Suggerimenti

3 tipi e varietà di asparagi più famosi

Gli asparagi sono stati consumati fin dall’antichità, in quanto originari della Mesopotamia, da dove venivano portati in Grecia e in Italia. 

In Spagna fu introdotto dagli Arabi nel XIII secolo, e oggi la produzione maggiore è quella di Navarra.

L’asparago è una pianta perenne che troviamo sulle coste mediterranee, ma è adattabile a climi temperati e tropicali .

Gli asparagi hanno molteplici applicazioni culinarie, come antipasti con salsa di maionese, vinaigrette, besciamella, gratin, ecc., strapazzate con uova, ingrediente di insalate e zuppe.

La versatilità culinaria è data dal sapore e dall’aroma di ogni varietà. I diversi tipi di asparagi sono classificati in base alla specie, varietà o metodo di coltivazione, perché non tutte le varietà possono essere coltivate in tutte le condizioni.

I produttori devono coltivare varietà che sono state testate nella regione in cui verranno piantate. Tra le cose che contribuiscono a un raccolto di successo ci sono il mercato potenziale, le esigenze dei coltivatori e le proprietà del suolo.

Secondo questo criterio, le varietà di asparagi sono classificate come segue:

Asparagi selvatici o selvatici

Vanno bene, dal sapore leggermente amarognolo, di colore verde e crescono nella boscaglia. Possiamo coltivarli in primavera , nell’orto di famiglia, senza interrarli eccessivamente, perché è una specie di raccolto corto, in primavera, di appena due mesi.

Sono positivi perché possiamo riprodurli facilmente per divisione del cespuglio, ripiantandoli da quelli trovati in campo senza portarli fuori dal loro habitat naturale.

Quando avremo esaurito la produzione lasceremo l’impianto all’aria aperta, in modo che diventi robusto e in questo modo potremo lavorare in condizioni migliori la prossima stagione perché ci saranno più focolai.

Questo asparago è il più nutriente, dal sapore e profumo più intenso e dalla consistenza più soda e carnosa, oltre ad essere quello che contiene più vitamine, in quanto ricco di vitamina A e C, tiamina (B1), riboflavina (B2 ), potassio e calcio.

Dobbiamo mangiarli appena raccolti per godere delle loro qualità gastronomiche e nutrizionali. Ideale nella pasta: tagliatelle o tagliatelle.

Asparagi bianchi

La sua mancanza di colore deriva dall’assenza di colorazione dei germogli.

Vengono coltivati ​​formando alte creste sulla pianta in modo che gli asparagi non ricevano luce, così la fotosintesi clorofilliana della pianta si interrompe e i germogli appaiono bianchi anziché verdi.

Ma attenzione, è questa tecnica che mantiene il sapore delicato di questa varietà di asparagi. Coltiveremo nei solchi, interrandoli alzando le creste, cercando di preservare i fusti dalla luce in modo che mantengano il loro colore bianco.

Anche questo prodotto è primaverile e ha la pelle liscia e lucente. La sua punta è verde, ma a volte diventa violaQuando li raccogliamo, dobbiamo prendere la precauzione di rimuovere accuratamente il terreno per tagliarli quando emergono i germogli di cresta.

Questa varietà di asparagi contiene più carboidrati; Viene venduto già lavorato perché ha il guscio, quindi dobbiamo sbucciarlo e cuocerlo per consumarlo. Dobbiamo piantarli in creste e raccoglieremo i gambi man mano che germogliano.

Poiché si induriscono con estrema facilità, dobbiamo agire prima che diventino lunghi. Come abbiamo scritto prima, la coltivazione dell’asparago in tutte le sue varietà è esclusiva della primavera. 

Va detto che le varietà di asparagi sono anche ibridi maschili con una vita lunga e redditizia, oltre che una produzione uniforme, senza il rischio della loro riproduzione.

Asparagi viola o viola

Il suo colore è dovuto a un pigmento noto come antocianina, presente in tutte le specie viola o viola, come uva , lampone , barbabietola, melanzana, ecc. 

Il suo sapore è più dolce dei bianchi e dei verdi, e può essere consumato crudo grazie alla sua consistenza croccante, ma questo non è un asparago così popolare come le altre due varietà.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.