Suggerimenti

Parassiti e malattie dell’erica: [rilevamento, cause e soluzioni]

L’erica è una di quelle piante ornamentali che tutti dovremmo usare per decorare il nostro giardino.

Uno dei motivi è che colora l’ambiente floreale in toni viola in un momento in cui la maggior parte delle specie vegetali va a riposo: l’inverno.

Può essere tenuto in pieno sole quando si trova in una zona con climi miti durante tutto l’anno e, soprattutto, accetta terreni acidi. 

Averlo molto ben curato significa conoscere tutti i parassiti e le malattie che possono colpire l’erica e qui vi lasciamo un riassunto molto dettagliato di essi.

oidio

L’oidio è una delle malattie fungine più conosciute nel mondo delle piante ornamentali e l’erica non sfugge ad essere attaccata da essa.

Grazie alla sua presenza vengono colpite varie zone della pianta come le foglie e gli steli più giovani, nonché i germogli.

L’azione dell’oidio produce una macchia bianca sulle suddette parti , la cui origine è proprio il micelio del fungo.

Dopo il passare del tempo, queste macchie bianche fanno indebolire la pianta fino a quando, come azione finale, finisce per morire. Per aiutare una pianta di erica a non essere vittima del suo attacco, è meglio piantarla in un’area con sufficiente circolazione d’aria.

È anche un buon piano per proteggerlo dalle erbacce nell’area circostante e applicare l’ estratto di equiseto.

cocciniglie

Le cocciniglie sono insetti bianchi che forniscono una casa decente in cui vivere sulle foglie delle piante di erica (e molte altre specie).

Poiché è di colore bianco, viene spesso confuso con l’ oidio , ma la sua azione è diversa e lo sono anche i sintomi che produce.

La prima cosa da considerare quando si ha a che fare con questo parassita è che ha un esterno cotonoso e ceroso che impedisce agli insetticidi di danneggiarlo.

Per questo motivo è fondamentale essere molto attenti alle colture in modo che se attacca possa essere combattuta prima che diventi eccessivamente numerosa. Un altro dettaglio importante è che la cocciniglia succhia la linfa dalle piante , il che genera un indebolimento generale che può influenzare la fioritura.

Consumando questa linfa, genera una melassa che è una fonte di cibo ideale per un fungo noto come audace , essendo ancora più dannoso. Se hai bisogno di supporto da prodotti naturali, l’ olio di neem e il sapone di potassio sono altamente raccomandati.

Ma è anche un buon piano per introdurre nell’ambiente i predatori naturali dell’insetto, come Cryptolaemus montrouzieri .

Verticillosi

La verticillosi è una malattia che produce un fungo che si deposita nelle radici e, da lì, provoca danni alla struttura totale della pianta.

A livello dell’aria, gli effetti sono evidenti perché le foglie iniziano a ingiallire per poi seccarsi e, infine, cadere.

Nella maggior parte dei casi l’erica ne risente quando è in piena stagione estiva , con temperature elevate. D’altra parte anche i sistemi di irrigazione sono determinanti, in quanto l’elevata umidità ne stimola l’aspetto.

Durante la semina, è essenziale assicurarsi che le piantine scelte siano in perfette condizioni, poiché le renderà meno vulnerabili. 

Allo stesso modo, è una buona strategia evitare l’uso di terreni dove sono state precedentemente piantate le solanacee , come le melanzane , perché sono molto inclini a soffrire di questa malattia.

ragno rosso

Il ragnetto rosso è uno dei parassiti più preoccupanti che può attaccare qualsiasi coltura perché si riproduce abbastanza rapidamente.

Il suo modo di provocare danni si basa su un meccanismo di aspirazione che estrae la linfa dalle piante, lasciando ferite sulle foglie.

Queste ferite non guariscono ma ingialliscono ed è molto probabile che in seguito acquisiscano un aspetto necrotico. 

Tuttavia, quando viene rilevato in tempo è possibile eseguire un lavoro più o meno semplice, eliminando le foglie colpite. Gli estratti a base di aglio sono anche un buon modo per prevenire l’attacco. 

Nel caso in cui sia evidente la presenza di molti ragni, il controllo biologico è consentito aggiungendo predatori naturali all’ecosistema. Tra questi c’è Amblyseius californicus , che è efficiente perché consuma sia gli adulti che le loro uova e larve.

Ruggine

La ruggine è una malattia fungina e, purtroppo, è una delle versioni più dannose di qualsiasi specie, inclusa l’erica.

Uno dei modi per farlo entrare nella pianta è attraverso le radici (quando il terreno è contaminato o la piantina utilizzata è malata).

Un’altra via è dovuta alle ferite da potatura, che porta all’esigenza che vengano sempre utilizzati strumenti disinfettati e che il tempo di applicazione sia ben definito. 

Rilevare questa malattia è semplice, in quanto è visibile all’occhio umano perché una sorta di pustole si formano nella parte inferiore delle foglie.

Queste pustole contengono all’interno il micelio del fungo e, se non rilevate in tempo, finiranno per ricoprire l’intera struttura. 

Allo stesso tempo, le foglie colpite diventano giallastre e alla fine si seccano, rimanendo attaccate alla pianta per qualche tempo.

Al giorno d’oggi, le piantine che vengono utilizzate per la semina stanno diventando più resistenti a livello genetico. Quindi, è molto più consigliabile sfruttare uno di questi perché, oltre alla protezione, hanno una crescita più rapida rispetto alla semina da seme .

Occorre invece evitare che la pianta si trovi in ​​una zona con eccesso di umidità perché questa condizione ne stimola l’aspetto. Come trattamento si consiglia di asportare le foglie colpite per evitare la moltiplicazione del fungo.

Fondamentale è anche lavorare con un fungicida naturale che eserciti una pressione immediata sul fungo, si consiglia il brodo bordolese. Avere l’erica bella e ben curata ci darà tante gioie, ma per questo è fondamentale tenere in considerazione tutti questi dati per averla sempre 10.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.