Suggerimenti

Prodotti eco e km0

Una mela biologica o una mela “km0” ? Quale scelgo? Come lettore di questo blog, sei sicuramente un consumatore “ECOresponsabile”. Quindi è molto probabile che, al momento dell’acquisto e in più di un’occasione, tu sia stato assalito da questo tipo di domande.

In questo articolo cercheremo di rispondere loro. Ti diremo cosa sono questi prodotti, come si differenziano e, infine, faremo riferimento a due interessanti campagne in corso che vale la pena conoscere.

.

Prodotti eco e prodotti a km0: cosa sono?

Prima di tutto, sappiamo cosa sono esattamente ciascuno di questi prodotti:

  • Prodotto “Eco”

Un cibo ecologico o “eco” – chiamato anche cibo biologico , “bio” o cibo biologico – è un prodotto agricolo o agroindustriale prodotto secondo procedure sostenibili, limitando l’uso di prodotti di sintesi come pesticidi, erbicidi e fertilizzanti artificiali, e additivi alimentari. In un precedente post abbiamo parlato dell’etichettatura degli alimenti biologici . Ricordiamo che, secondo le normative europee al riguardo, le principali caratteristiche di un prodotto ecologico sono:

  1. Proviene da agricoltura biologica.
  2. Viene prodotto senza l’uso di pesticidi, erbicidi, fertilizzanti, ecc.
  3. Si ottiene rispettando il ritmo naturale della crescita.
  4. Si realizza senza aggiunta di additivi, coloranti, aromi, aromi, ecc.
  5. È prodotto senza organismi geneticamente modificati (OGM) o transgenici.
  6. È certificato da un organismo o autorità di controllo.
  • Prodotto «km0»

Un prodotto a “chilometro zero” o a “km0” – detto anche prodotto “di prossimità” o prodotto a “filiera corta” – è quello prodotto ad un massimo di 100 chilometri dal punto di consumo. Il concetto ” km0″ da assegnare a questo tipo di alimento o prodotto è stato coniato da Carlo Petrini, fondatore del movimento internazionale “Slow Food”.

Il movimento “Slow Food” (“Slow Food”, contrapposto a “fast food” o “fast food”) nasce in Italia nel 1986. La tua filosofia? Slow Food aspira a un mondo in cui tutti possiamo accedere e gustare il cibo che fa bene a noi stessi, a chi lo produce e al pianeta […] Il nostro lavoro si basa su una nozione di qualità del cibo definita da tre principi interconnessi: buono, pulito e giusto ”, riflettono sul loro sito web.

Qual’è la differenza tra loro? Cosa scegliere al momento dell’acquisto?

L’acquisto di prodotti biologici è indubbiamente un bene sia per te che per l’ambiente, ma cosa succede se il tuo prodotto biologico acquistato in Spagna proviene, ad esempio, dal Sudafrica? È un lungo viaggio per arrivare al tuo cestino. Gli effetti ambientali positivi dell’azienda agricola biologica e del frutteto da cui proviene potrebbero essere vanificati dall’aumento del consumo di carburante, energia e imballaggi necessari per il suo trasporto e conservazione.

Innanzitutto bisogna sapere che “km0” non è equivalente a ” ecologico” . Un alimento a chilometro zero o di prossimità è un prodotto raccolto nella stagione corrispondente, al suo giusto punto di maturazione e che “ha viaggiato” poco per arrivare alle tue mani, ma nella cui produzione potrebbero essere state utilizzate sostanze chimiche tossiche dannose per il tuo organismo. per l’ambiente.

Non sarebbe così se si trattasse di un’azienda agricola biologica locale o di un orto, che unirebbe entrambi i criteri: ecologia e vicinanza . Quindi se hai la possibilità di acquistare un alimento o un prodotto da agricoltura biologica e anche questo a chilometro zero, ovviamente, quella sarà l’opzione migliore. Applica il criterio “km0” ogni volta che devi scegliere tra due prodotti convenzionali: uno prodotto localmente e l’altro prodotto a centinaia o addirittura migliaia di chilometri da te.

..

Optando per prodotti biologici e locali o di prossimità sarai:
  • Favorire il consumo stagionale.
  • Incoraggiare l’economia locale sostenendo i piccoli e medi agricoltori e produttori.
  • Ridurre l’impatto ambientale in termini di inquinamento, emissione di gas serra che contribuiscono al cambiamento climatico, generazione di rifiuti dovuta alla minore necessità di imballaggi, ecc. L’ impronta ecologica alla fine sarà molto più piccola.

«ECOcampagne»

I seguenti movimenti o iniziative hanno lo scopo di aumentare la consapevolezza sull’impatto negativo dell’inserimento di prodotti con un’elevata impronta ecologica nel nostro piatto o nel nostro carrello .

.

Ristoranti Km0 .

Iniziativa del già citato movimento “Slow Food”. La sua pretesa è “favorire il consumo di prodotti locali, regionali o addirittura territoriali. Favorire la vendita diretta di questi prodotti dal piccolo produttore al consumatore o a ristoranti e/o mense collettive». Forniscono un elenco di Ristoranti Certificati Km0.

.

.

Campagna #DesnudaLaFruta .

Lanciata di recente la campagna #DesnudaLaFruta “intende denunciare l’ uso abusivo della plastica nella vendita di alcuni alimenti”.

Per sostenerlo basta scattare una foto del prodotto, frutta o verdura, avvolto nella plastica in un modo che riteniamo abusivo o non necessario e condividerla sui social con l’ hashtag o tag #DesnudaLaFruta.

( Fonte immagine Blog L’ipotesi di Gaia )

Al momento dell’acquisto di qualsiasi prodotto, dobbiamo tenere conto dei costi sociali, ambientali ed economici diretti e indiretti. Ecco perché in ECOagricultor ti incoraggiamo sempre a dare la priorità al consumo di alimenti e prodotti biologici , locali e stagionali . Acquista in modo consapevole, responsabile e sostenibile.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *