Suggerimenti

La coltivazione di alberi esotici: cachi, mango, ananas, nespole e kiwi

Frutti come la nespola , la crema pasticcera , il cachi o il mango hanno da tempo smesso di stupire sulle tavole spagnole. Tuttavia, è ancora raro trovarli nei frutteti e nei giardini. Gli alberi da frutto esotici che menzioniamo in questo articolo vivono bene in alcune regioni della Spagna, tanto che il paese esporta i frutti di alcuni di essi in tutto il mondo. Sapere da dove vengono ti aiuterà a capire i loro requisiti di temperatura e umidità e se si adatteranno all’area in cui vivi.

Cachi (Diospyros kaki)

Questo piccolo albero deciduo di origine cinese ha la sua area di coltivazione ideale nel bacino del Mediterraneo, sebbene possa essere piantato con successo anche sul versante cantabrico. È in grado di resistere a gelate fino a -12º (zona 8). Il cachi, nonostante resista alla mancanza d’acqua, accoglie le irrigazioni estive, aumentando così la sua produzione di frutti.

Piantala in pieno sole, su terreno non calcareo che drena bene e contenga abbondante materia organica. In autunno il fogliame del cachi assume una bella colorazione che va dal rosso all’arancione, prima di cadere; la raccolta di solito inizia in quel momento. Assicurati che l’esemplare da giardinaggio sia autofertile, come quelli delle varietà “Sharon” (o “Triumph”) e “Hachiya”.

Il frutto del cachi è noto per la sua dolcezza ma anche per la sua astringenza. Questa ruvidità al palato varia a seconda delle cultivar e si riduce quanto più il frutto è maturo. I meno astringenti sono “Sharon” e “Fuyu”.

MANGO (Mangifera indica)

Originario dell’India orientale e della Birmania, il mango trova in Spagna un’area di coltivazione piuttosto ridotta. Il gelo può facilmente ucciderlo, quindi può vivere solo nelle zone 11-12, dove la temperatura non scende sotto i 5 gradi. Al contrario, è un albero che resiste bene alla siccità, il che è benefico anche quando si tratta di fioritura. Pertanto, i manghi possono essere coltivati ​​nelle Isole Canarie, dove sono comuni, e nelle zone a microclima tropicale della costa mediterranea. La stagione della raccolta a queste latitudini va da settembre a dicembre.

In condizioni ideali, il mango diventa un albero di grandi dimensioni (oltre 20 metri), la cui rigogliosa chioma sempreverde, formata da lunghe foglie rossastre quando nuove e verde brillante in seguito, conferisce un grande valore ornamentale al sito in cui viene coltivato.

CHIRIMOYO (Annona cherimola)

È originario delle zone alte del Perù e dell’Ecuador, una regione dal clima poco piovoso e senza temperature estreme (da -1 a 5º, zone 10-11). È un piccolo albero molto ramificato con fogliame deciduo, anche se può essere conservato in zone con inverni molto miti. Non resiste al gelo e soffre l’eccessiva umidità. In Spagna è coltivato nelle zone più calde del Mediterraneo. Sulla costa di Malaga e Granada ci sono le più grandi piantagioni commerciali di mele alla crema, che fanno della Spagna il primo produttore mondiale di questo succulento frutto.

La crema pasticcera presenta solitamente problemi di impollinazione per l’assenza del suo impollinatore naturale, che è un tipico coleottero della sua regione di origine. Se tutti i fiori che in seguito formeranno il frutto non vengono fecondati, è possibile che le mele alla crema abbiano un aspetto irregolare. Nelle piantagioni commerciali, viene solitamente utilizzata l’impollinazione manuale. La stagione del raccolto inizia in autunno.

NISPERO (Eriobotrya japonica)

Di origine cinese, sebbene sia chiamato nespolo del Giappone, è con noi da più di 100 anni grazie alla sua capacità di adattarsi alla maggior parte dei climi spagnoli; sopporta anche i terreni calcarei e asciutti. Di facile coltivazione, è anche molto decorativo grazie al suo fitto fogliame, formato da grandi foglie coriacee con venature marcate, che mantengono verde il giardino durante tutto l’anno. Raggiunge i 5-6 metri di altezza e cresce rapidamente. Come albero ornamentale è possibile vederlo praticamente in tutta la Spagna perché sopporta gelate moderate (da -12 a -7, zone 8-9), anche se i climi che meglio si adattano sono quelli legati al Mediterraneo e al Cantabrico Mare. È anche possibile vederla fruttificare in ampie zone dell’altopiano; tuttavia, le gelate tardive possono rovinare la produzione.

Uno scalatore di nome kiwi

Sebbene sia stata in Nuova Zelanda che è iniziata la sua popolarità, il kiwi (Actinidia deliciosa) proviene dal sud della Cina. In Spagna può essere coltivato sia nelle regioni mediterranee che atlantiche; Non è invece consigliabile farlo nelle zone a clima continentale più freddo e secco, poiché può tollerare solo fino a -10º. È un arbusto rampicante che necessita di essere fissato a un supporto: può essere guidato su un traliccio sopra un muro o una recinzione, oppure può installare pali uniti da fili per fissarne la struttura in una posizione più aperta.

Un’altra opzione interessante è coltivarla su un pergolato che offra ombra in estate sotto il suo manto di grandi foglie tondeggianti verde scuro;
è deciduo.


Il kiwi è una specie dioica, quindi è necessario almeno un piede maschio per la fruttificazione;
uno basterebbe per fertilizzare fino a 10 piedi femminili. Ce ne sono anche di autofertili, come la varietà ‘Jenny’. La raccolta è a novembre.

Il verde è vita
.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *