Suggerimenti

Pianta del rosario: cura

Il Senecio rowleyanus, chiamato comunemente pianta del rosario o pianta a palla appesa, è una pianta pensile della famiglia delle Asteraceae, molto apprezzata nel giardinaggio e nella decorazione per il suo aspetto peculiare.

Se hai il coraggio di abbellire la tua terrazza o il tuo soggiorno con una di queste bellissime piante grasse, continua a leggere in questo articolo di EcologíaVerde in cui ti insegniamo la cura della pianta del rosario per averla a casa e goderti il ​​suo aspetto originale nella tua decorazione. Scopri che non è così difficile prendersene cura.

Pianta del rosario – caratteristiche

Queste sono le caratteristiche principali della pianta del rosario, una succulenta pendula molto vistosa:

  • È una succulenta originaria del Sud Africa.
  • Le sue foglie, sferiche o tondeggianti, sono di un vivido colore verde chiaro che le fa sembrare dei piccoli acini d’uva.
  • I suoi fiori sono piccoli e bianchi, anche se ne produce pochi e di rado, solo quando le condizioni sono ottimali.
  • Sebbene resista a climi temperati all’aperto, di solito viene coltivata come pianta da interno.
  • Prende il nome dall’aspetto che assumono i suoi steli una volta che le foglie sferiche si sono sviluppate e si sono riempite d’acqua.
  • È tossico se ingerito.

Se ti piace questo tipo di piante ornamentali o decorative, ti consigliamo di consultare questo altro articolo sulle piante grasse sospese: tipi, cure e come riprodurle.

Pianta del rosario: cura – guida pratica

In breve, queste sono le cure di base di cui la pianta del rosario ha bisogno:

  • La pianta del rosario necessita di molta luce, anche se soli indiretti o di bassa intensità.
  • Richiede temperature calde, comprese tra 16 ºC e 25 ºC.
  • Resiste bene in interni luminosi, ma all’aperto in climi temperati andrà meglio.
  • Richiede annaffiature distanziate e poco abbondanti, da succulenta qual è.

luce e posizione

Questo è uno dei punti più importanti nella cura della pianta del rosario, ed anche il motivo per cui a volte c’è chi contraddice il fatto che sia una pianta facile da coltivare.

Senecio rowleyanus è una pianta che, sebbene possa essere coltivata indoor, richiede grandi quantità di luce per svilupparsi correttamente. Ciò significa che se la metti in una stanza con molta luce naturale o vicino a una finestra, la pianta crescerà correttamente, ma in stanze buie corri il rischio che appassisca.

Se noti che la pianta perde vivacità nel tono delle sue foglie o che si ammorbidisce o scurisce, spostala in un luogo più luminoso, preferibilmente una terrazza o un balcone, o almeno una finestra che riceva più luce solare.

Tempo metereologico

Come dicevamo sopra nel riassunto, la sua temperatura ideale è compresa tra i 16ºC e i 25ºC, anche se questa pianta può sopportare temperature molto più elevate senza problemi eccessivi, a patto di tenerla al riparo dalla luce solare diretta molto intensa.

D’altra parte, non è così flessibile alle basse temperature. Se sottoponi a lungo la tua pianta del rosario a temperature inferiori a 10 ºC, è molto probabile che la sua salute e vitalità ne risentano in modo molto negativo e potrebbe anche morire.

Innaffiare la pianta del rosario

Come quasi tutte le piante grasse, la pianta del rosario non tollera l’umidità eccessiva, che può far marcire le sue radici e far morire la pianta. Per questo motivo annaffia sempre, facendo attenzione che il substrato non si inzuppi d’acqua e che il terreno non sia costantemente umido.

Tuttavia, non cadere nemmeno nell’estremo opposto. Non lasciare che il substrato si asciughi completamente prima di ogni annaffiatura. Se vedi che le foglie del tuo Senecio rowleyanus perdono la loro forma sferica e iniziano a «sgonfiarsi», è che la pianta ha bisogno di più umidità e sta usando ciò che immagazzina nelle sue foglie.

Controllare in ogni caso l’umidità del supporto e regolare i rischi in base al clima locale. In linea di principio, dovrebbe essere sufficiente annaffiare ogni 10-15 giorni, anche se in estate puoi aumentarlo a una volta alla settimana. Puoi anche provare l’irrigazione per immersione, nel qual caso è meglio lasciare asciugare completamente il substrato ogni volta. La cosa buona di questo metodo è che ti assicuri che l’acqua in eccesso venga scaricata e che non si accumuli nella pentola.

Qui puoi saperne di più su Quando annaffiare le piante.

Altri consigli per prendersi cura della pianta del rosario

Per finire, ti offriamo ulteriori consigli sulla cura della pianta del rosario e aspetti di cui tenere conto se ce l’hai in casa:

  • Come abbiamo detto, è una pianta la cui ingestione è tossica, quindi tienila fuori dalla portata di animali domestici e bambini piccoli.
  • Se le sue foglie cadono facilmente non appena le tocchi, è probabilmente dovuto all’eccesso di acqua. Se, invece, sono rugose e allungate, è necessario annaffiarlo di più.
  • È una succulenta molto facile da propagare, anche con steli le cui radici sono marcite a causa dell’umidità in eccesso. In questo altro post spieghiamo come riprodurre le piante succulente.

Di seguito potete vedere il nostro video su questa curiosa pianta succulenta.

Se desideri leggere altri articoli simili a Pianta del rosario: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.