Suggerimenti

Gerani di prugna: come e quando farlo

I gerani appartengono a una vasta famiglia di piante del genere Geranium con oltre 400 specie al suo attivo, sebbene alcuni del genere Pelargonium siano anche comunemente noti come gerani. Sono piante che abitano praticamente tutti i climi temperati e, in giardinaggio, oltre alla bellezza delle foglie e dei fiori, spicca la loro utilità come tappezzante.

Tuttavia, i gerani sono piante che richiedono alcune cure per rimanere sane e belle. Una di queste cure più basilari, come in tutte le piante, è la potatura corretta, quindi in questo articolo di EcologíaVerde ti insegneremo come potare i gerani e quando è il mese migliore per potare i gerani.

Quando potare i gerani

Una potatura regolare del geranio è molto vantaggiosa per qualsiasi tipo o varietà, ma è necessaria soprattutto per la tipologia perenne, perché se non vengono potati almeno una volta l’anno, finiscono per sviluppare fusti lunghi, sottili e deboli, con scarsi fioritura..

Ci sono anche due ragioni principali per potare un geranio: per rafforzarlo e abbellirlo, oppure per liberarlo dalle parti danneggiate o malate. Se andiamo a potare le parti danneggiate, l’ideale è farlo in pieno inverno, quando la pianta è meno attiva, tra dicembre e gennaio.

Se invece si tratta di una potatura di parti sane, il mese di potatura del geranio varierà a seconda del clima locale. Se abiti in una zona calda dove non gela in inverno, è normale potare in autunno, mentre se dove vivi gli inverni sono freddi e il terreno soffre le gelate, è meglio farlo all’inizio della primavera, a marzo o aprile.

Alcuni preferiscono potare due volte l’anno per stimolare ulteriormente la crescita della pianta e mantenerla compatta e piena di fiori. È più sicuro farlo in climi caldi o temperati e potare anche in autunno e primavera.

Come potare i gerani passo dopo passo

Ecco i passaggi per potare i gerani in modo semplice e corretto:

  1. Prima di potare il geranio, sterilizza sempre le tue forbici o forbici da potatura con alcol. Ciò impedirà alla pianta di essere attaccata dai germi che entrano attraverso le sue ferite aperte.
  2. Osserva attentamente la pianta per identificare le aree malate o danneggiate. Ciò include guardare la parte inferiore delle foglie e le aree che di solito sono nascoste alla vista. Dovresti eliminare tutti gli steli e le foglie malsane, così come le foglie appassite. Non aver paura di rimuovere foglie o fiori che non sembrano ancora completamente appassiti, è meglio che la pianta li poti in modo che possa concentrare le sue energie sulla produzione di nuovi germogli.
  3. Se poti in primavera, puoi rimuovere alcuni degli steli sani che hanno fiori. Per fare ciò, puoi eseguire il taglio nel punto in cui lo stelo si unisce al nodo principale oppure a poco più di 5 mm dal primo nodo. In entrambi i casi, tagliare sempre ad angolo, poiché ci sono meno possibilità che la sezione di taglio raccolga detriti indesiderati.
  4. Infine, si consiglia di potare gli steli più sottili e lunghi della pianta, soprattutto se non presentano foglie o pochissime. Meglio mettere in risalto gli steli laterali del geranio, lasciando quelli centrali non potati, in modo da conferirgli una forma il più possibile sferica. Questi tipi di steli dovrebbero essere potati quasi alla base, sempre a circa 5 mm dal nodo più basso.

Come fare le talee di geranio e piantarle

È possibile salvare gli steli dalla potatura per fare talee e piantarli, producendo così un altro geranio. Infatti, un unico stelo abbastanza lungo può essere tagliato in più parti per produrre diverse talee. Ricordati di tagliarli sempre poco più di 5 mm sotto il nodo.

  1. Rimuovi tutte le foglie tranne le più alte dal taglio. Una talea appena piantata non avrà la forza di sostenere più foglie o una troppo grande, ma lasciarla con una sola dimensione media la aiuterà a crescere più velocemente. Tuttavia, la foglia non è completamente necessaria e può crescere anche uno stelo senza foglie.
  2. Preparare una piccola pentola con un substrato adatto per i gerani. L’uso di pentole con un piccolo serbatoio d’acqua sotto i fori di drenaggio può aiutare se non vuoi essere così vigile sull’irrigazione.
  3. Fai un piccolo foro con un bastoncino o una matita nel terreno e piantaci la talea. Se hai degli ormoni radicanti, immergere in essi la parte inferiore dello stelo prima di piantare aiuterà la pianta a diventare forte prima. Ricordarsi di non interrare troppo la talea, in modo che la foglia sia sempre sopra il suolo.
  4. Infine, annaffia il taglio dopo averlo piantato. Le prime radici dovrebbero apparire in non più di due settimane.

Per finire, ti consigliamo di leggere questo altro articolo che è una guida sulla cura dei gerani.

Se desideri leggere altri articoli simili a Potatura dei gerani: come e quando farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.