deviare la loro energia verso le foglie. Tuttavia, alcuni agricoltori preferiscono i bei fiori bianchi che sbocciano durante l’ autunno .

Il tè viene raccolto durante i mesi più caldi, quando la pianta è in forte crescita. Nei climi nordici, questo si traduce in una finestra di soli quattro mesi. Tuttavia, nelle regioni tropicali , i coltivatori possono avere fino a otto mesi di raccolti regolari.

Quali parassiti e malattie ti colpiscono?

La pianta del tè verde deve essere molto ben guardata perché è abbastanza soggetta all’attacco di diversi tipi di parassiti.

Tra queste possibilità troviamo acari, tripidi e persino termiti.

Una corretta valutazione quotidiana dello stato della pianta e delle sue foglie ci permetterà di avanzare con una diagnosi precoce e agire di conseguenza.

Un caso simile si verifica con malattie anch’esse all’ordine del giorno, con l’ antracnosi e il marciume radicale tra le alternative.

Per attaccare le malattie, il processo più appropriato è valutare i sintomi e, sulla base di essi, effettuare il trattamento più pertinente.

Del resto, dovrai solo goderti una pianta che è molto bella a livello ornamentale per il colore verde chiaro delle sue foglie e che è così benefica per il consumo umano.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *