Suggerimenti

Piantare l’origano: quando e come farlo

L’origano, con il nome scientifico Origanum vulgare, è una pianta aromatica molto apprezzata per le sue proprietà culinarie e salutistiche. È un ingrediente fondamentale della dieta mediterranea, le cui foglie vengono solitamente consumate essiccate per insaporire pietanze o per fare infusi.

Se vuoi avere questa pianta aromatica a casa e imparare a prendertene cura per trarne vantaggio, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde su quando e come piantare l’origano, prendersene cura e asciugarlo per il consumo.

Quando piantare l’origano

Verso la fine dell’inverno si può iniziare a preparare i semenzai per piantare l’origano. Se vuoi piantare direttamente nella sua posizione finale, dovrai aspettare fino alla primavera, quando le temperature non scendono sotto i 19ºC, ma ti consigliamo di seminare prima usando il metodo del focolaio. È importante che il locale in cui viene conservato il semenzaio mantenga una temperatura stabile compresa tra 19 e 22 ºC.

Come piantare l’origano

Segui questi passaggi per seminare i semi e poi piantare l’origano:

  1. Se avete i vostri semi di origano, preparate dei semenzai con un substrato composto da una parte di torba, una parte di fibra di cocco e una parte di humus di lombrico, oltre a una piccola aggiunta di vermiculite e perlite. Questo è un substrato universale per semenzaio che funziona molto bene e puoi farlo a casa con pochi soldi.
  2. Distribuire i semi di origano sui letti di semina, quindi coprirli e innaffiarli spruzzando in modo che l’acqua non li si accumuli tutti nello stesso punto.
  3. Conservare le piantine in una stanza illuminata ma non esposta alla luce solare diretta, a una temperatura compresa tra 19 e 22 ºC, e acqua a sufficienza per mantenere il substrato umido ma mai impregnato d’acqua.
  4. Dopo circa tre settimane, i tuoi semi di origano dovrebbero essere germogliati e cresciuti abbastanza da essere pronti per l’invasatura o il trapianto all’aperto.
  5. Nel farlo, assicurati di metterle in un vaso profondo almeno 30 cm, e se le pianti nel terreno, rispetta una distanza tra le piante inferiore a mezzo metro.

È anche possibile e altamente raccomandato riprodurre l’origano per talea, poiché queste attecchiscono molto facilmente e la riproduzione tende ad avere successo.

  1. Per effettuare la talea, in primavera, tagliare un ramo di almeno 10 cm dalla pianta. È consigliabile farlo sotto un nodo e liberare anche la metà inferiore dello stelo dai rami secondari.
  2. Fatto ciò, immergi lo stelo in acqua e cambialo ogni due giorni.
  3. Non dovrebbe volerci molto per vedere apparire le prime radici. L’origano non ha bisogno dell’uso di agenti radicanti per stimolare l’aspetto delle radici, ma se ti sembra che la tua pianta abbia bisogno di una spinta, puoi usare uno degli agenti radicanti naturali disponibili, come la cannella in polvere.
  4. Una volta che il ramo ha sviluppato le radici, è pronto per essere piantato.

Pianta di origano: cure di base

Ora che sai come piantare l’origano, sia ricavando piantine dai semi che per talea, impara le cure di base della pianta di origano:

Substrato

L’origano è una pianta che non è schizzinosa riguardo al tipo di terreno. Usa un substrato generico e aggiungi semplicemente un contributo di humus di lombrico per arricchirlo di materia organica. Questa aggiunta di sostanza organica va ripetuta una volta all’anno, per arricchirlo ed evitare che il terreno si compatta eccessivamente.

Luce

Questa pianta aromatica apprezzerà anche ricevere la luce solare diretta per almeno 4 ore al giorno. Metti il ​​vaso o la pianta in un luogo il più soleggiato possibile.

irrigazione con origano

Come la maggior parte delle piante, all’origano non piace che il suo substrato si inzuppi d’acqua. In effetti, questo è molto dannoso per quasi tutte le piante. Innaffia periodicamente, ma senza acqua in eccesso, in modo che il substrato abbia sempre un po’ di umidità, ma non si inzuppi mai.

Temperatura

L’origano può resistere alle basse temperature, ma la sua qualità come aromatico e ingrediente sarà maggiore se cresce in climi caldi.

Come essiccare l’origano

L’origano va raccolto dopo che la pianta è fiorita, quindi è consuetudine raccogliere l’origano all’inizio dell’estate, quando le sue foglie sono più aromatiche e saporite. Asciugare l’origano

  1. Taglia i rami che vuoi raccogliere con forbici da potatura adeguatamente disinfettate, effettuando un taglio netto a livello del suolo o nella metà superiore dello stelo.
  2. Legare i gambi in un mazzetto con spago o spago.
  3. Appenderlo a testa in giù in un luogo asciutto, ventilato e all’ombra.
  4. A seconda del clima locale, ci vorrà un tempo variabile per asciugarsi completamente, anche se il tempo medio è di circa una settimana.
  5. Una volta asciutti, separare le foglie e i fiori dai gambi e conservarli in un contenitore ermetico.

Se ti piace questo tipo di piante, ti consigliamo di saperne di più sui Tipi di piante aromatiche con questa guida e su Come coltivare le erbe aromatiche in casa con quest’altra guida.

Se desideri leggere altri articoli simili a Piantare l’origano: quando e come farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.